Categorie
Economia

CGIL e decreto lavoro. Autunno caldo: manifestazione il 25 ottobre a Roma poi sciopero

Susanna Camusso
Susanna Camusso

Il segretario nazionale della CGIL, Susanna Camusso, avverte il Governo che se la riforma del lavoro verrà fatta attraverso un decreto “bisognerà proclamare lo sciopero generale”. Lo ha dichiarato nettamente la Camusso nel suo intervento all’assemblea nazionale della Fiom.
Basta tagli lineari alla spesa pubblica, “bisogna cambiare passo”, afferma il numero uno del maggiore sindacato di lavoratori italiano.
Sulla la legge di Stabilità, finora si è sentito solo parlare di tagli del 3% per ogni ministero, e la passata politica dei tagli non ha ridotto tanto gli sprechi, ma “salari e occupazione dentro le amministrazioni pubbliche”.
Dopo qualche ora dalle parole della Camusso il direttivo della Cgil ha dato il via libera alla manifestazione del 25 ottobre a Roma, a San Giovanni, ma ha rinviato la decisione sullo sciopero generale. “Sarà una grande manifestazione della Cgil”, ha spiegato la leader Camusso, ma, ha precisato “non è una scelta di rottura con gli altri sindacati”, che “incontreremo rapidamente per un percorso unitario”. Riguardo allo sciopero generale ha detto: “Quando organizziamo un impegno dedichiamo le energie lì. Siamo disponibili al confronto, ma c’è anche la possibilità di scioperi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.