Economia inglese e sterlina in sofferenza

Steven Bell, Chief Economist EMEA di Columbia Threadneedle Investments
Condividi

A cura di Steven Bell, Chief Economist EMEA di Columbia Threadneedle Investments

La reputazione del Regno Unito come economia ben gestita sta soffrendo molto. Il nuovo cancelliere ha ora una ragionevole possibilità di ripristinare un certo grado di fiducia, tuttavia, il contesto è radicalmente cambiato.

Le aspettative di rialzo dei tassi di interesse negli Stati Uniti e in Europa sono aumentate notevolmente. Questo esercita una conseguente pressione al rialzo sui tassi di interesse del Regno Unito (e una pressione al ribasso sulla sterlina).

Con l’incombere della recessione nel Regno Unito e la perdita di fiducia, i mercati hanno deciso che i tassi di base britannici dovranno aumentare ancora più rapidamente dei tassi di interesse in Europa e negli Stati Uniti. Questa è una cattiva notizia per il mercato immobiliare britannico, che si stava già indebolendo, e potrebbe implicare un serio e prolungato freno all’economia.

In tempi normali, un aumento dei tassi di interesse britannici rafforzerebbe la sterlina. Tuttavia, la sterlina rimane vulnerabile e ci si può aspettare che scenda sotto la parità quest’inverno.

La reputazione del Regno Unito come economia ben gestita sta soffrendo molto sotto la presidenza di Liz Truss. Il bilancio sconsiderato di Kwasi Kwarteng, basato su tagli alle tasse (e cancellazioni di aumenti delle stesse), può essere considerato carta straccia e riteniamo che il nuovo Cancelliere abbia una ragionevole possibilità di ripristinare un certo grado di fiducia nel Regno Unito e nelle sue istituzioni finanziarie. Tuttavia, il contesto in termini di tassi di base e di economia è radicalmente cambiato per ragioni sia interne che internazionali.

In altre regioni si è registrato un forte aumento dei tassi di interesse previsti. A luglio il mercato del lavoro statunitense sembrava in via di riduzione. Le richieste di disoccupazione settimanali avevano iniziato ad aumentare. I mercati si aspettavano una svolta verso una politica monetaria più semplice da parte della Federal Reserve, prevedendo di cominciare a ridurre i tassi di finanziamento la prossima primavera. Ma si è trattato di una falsa avvisaglia. Le richieste di disoccupazione settimanali hanno invertito la rotta e i timori inflazionistici degli Stati Uniti sono nuovamente aumentati.

Il tasso di interesse previsto per la metà del prossimo anno negli Stati Uniti è aumentato di quasi 2 punti percentuali. I tassi di interesse europei sono ovviamente più bassi, ma anch’essi sono aumentati di 2 punti percentuali nello stesso periodo. Tutto ciò esercita una pressione al rialzo sui tassi di interesse del Regno Unito e una pressione al ribasso sulla sterlina.

Con l’incombere della recessione nel Regno Unito, a causa dell’impennata dei prezzi dell’energia, molti previsori, tra cui la Banca d’Inghilterra, avevano pensato che questo avrebbe spento le pressioni inflazionistiche, in modo che i tassi di base sarebbero dovuti aumentare in misura moderata. Il piano di Liz Truss per limitare i prezzi dell’energia ha cambiato tutto questo. Insieme alla perdita di fiducia, dovuta a una politica fiscale sconsiderata, i mercati hanno deciso che i tassi di base del Regno Unito dovranno aumentare ancora più rapidamente dei tassi di interesse in Europa e negli Stati Uniti.

A un certo punto, subito dopo il bilancio di Kwasi Kwarteng, si prevedeva che i tassi di base avrebbero raggiunto il 6,25% la prossima primavera. Ora sono scesi a poco più del 5%. Ma si tratta comunque di una cattiva notizia per il mercato immobiliare, che si stava già indebolendo. In seguito al bilancio di Kwasi Kwarteng, infatti, le turbolenze del mercato hanno portato al fallimento di numerose vendite e i prezzi delle case sono destinati a scendere. L’esperienza passata suggerisce che si tratterà di un processo lento e doloroso. Un freno serio e duraturo all’economia.

Limitando i prezzi dell’energia, Liz Truss ha evitato una grave recessione durante l’inverno. Guardiamo positivamente a questa decisione politica. Tuttavia, si tratta di un enorme sussidio a tempo indeterminato e l’aumento dei tassi d’interesse associato a questa manovra, implica che la recessione resta ancora il nostro scenario centrale.

In tempi normali, un aumento dei tassi di interesse nel Regno Unito rafforzerebbe la sterlina, che tuttavia rimane vulnerabile. Abbiamo un enorme deficit delle partite correnti, la fiducia nel Regno Unito è stata danneggiata e i tassi di interesse all’estero sono in aumento. Nonostante il buon rimbalzo dai minimi di tre settimane fa, restiamo ancora negativi sulla sterlina e prevediamo che quest’inverno scenderà sotto la parità.


Pubblicato

in

da

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Se ti è piaciuto
SEGUICI SU FACEBOOK

 

 
close-link