Home Economia 📈 Investimenti. Credete nella “pausa natalizia”?

📈 Investimenti. Credete nella “pausa natalizia”?

Steven Bell, Chief Economist EMEA di Columbia Threadneedle Investments
Steven Bell, Chief Economist EMEA di Columbia Threadneedle Investments
Pubblicità
Condividi

a cura di Steven Bell, Chief Economist EMEA di Columbia Threadneedle Investments

Ci troviamo in un momento cruciale per i mercati nel 2023. La politica monetaria statunitense è un fattore determinante per le condizioni finanziarie, non solo negli Stati Uniti, ma in tutto il mondo. La Federal Reserve statunitense interromperà il suo ciclo di inasprimento all’attuale, o quasi, livello dei tassi di interesse? I mercati la pensano certamente così; al momento, infatti stanno valutando il livello massimo del tasso dei fondi federali al 4,84%, appena al di sopra dell’attuale tetto massimo del 4,5%. Il picco previsto è sceso di 15 punti base nell’ultima settimana e i mercati si aspettano che i tassi scendano verso il 4% entro l’inizio del 2024. Tuttavia, la scorsa settimana la Fed ha aumentato i tassi e, soprattutto, ha alzato al 5% il tasso previsto per la fine del 2023.

Pubblicità

L’ottimismo del mercato riguardo i tassi d’interesse è riflesso delle notizie migliori circa l’inflazione, con il dato dell’IPC della scorsa settimana che è risultato inferiore per il secondo mese consecutivo. La Fed ha identificato queste buone notizie in termini di riduzione dei prezzi dell’energia, dei beni in generale e dell’assistenza sanitaria. Tuttavia, la Fed rimane pessimista sul mercato del lavoro, che rimane notevolmente rigido, e sul divario record tra l’inflazione salariale di chi cambia lavoro e di chi lo mantiene. Un gap tale, quest’ultimo, da imporre alle aziende un aumento delle retribuzioni del personale esistente per evitare di perderlo a favore dei concorrenti.

La questione si risolverà in un modo o nell’altro: o il mercato del lavoro si ammorbidirà, giustificando l’ottimismo dei mercati, o l’inflazione si dimostrerà persistente, giustificando un aumento dei tassi da parte della Fed. Cosa significa tutto questo per i mercati? Possiamo rintracciare un impatto negativo in entrambi gli scenari. Se il mercato del lavoro statunitense si indebolirà all’inizio del prossimo anno e si entrerà in recessione, i consumatori spenderanno meno e i margini di profitto diminuiranno. L’1% di riduzione dei margini equivarrebbe all’11% in meno di utili societari per lo S&P 500. Se, al contrario, il mercato del lavoro non si indebolirà, la Fed continuerà a inasprire le sue misure, il che avrà ugualmente un effetto negativo sui mercati.

Come Columbia Threadneedle siamo convinti che gli asset di rischio continueranno a scendere. Forse ci troviamo in prossimità della fine del mercato orso, ma il 10% di ribasso è una prospettiva realistica. Questo potrebbe rappresentare un’opportunità di acquisto, in quanto ci aspettiamo che la recessione sia lieve e di breve durata.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
Captcha verification failed!
Punteggio utente captcha non riuscito. Ci contatti per favore!