6 curiosità sulla roulette e sul mondo dei casinò

Piattaforme di poker, blackjack e qualunque roulette online, insomma, i casinò virtuali in generale, sono frutto di un mondo che si è sviluppato nel corso dei secoli e che presenta una vera tradizione, codici propri, simboli e persino atteggiamenti particolari insieme a un outfit specifico per giocare ai tavoli. Sono tantissime curiosità sul gambling, sul mondo dei casinò e sulla roulette, scopriamo nello specifico alcuni aneddoti originali e storie particolari.

Un appassionato di casino ha inventato il sandwich

Uno dei pasti che ormai rappresentano la colonna portante dell’alimentazione moderna è sicuramente il sandwich ma non tutti conoscono la vera storia di come sia stata inventata questa delizia. L’idea si deve a un accanito giocatore di nome John Montagu Conte di Sandwich, un appassionato di casinò a tal punto che spesso dimenticava di mangiare, persino di andare in bagno, pur di rimanere incollato al tavolo. Un giorno ordinò al suo cameriere una fetta di carne in mezzo ad altre fette di pane: ecco come è nato il sandwich. Certo, oggi il Conte di Sandwich avrebbe potuto tranquillamente mangiare giocando a poker su siti come Betfair ma a quei tempi ancora non esisteva internet.

Grosvenor Casinò: gambling in taxi

Sapete qual è il casinò più piccolo al mondo? Il Grosvenor Casinò, ossia un taxi che gira per le strade di Londra e che contiene all’interno TV satellitare e altri servizi esclusivi, oltre a tutto l’occorrente per giocare a poker, roulette e alle slot.

666: il numero del diavolo

Esistono diversi motivi per cui il gioco d’azzardo nel Medioevo era considerato come un’attività diabolica, quindi immorale e illegale. Una di queste ragioni riguarda la cabala, in quanto la somma dei numeri della roulette è 666, ossia il numero del diavolo. Anche il moto circolare della pallina che gira prima di posarsi su un numero, era considerata come un’attività mefistofelica in quanto richiamava il cerchio.

Mangiare i dadi: una dieta a base di gambling

Nella lontana America del secolo scorso durante il periodo del proibizionismo, i casinò erano illegali e il gamibling veniva praticato nelle sale da gioco clandestine. Quando venivano effettuati dei controlli e all’improvviso arrivavano le forze dell’ordine per una retata, molto spesso i giocatori presenti ai tavoli mangiavano i dadi da gioco per eliminare le prove del reato. Una dieta a base di gambling non è il massimo e probabilmente i dadi è meglio tirarli che mangiarli.

I reperti più antichi del gambling

I ritrovamenti più antichi al mondo riguardo al gioco sono di origine cinese e risalgono a circa 4000 anni fa, si tratta di tessere molto simili alle comuni piastrelle che secondo gli archeologi (con tutta probabilità) venivano utilizzate come le attuali fiches o proprio come carte da gioco. Altri ritrovamenti molto antichi appartengono all’Egitto e risalgono al 1500 a.C. circa, di che cosa si tratta? Di dadi da gioco.

Casinò più antichi del mondo

Il primo casinò aperto in assoluto è quello di Venezia, inaugurato nel 1638. Successivamente, nel XIX secolo furono aperti i Casinò di Baden in Germania e il famosissimo casinò di Montecarlo nel Principato di Monaco. Nel 1905 fu aperto il Casinò di Sanremo e per quanto riguarda Las Vegas bisognerà attendere fino al 1946 per il suo primo casinò aperto presso il Flamingo Hotel.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.