Home Economia COMGEST: UNA TREGUA SUI MERCATI GLOBALI LASCIA SPAZIO ALLA RIPRESA

COMGEST: UNA TREGUA SUI MERCATI GLOBALI LASCIA SPAZIO ALLA RIPRESA

Alexandre Narboni, Gestore del Comgest Growth Global Flex di Comgest
Alexandre Narboni, Gestore del Comgest Growth Global Flex di Comgest
Pubblicità
Condividi

A cura di Alexandre Narboni, Gestore del fondo Comgest Growth Global

La COP27, la politica “zero Covid” della Cina, il contagio delle criptovalute e le continue tensioni in Ucraina hanno reso il periodo movimentato. Nonostante le numerose notizie, il periodo ha offerto una tregua con la ripresa dei titoli azionari e il calo dei rendimenti globali. Sebbene la stagione degli utili non sia stata priva di volatilità, in generale è stata comprensibile. Può darsi che il mercato si stia spaventando per un nonnulla o che un approccio aggressivo resti ignorato (eliminando definitivamente l’inflazione).

Pubblicità

TSMC sta portando avanti i suoi piani di internazionalizzazione dell’impronta di produzione, con l’ipotesi di una seconda fabbrica in Arizona, mentre i suoi principali clienti (Apple e AMD) guadagnano quote di mercato, nonostante il taglio del 10% alle spese in conto capitale annunciato ad ottobre, il che, viste le dimensioni in termini assoluti (36 miliardi di dollari), non sorprende. Ne ha beneficiato anche ASML, fornitore leader di mercato di macchinari EUV (ultravioletti estremi) per TSMC, confermando al contempo le previsioni di crescita a lungo termine dell’EPS (utile per azione) tra il 15% e il 23% entro il 2030.

Tencent si è ripresa dalla precedente performance negativa dopo l’annuncio di risultati che evidenziano il raggiungimento del punto minimo dei ricavi nel comparto giochi online in Cina, una ripresa delle approvazioni delle licenze di gioco in questo Paese, un miglioramento dei ricavi pubblicitari e un nuovo dividendo in natura (Meituan). Le ostinate previsioni di inflazione, emerse proprio nel momento in cui le banche centrali avevano una capacità di sostegno pari a zero (a causa del Covid), hanno portato a una compressione eccessiva dei multipli dei nostri investimenti quality growth. Oggi consideriamo il portafoglio interessante per l’eccezionale qualità e la solida crescita in cui è investito. Considerata la nostra previsione di crescita degli utili a due cifre nel lungo periodo, riteniamo che il portafoglio dovrebbe beneficiare di un incremento di valore a un ritmo analogo.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.
Captcha verification failed!
Punteggio utente captcha non riuscito. Ci contatti per favore!