Home Spettacolo Televisione Rai3: ‘La cartolina di Elena’ per il Giorno della Memoria, la storia...

Rai3: ‘La cartolina di Elena’ per il Giorno della Memoria, la storia della piccola Elena Colombo

La Cartolina di Elena
La Cartolina di Elena
Pubblicità
Condividi

In occasione del Giorno della Memoria

Venerdì 27 gennaio, alle 16.00 su Rai3, alle 16.50 su Rai Gulp e disponibile su RaiPlay

Pubblicità

“LA CARTOLINA DI ELENA” In prima visione assoluta la storia della piccola Elena Colombo

Uno special TV prodotto da Stand By Me in collaborazione con Rai Kids per portare alle nuove generazioni la storia di Elenal’unico caso documentato di una bambina italiana deportata da sola, senza i genitori, nel campo di sterminio di Auschwitz.

In occasione del Giorno della Memoriavenerdì 27 gennaio, la Rai presenta “La cartolina di Elena”, una produzione originale Stand by me in collaborazione con Rai Kids, che porta sullo schermo la storia di Elena Colombo, una bambina ebrea torinese deportata nel ’44 ad Auschwitz da solaunico caso documentato in tutta la Shoah italiana

Lo speciale – rivolto a ragazzi e famiglie – andrà in onda il 27 gennaio alle ore 16.00 su Rai3, alle ore 16.50 su Rai Gulp e sarà disponibile su RaiPlay.

Una storia toccante ed emblematica dell’orrore della Shoah, ma ancora poco conosciuta perché ricostruita solo negli ultimi tre anni, attraverso l’aiuto di numerosi testimoni che con generosità hanno fornito notizie, ricordi e descrizioni, in particolare Piera Billotti, figlia di una vicina di casa di Torino, Laura Doglione, figlia di Bianca, una staffetta partigiana che conobbe la bambina e la sua famiglia prima della loro deportazione.

Nata il 5 giugno del 1933 a TorinoElena Colombo trascorse un’infanzia tranquilla e spensierata come quella di tanti bambini, quando la sua esistenza venne sconvolta dalla promulgazione delle leggi razziali e dalla conseguente politica discriminatoria e persecutoria che costrinse tutta la famiglia Colombo a scappare, prima a Rivarolo Canavese, dove Elena conobbe appunto Bianca, e poi a Forno Canavese, dove l’8 dicembre del 1943 furono tutti arrestati. Per circostanze non ancora chiarite, mentre i genitori furono condotti subito al campo di sterminio di Auschwitz, sullo stesso treno di Liliana Segre, Elena fu affidata ad amici di famiglia con i quali restò per tre mesi prima di essere deportata anche lei ad Auschwitz, dopo aver scritto un’ultima cartolina a Bianca. Lì troverà la morte lo stesso giorno del suo arrivo, il 10 aprile 1944. Aveva 10 anni e 10 mesi.

Con un linguaggio pensato per parlare ai ragazzi, che mescola sapientemente live action e animazione in un continuo passaggio tra passato e presente, tra sogno e realtà, il film porta alle nuove generazioni la storia di Elena attraverso le vicende dei due giovani protagonisti, Cecilia e Fabrizio, due adolescenti compagni di scuola e migliori amici, che vivono nella Torino di oggi e che, partendo da una vecchia fotografia di famiglia trovata in soffitta provano a ricostruire la storia di Elena e dei suoi genitori. Sulla scia delle tracce lasciate dalla bambina, i due amici affrontano un viaggio da Torino verso Forno Canavese e Rivarolo, arrivando ad incontrare l’unica persona che conosce l’intera storia, Laura Doglione. È lei la chiave che permette di ricostruire l’intera vicenda di Elena Colombo, l’unica bambina italiana ad aver dovuto affrontare da sola l’orrore della deportazione e dello sterminio.  

Diretto da Raffaele Androsiglio, scritto e prodotto da Simona Ercolani, il cortometraggio, della durata di 25 minuti, si avvale dell’interpretazione di due giovanissimi talenti, Mariandrea Cesari (MudmonsterModa miaStoria di una famiglia perbene) nel ruolo di Cecilia ed Emanuele Casati in quelli di Fabrizio, e ancora, nel ruolo di Laura Doglione, l’attrice e doppiatrice Francesca Vettori (voce de La Pimpa, Eric Cartman di South Park e molti altri) e, nel ruolo del guardiano, Guido Ruffa, celebre per aver interpretato per molti anni Lupo Lucio nella Melevisione. La voce di Elena è di Nina Romano.

L’animazione è prodotta e curata da Lynx Multimedia Factory, con i disegni e la direzione artistica di Angela Conigliaro, lo storyboard di Michela Signoracci e la supervisione di Enrico Paolantonio Claudio Bruni.

Lo special sarà presentato in anteprima venerdì 20 gennaio al Cinema Farnese di Roma alla presenza di alcune scuole del territorio, con la partecipazione dei produttori, del cast e di Ruth Dureghello, presidente della Comunità ebraica di Roma.  

Giovedì 26 gennaio è prevista una proiezione speciale a Forno Canavese in occasione dell’intitolazione della scuola del paese a Elena Colombo.

Rai Kids presenta “La cartolina di Elena”, un cortometraggio prodotto da Stand by me in collaborazione con Rai Kids, ispirato a una storia vera. Scritto e prodotto da Simona Ercolani, produttore Rai Annita Romanelli. Regia di Raffaele Androsiglio, con la consulenza storica di Fabrizio Rondolino. Soggetto di Simona ErcolaniSerena Cervoni e Bianca Rondolino. Sceneggiatura a cura di Simona ErcolaniSerena Cervoni e Tancredi Maria Anzalone. Animazione a cura di Lynx Multimedia Factory.

Con “La cartolina di Elena” l’offerta Rai per ragazzi prosegue un percorso di ricordo e sensibilizzazione dei più giovani sulla storia della Shoah, dopo il premiato film d’animazione “La stella di Andra e Tati” (2018), sulla vicenda delle sorelle Andra e Tatiana Bucci deportate bambine da Fiume ad Auschwitz, e lo special “Come foglie al vento” (2021) sul racconto delle persecuzioni nazifasciste contro la comunità ebraica di Venezia, raccontate da Riccardo Calimani.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.
Captcha verification failed!
Punteggio utente captcha non riuscito. Ci contatti per favore!