Categorie
Esteri

WFP, aumenta assistenza alimentare e supporto logistico per rispondere all’emergenza ebola

Virus EbolaDakar, 2 settembre 2014 – Il Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite (WFP) sta aumentando il volume dell’assistenza alle persone colpite dall’ebola nei tre paesi maggiormente afflitti dall’epidemia – Guinea, Liberia e Sierra Leone – e il supporto logistico a tutta la comunità umanitaria impegnata a combattere la diffusione del virus. Il WFP ha lanciato un’operazione regionale di emergenza per raggiungere 1,3 milioni di persone nei centri sanitari e nelle aree in quarantena. Il WFP fornisce cibo e assistenza logistica, lavorando insieme ai governi nazionali, all’Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO) e ad altri partner per dare assistenza alle persone affette dal virus sotto trattamento e ridurre il rischio che il virus si propaghi in nuove aree.

“Stiamo moltiplicando i nostri sforzi per portare assistenza alimentare a tutte le persone che ne hanno bisogno e per fornire supporto logistico alle agenzie ONU e alle organizzazioni non governative che operano per contenere la diffusione del virus e soddisfare i bisogni primari delle popolazioni colpite”, ha dichiarato Denise Brown, Direttore Regionale del WFP per l’Africa Occidentale.
“Contenere la diffusione del virus richiede un approccio olistico che includa anche l’assistenza alimentare”, ha aggiunto.
Il WFP ha rafforzato la sua risposta all’emergenza aumentando di 50 unità il personale dislocato nei tre paesi più colpiti.
Il Servizio aereo umanitario delle Nazioni Unite (UNHAS), gestito dal WFP, ha messo a disposizione un aereo da 19 posti che dal 16 agosto fa la spola tra Conakry, Freetown e Monrovia per consentire l’accesso del personale umanitario e la consegna dei beni di prima necessità. Un elicottero UNHAS, di stanza a Monrovia, volerà nelle zone colpite nei prossimi giorni.
Il WFP gestisce anche il Network di Basi di Pronto Intervento Umanitario delle Nazioni Unite (UNHRD), che si occupa di stoccare e gestire beni di prima necessità. Dalle basi di Dubai e Accra, per conto del WFP, dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO) e dell’Agenzia Giapponese per la Cooperazione Internazionale (JICA), l’UNHRD ha inviato nella regione 30 tonnellate di dispositivi di protezione individuale – come guanti, maschere e kit sanitari di emergenza – per un valore pari a 340.000 dollari.

Il WFP ha urgente bisogno di 70 milioni di dollari per proseguire, fino a novembre, l’operazione regionale di emergenza. I costi dei voli UNHAS fino al 13 ottobre – 7,3 milioni di dollari – sono finanziati solo per il 38 per cento. Il WFP sta, inoltre, avviando un’operazione logistica per un costo di 7,5 milioni di dollari.

Guinea
· Il WFP ha iniziato le distribuzioni di cibo per far fronte all’emergernza ebola quattro mesi fa, raggiungendo circa 40.000 persone (Biffa, Fria, Télémélé, N’Zerekore, Macenta e Guekedou).
· L’operazione è stata pianificata in modo da aumentare gradualmente le distribuzioni e fornire cibo a 464.000 persone per un periodo di tre mesi.

Sierra Leone
· Il WFP sta raggiungendo i malati di ebola nei centri sanitari e le famiglie colpite nelle aree di Kenema e Kailahun così come le abitazioni messe in quarantena in 12 dei 13 distretti della Sierra Leone.
· Finora, il WFP ha fornito cibo a più di 16.000 persone in quarantena nei distretti di Kenema, Bombali, Port Loko, Kailahun, Kono, Moyamba e Western. Il WFP fornirà anche cibo alle squadre che gestiscono i cordoni sanitari e agli infermieri.
· Il WFP sta allestendo nuovi magazzini nei distretti di Makeni, Port Loko, Moyamba, Kono, Bonthe, Kailahun e Western.
· L’operazione regionale del WFP conta di dare assistenza ad un massimo di 400.000 persone in Sierra Leone nei prossimi 3 mesi.
· Il WFP sta negoziando con il Ministero dell’Agricoltura la possibilità di usufruire dei centri per lo stoccaggio di beni alimentari in tutti i distretti colpiti. Questo consentirebbe al WFP di pre-posizionare il cibo e ridurre i tempi di risposta.

Liberia
Tra il 1° di luglio e la fine di agosto, il WFP ha distribuito cibo a circa 43.700 persone nei centri di trattamento per l’ebola e nelle comunità in quarantena:
· Le distribuzioni hanno riguardato 9 delle 15 contee della Liberia, tra cui la comunità dello slum di West Point, nella capitale Monrovia, e il distretto di Foya, zona nord della contea di Lofa.
· Il WFP ha trasportato più di 71 tonnellate di cibo in otto contee (Bomi, Bong, Cape Mount, Grand Bassa, Lofa, Margibi, Nimba e Rivercess) che verranno distribuite a circa 4.600 persone che vivono nei centri di isolamento.
· Il WFP ha fornito cibo alle comunità in quarantena in nove contee (Bomi, Bong, Cape Mount, Grand Bassa, Lofa, Margibi, Montserrado, Nimba, Rivercess). I beneficiari sono stati circa 39.000 persone, di cui 13.500 a West Point e Dolo’s Town.
· Le distribuzioni nelle aree di West Point e Dolo’s Town continuano e, una volta portate a termine, dovrebbero permette di assistere circa 57.000 persone.

Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite – WFP

Avatar

Di Mena

Appassionata di informazione collabora gratuitamente con Italia-news e crede nella sua missione di offrire una libera informazione non legata a vincoli politici o di partito o di lobbies economiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.