Home Italia Pisa: ennesimo suicidio in carcere, il SAPPE denuncia le carenze del sistema

Pisa: ennesimo suicidio in carcere, il SAPPE denuncia le carenze del sistema

carcere
carcere
Pubblicità
Condividi

Un detenuto si toglie la vita nella Casa circondariale Don Bosco. Il sindacato: “E’ una sconfitta per lo Stato. Servono riforme strutturali e più personale”

Pisa, 14 febbraio 2024 – Ancora un suicidio in un carcere italiano. L’ennesima tragedia si è consumata ieri nella Casa circondariale Don Bosco di Pisa, dove un detenuto italiano si è impiccato con un lenzuolo nel cortile dei passeggi.

Pubblicità

Il segretario regionale del SAPPE per la Toscana, Francesco Oliviero, denuncia la drammaticità della situazione: “Un detenuto che si toglie la vita è una sconfitta per le Istituzioni. Non sono chiare le motivazioni di tale gesto, anche considerando il regime di semilibertà a cui era sottoposto il detenuto e la sua imminente scarcerazione.”

Oliviero punta il dito sulle carenze del sistema penitenziario: “La carenza di operatori sanitari, psicologi e psichiatri è il punto cruciale della questione. Servono concorsi regionali e assunzioni di personale sanitario da destinare alle carceri toscane.”

Il segretario generale del SAPPE, Donato Capece, aggiunge: “Chiunque, ma soprattutto chi ha ruoli di responsabilità politica ed istituzionale, dovrebbe andare in carcere a Pisa a vedere come lavorano i poliziotti penitenziari. L’ennesimo suicidio dimostra come i problemi sociali e umani permangono. E’ fondamentale dare corso a riforme davvero strutturali nel sistema penitenziario, a cominciare dall’espulsione dei detenuti stranieri che si rendono protagonisti di violenze.”

Capece conclude: “A tutto questo si aggiunge la gravissima carenza di poliziotti penitenziari. Come si fa a lavorare così?”

La morte del detenuto di Pisa riaccende i riflettori sulle criticità del sistema penitenziario italiano. E’ urgente un intervento concreto da parte delle Istituzioni per migliorare le condizioni di vita dei detenuti e garantire la sicurezza di tutti.

Le richieste del SAPPE:

  • Maggiori risorse umane e finanziarie per il sistema penitenziario
  • Assunzioni di personale sanitario
  • Riforme strutturali del sistema penitenziario
  • Espulsione dei detenuti stranieri che commettono violenze

La tragedia di Pisa è un monito a non dimenticare le tante persone che vivono nelle carceri italiane. E’ necessario un impegno concreto per migliorare le loro condizioni e tutelare i loro diritti.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
Captcha verification failed!
Punteggio utente captcha non riuscito. Ci contatti per favore!