Categorie
Politica

Manifestazione Eurostop. “A Roma bandiere rosse contro l’Europa dei capitali e dei militari”

Contro tutte le più nere previsioni, alimentate ad arte dai media nazionali, contro l’accerchiamento da parte di polizia e carabinieri ben dotati di mezzi blindati e pronti solo ad un ordine di intervento quasi sperato, ma anche e soprattutto contro il monetarismo, il quantitative easing, le banche ed i capitali finanziari, il militarismo e l’imperialsmo, il fascismo di ritorno, ma anche contro tutte le ingiustizie che incatenano e soffocano donne ed uomini, vecchi e giovani, studenti senza futuro, lavoratrici e lavoratori annichiliti da ricatti contrattuali definiti e determinati da leggi capestro armonizzate in un’Europa devota esclusivamente alla parità dei bilanci da portare sulle scrivanie dei banchieri di Bruxelles, i comunisti ed i movimenti della sinistra alternativa, i collettivi studenteschi ed i centri sociali, i sindacati di classe hanno charamente e fortemente gridato il loro “NO” al leviatano capitalista.

Contro tutto e tutti oggi – giornata in cui non si è ben capito se i grandi ed i potenti del vecchio Continente abbiano celebrato ipocritamente un triste anniversario oppure un sontuoso funerale dell’Europa che continuano a deinire unita – le bandiere rosse hanno non solo testimoniato che le idee di giustizia non sono morte ma anche e soprattutto che è mpossibile spezzare le reni alle masse popolari che non hanno la forza delle armi ma soo invincibileperchè hanno la forza della ragione.
Fronte Unito anticapitalista, i comunisti faranno la loro parte!!

Raffaele Coppola

Di Raffaele Coppola

Nato a Salerno il 13 maggio 1957, laureato in Scienze Politiche con indirizzo storico politico presso la facoltà di Giurisprudenza dell’Universita degli Studi di Salerno. Allievo ufficiale di complemento, poi ufficiale presso il Parco Veicoli Corazzati di Caserta. Funzionario, presso una Compagnia di Assicurazioni. In pensione da gennaio 2020. In politica dal 1974 militante in organizzazioni politiche della sinistra extraparlamentare e nel Movimento Studentesco del 1977. Segretario cittadino della sezione “Antonio Gramsci” del PCI dal 30 dicembre 2016 al 22 aprile 2018. Attualmente Dirigente sindacale della FISAC CGIL con incarico di RSA presso una Compagnia di Assicurazioni fino al 31 dicembre 2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.