Categorie
Salute

Ricerca. La sedentarietà incide negativamente sul cervello

Cervello umano
Cervello umano

Essere pigri e sedentari modificherebbe la struttura del cervello con la creazione di nuove cellule cerebrali e l’alterazione della forma di alcuni neuroni innescando moltissime patologie. A dimostrarlo sarebbe uno studio condotto dai ricercatori della Wayne State University School of Medicine e pubblicato sulla rivista scientifica “The Journal of Comparative Neurology”.

Lo studio è stato condotto su dodici topi metà dei quali forniti di ruote per permetterne attività fisica, e l’altra meta private di ogni possibile attività motoria. Dopo tre mesi i topi che sono rimasti inattivi hanno dimostrato mediante di determinati recettori, di avere alterazioni dei neuroni nel midollo ventrolaterale rostrale, che è una parte del cervello che controlla la respirazione e vari altri sistemi inconsci che contribuiscono al movimento, nonché la pressione sanguigna e il sistema nervoso simpatico.

La conseguenza di tale alterazione può innescare con maggiore facilità malattie cardiache, diabete e vari altri disturbi cronici. “Questi cambiamenti strutturali e funzionali connessi con l’inattività possono aumentare la sensibilità complessiva dei neuroni RVLM agli stimoli eccitatori e contribuire ad aumentatare il rischio di malattia cardiovascolari nei soggetti sedentari.” ha dichiarato il responsabile del team di ricercatori.

Redazione

Di Redazione

Se anche tu vuoi avere voce su Italia News invia i tuoi comunicati a notizie@italia-news.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.