PHOTOFESTIVAL MILANO, “FAROE. UNA FINESTRA SUL SILENZIO” DELL’ARTISTA INTERNAZIONALE SONIA SANTAGOSTINO APERTA AL PUBBLICO FINO IL 24 OTTOBRE

Condividi

All’ Istituto Nazionale di Fotografia la seconda mostra della fotografa internazionale, già protagonista per tutto ottobre alla Cascina nascosta di Milano con un progetto sulla fotografia di danza

Nell’ambito della 17ª edizione del Milano PHOTOFESTIVAL inaugura Martedì 14 ottobre alle 18:30 “Faroe. Una finestra sul silenzio” di Sonia Santagostino.

La mostra sarà esposta presso la prestigiosa scuola presente da 30anni nel panorama della formazione professionale in via Enrico Caviglia 3 fino al 24 ottobre

Dopo il primo lavoro “Islanda, la rinascita dell’uomo nella natura”, esposto a Londra, a Milano e al Trento film festival l’autrice esperta di fotografia di paesaggio e di fotografia di danza (seconda mostra attualmente esposta, questa presso la Cascina Nascosta di Milano all’interno del Parco Sempione) torna al suo primo amore, il reportage di viaggioUn progetto fotografico realizzato durante un tour dell’autrice nelle Isole Faroe alla ricerca di un nuovo equilibrio dopo la perdita di un affetto importante. Gli scatti in mostra sono autoritratti dell’autrice in un momento della vita nel quale la natura, le luci e i colori hanno saputo accompagnarla verso un nuovo cammino.

“Libertà, ma necessità dell’altro per orientarsi e non sentirsi perso tra gli elementi della terra – descrive così il progetto Sonia Santagostino -. “Sentirsi piccolo e parte di questa natura ancestrale, incontaminata dalle nevrosi umane. Le luci abitano le case. Silhouette di persone si scaldano con un abbraccio. Il luogo sospeso di un telefilm senza prigione. Da perdersi dentro. Come un’Itaca è conoscenza, il viaggio è vita e solo con la consapevole maturità si può vivere questo silenzio e imparare a respirarlo. E a non avere paura del vento. Case nel verde come fiori sul cemento. Specchi di nuvole d’acqua. Cieli dai colori nuovi.

 CHI È SONIA SANTAGOSTINO

Nata a Milano nel 1986, la sua vita è stata caratterizzata dal costante interesse per i paesaggi, le arti teatrali, coreutiche e fotografiche. La passione per la fotografia, la porta a frequentare l’Istituto Italiano di Fotografia di Milano e a specializzarsi in Fotografia di Scena presso l’Accademia del Teatro alla Scala. Lavora prima come fotografa di scena per diverse accademie di danza, festival musicali e concerti di vari artisti internazionali. Partecipa alla mostra collettiva “Lo Spettacolo del Corpo” organizzata dalla Fondazione Bracco e dall’Accademia Teatro alla Scala. Alcuni scatti sono stati raccolti nella pubblicazione “La Scala fa scuola” edito da Mondadori Electa. Ha realizzato numerose perfomance fotografiche in collaborazione con la coreografa Laura Ziccardi per il progetto Amaway (About me, about woman, about you) dell’associazione Esplorazione Contemporanee, che mira all’esplorazione del corpo femminile attraverso laboratori-shooting di improvvisazione guidata. Attualmente si dedica anche all’insegnamento della tecnica della fotografia di scena. Il paesaggio, il reportage e in un certo senso anche lo spettacolo, si sono infine uniti quando ha iniziato a viaggiare scoprendo che la bellezza davvero va in scena ovunque. Realizza così la sua prima mostra personale “Islanda, la rinascita dell’uomo nella natura”, esposta a Milano e al Trento Film Festival. Le sue fotografie di paesaggio sono state pubblicate sul sito del National Geographic tra le foto migliori proposte ogni mese e sulle Guide Verdi del Touring Club Editore.


Pubblicato

in

da

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Se ti è piaciuto
SEGUICI SU FACEBOOK

 

 
close-link