Categorie
Italia

Coronavirus Lauro (Avellino), focolaio in una salumeria: a rischio 200 persone

Preoccupazione a Lauro in provincia di Avellino dove un focolaio partito da una salumeria avrebbe reso positivi almeno 10 clienti e altri 200 sono a serio rischio contagio.

Il sindaco di Lauro, Antonio Bossone, ha chiesto e ottenuto che la sua città diventasse “zona rossa”. Lo ha annunciato lo stesso primo cittadino durante la trasmissione “Pomeriggio 5” condotta da Barbara d’Urso.

“Appena ho saputo la notizia – spiega il primo cittadino di Lauro a “Pomeriggio Cinque” – ho fatto chiudere la salumeria e ho chiesto la zona rossa per il nostro comune. Ora abbiamo 200 persone in quarantena e l’intera area è off limits, sicuramente prorogherò le misure restrittive oltre la data fissata dal governo”.

L’Ordinanza n. 28 del 05/04/2020 della Regione Campania a firma del Presidente Vincenzo De Luca prevede che fino al 10 aprile 2020 ferme restando le misure statali e regionali già vigenti, e salvo rinnovo ove necessario, con riferimento al territorio del Comune di Lauro (AV) sono
adottate le seguenti misure:
a) divieto di allontanamento dal territorio comunale da parte di tutti gli individui ivi presenti;
b) divieto di accesso nel territorio comunale.
c) sospensione delle attività degli uffici pubblici, fatta salva l’erogazione dei servizi essenziali e di pubblica utilità.

E’ fatta salva la possibilità di transito in ingresso ed in uscita dal territorio comunale da parte degli operatori sanitari e socio-sanitari, del personale impegnato nei controlli e nell’assistenza alle attività relative all’emergenza, nonché degli esercenti le attività consentite sul territorio ai sensi dei DDPCM 11 marzo 2020, 22 marzo e 1 aprile 2020 e ss.mm.ii. e quelle strettamente strumentali alle stesse, limitatamente alle presenze che risultino strettamente indispensabili allo svolgimento di dette attività e a quelle di pulizia e sanificazione dei relativi locali e con obbligo di utilizzo di dispositivi di protezione individuale.

Nel territorio comunale oggetto della presente ordinanza è disposta la chiusura delle strade secondarie, come individuate dal Comune sentita la Prefettura competente.

La ASL competente assicura il rafforzamento e l’ampliamento degli screening sanitari, dando priorità alla popolazione del Comune oggetto della presente Ordinanza rispetto a quelle degli altri Comuni.

Redazione

Di Redazione

Se anche tu vuoi avere voce su Italia News invia i tuoi comunicati a notizie@italia-news.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.