Categorie
Italia

Maltempo e meteo. “Allerta rossa” oggi per Centro e Nord Italia

maltempo
Maltempo

Ancora allerta meteo e forti perturbazioni sono attese per oggi nel Nord e Centro Italia.
In particolare si attende in mattinata l’arrivo di nuove precipitazioni in Liguria tra Genova e La Spezia, zona già duramente colpita da alluvioni e allagamenti: attenzionate in modo particolare le zone di Chiavari e Rapallo. Allerta anche in Toscana dove a Carrara le scuole sono chiuse per sicurezza. Dal Tirreno è attesa una perturbazione con piogge intense che nel pomeriggio dovrebbero colpire il Lazio.
La protezione civile ha diramato per oggi un allerta dove si parla di precipitazioni a prevalente carattere di rovescio o temporale dapprima su Piemonte, Liguria, Lombardia, Appennino emiliano e toscano, e dal pomeriggio anche su Veneto, Friuli Venezia Giulia, Umbria, Lazio e Sardegna, in successiva estensione ai settori occidentali di Abruzzo e Molise.
Sempre da stamattina, inoltre, sono previsti forti venti dai quadranti meridionali, con locali raffiche di burrasca, prima sulla Sardegna e poi, dal pomeriggio, su Emilia Romagna, Lazio, Abruzzo, Molise e sui settori costieri del Friuli Venezia Giulia.

Sulla base dei fenomeni già in atto e di quelli previsti, è stata valutata per oggi criticità rossa per rischio idraulico sulla pianura padana emiliana e sui settori del rovigino, nonché sui bacini veneti dell’alto Brenta- Bacchiglione-Alpone, mentre la criticità resta rossa, ma per rischio idrogeologico localizzato, sulla Liguria di Levante e sui settori nordoccidentali lombardi.
È stata poi valutata criticità arancione per rischio idraulico sulla pianura padana lombarda e per il basso Brenta-Bacchiglione, mentre per rischio idrogeologico sui restanti settori della Lombardia, sul Friuli Venezia Giulia, sulla Liguria centrale e parte di ponente, su gran parte dell’Emilia-Romagna, della Toscana, su tutta l’Umbria, il Lazio e la Sardegna. Infine, è stata indicata criticità gialla sulle zone sud-orientali del Piemonte, sui restanti settori di Veneto, Liguria e Toscana, su parte dell’Emilia Romagna, delle Marche, dell’Abruzzo, del Molise e delle Basilicata, e per tutta la Campania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.