Home Rubriche Società Rapallo, Santa Margherita e Zoagli: appaiono manifesti “Grazie a Dio ci...

Rapallo, Santa Margherita e Zoagli: appaiono manifesti “Grazie a Dio ci sono i Nonni”

Pubblicità
Condividi

Dal 22 novembre per sensibilizzare i cittadini a Rapallo, Santa Margherita e
Zoagli sono presenti alcuni manifesti, “Grazie a Dio ci sono i Nonni”.

In Italia sono 13 milioni gli anziani, dei quali la maggior parte sono nonni con
un valore socio-economico enorme. Di questi, oltre un milione di anziani
vivono in condizioni di indigenza, solitudine, con difficoltà motorie.

Pubblicità

Una situazione che richiede un intervento da parte della politica tutta e delle
Istituzioni.

Per questo Pro Vita & Famiglia Onlus ha lanciato la campagna “Grazie a Dio ci sono i Nonni”, che ha il duplice obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema e, soprattutto, chiedere nuove misure politiche ed economiche.

La campagna è supportata da un’ampia panoramica statistica e sociologica sul
valore sociale dei Nonni presentata da Gian Carlo Blangiardo, presidente
dell’Istat In particolare, si chiede alla P.A. attenzione alla cura degli anziani soli, poveri e portatori di disabilità e questo è rivolto anche in ambito locale, come sostegni per le attività più semplici per la cura della persona o della casa e l’aiuto agli anziani nella risoluzione di problemi – soprattutto tecnologici -, fornendo loro
supporto quotidiano.

Tra le altre richieste avanzate dalla campagna: il potenziamento dei servizi
socio-sanitari di prevenzione e sostegno delle malattie neurodegenerative ; la
detrazione fiscale delle spese economiche documentate che i nonni affrontano
a beneficio delle attività scolastiche, universitarie, lavorative e sportive dei
nipoti.

Si chiede che i nonni possano essere delegati dai genitori a partecipare
attivamente alla vita scolastica dei nipoti in caso di loro impossibilità, dunque
per colloqui con docenti, incontri e rappresentanza negli organi collegiali, in
particolare ora che la carriera ALIAS minaccia la serenità nella scuola.

Infine, la tutela della stessa Vita degli anziani, per proteggerli dalla “cultura
dello scarto” e della mentalità eutanasica.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
Captcha verification failed!
Punteggio utente captcha non riuscito. Ci contatti per favore!