Home Economia Agroalimentare Quanto costano le patate del Fucino? Ecco i nuovi prezzi del ...

Quanto costano le patate del Fucino? Ecco i nuovi prezzi del CONSORZIO DI TUTELA PATATA IGP DEL FUCINO

Pubblicità
Condividi

Stabiliti i prezzi del prodotto IGP per la campagna 2022-2023

Celano 04/08/2022 – L’Osservatorio Permanente, per la Tutela e Valorizzazione Patata del Fucino IGP, con la partecipazione del CDA e dei confezionatori aderenti alla Filiera IGP Patata del Fucino (AMPP, TORTI,F.LLI CAMBISE, ANGELUCCI, LA CAMPAGNOLA, BIO FUCINO, COVALPA ABRUZZO, SCARPONE), nell’incontro  di Giovedi 4 Agosto 2022, nel valutare positivamente la fase attuale della coltivazione delle Patate del Fucino IGP,  con l’inizio della raccolta da Lunedì 8 Agosto, indica, per le Patate del Fucino IGP, certificate alla produzione, franco magazzino dei condizionatori, cernite e calibrate, un prezzo di partenza minimo in €/kg di 0,35.

Pubblicità

Inoltre, in considerazione del vantaggio di avere una ottimo prodotto sia a livello qualitativo che quantitativo, con pezzatura più uniforme verso un calibro medio più idoneo alla commercializzazione senza “fiorone” invita i pataticoltori, non aderenti al Consorzio di Tutela, a non accettare importi inferiori a quanto indicato, in quanto si dà la possibilità ad operatori della filiera IGP di effettuare una concorrenza sleale e sminuire il valore della Patata del Fucino IGP con prezzi inferiori da immettere sul mercato relativamente alle seguenti confezioni:

–       Confezione vert-bag da kg. 1,5 a 0,90 euro/kg;

–       Confezione vert-bag da kg. 2,0 e 2,5 a 0,85 euro/kg;

–       Le confezioni in sacco rete da 5 kg a 0,80 euro/kg.

il tutto franco arrivo sovra imballo in cartone compresso.

La produzione di patate nel Fucino, grazie alla sua conformazione litografica e posizione geografica (altitudine), si caratterizza come la zona d’Italia con il più alto indice di produttività di c.a 530 – 550 Q.li/ha su una superficie complessiva di oltre 4.000 Ha con una produzione di circa 2.200.000 Q.li

La rotazione quadriennale con inserimento nel terreno a riposo di colture “rigenerative” che apportino bilanciate dosi di azoto, fosforo e potassio (es. Insalata, carote e leguminose), ha permesso all’Abruzzo (Fucino) di essere il primo produttore d’Italia (in termini di produttività) e determina la zona con un tasso molto basso di attecchimento degli elateridi (larve) e nematodi, che causano ingenti perdite nei raccolti.

La Patata del Fucino IGP è il primo prodotto IGP pataticolo italiano richiesto dal mercato sia per le qualità organolettiche sia per l’alto contenuto di fosforo e potassio, caratteristiche essenziali per la certificazione IGP.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
Captcha verification failed!
Punteggio utente captcha non riuscito. Ci contatti per favore!