La COP27 inizia in salita

Albertine Pegrum-Haram, Senior Associate, Investimenti Responsabili di Columbia Threadneedle Investments
Condividi

A cura di Joe Horrocks-Taylor, Senior Associate, Investimenti Responsabili e Albertine Pegrum-Haram, Senior Associate, Investimenti Responsabili di Columbia Threadneedle Investments

07.11.2022

La Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici COP27 è iniziata il 6 novembre a Sharm El-Sheikh, in Egitto. C’è molto da fare: le emissioni devono essere ridotte a un livello coerente con l’obiettivo di 1,5 gradi e devono essere mobilitati molti miliardi di dollari americani. La conferenza si trova di fronte a forti pressioni politiche. L’impatto del conflitto tra Ucraina e Russia sui mercati energetici europei ha portato a una crisi dei prezzi che ha indotto diversi Paesi a rinnegare gli impegni assunti in materia di clima e a riavviare le centrali elettriche a combustibili fossili che erano state chiuse. A ciò si aggiunge il deterioramento delle relazioni tra Cina e Stati Uniti, il cui accordo bilaterale ha dato alla COP26 di Glasgow lo slancio necessario.

Un altro anno di eventi meteorologici estremi, tra cui le peggiori inondazioni della storia del Pakistan, gli incendi boschivi che hanno bruciato più di 600.000 ettari di terreno in Europa e il superamento dei record di temperatura, hanno evidenziato l’importanza di andare avanti con la COP27.

Concentrarsi sui danni causati dai rischi fisici del clima

I temi dell’adattamento e del risarcimento dei danni causati dal rischio climatico fisico sono tra gli argomenti principali delle discussioni, dato che la conferenza si svolge in Africa. L’ingiustizia che i Paesi in via di sviluppo debbano sopportare il peso maggiore del cambiamento climatico, mentre la loro responsabilità sulle emissioni globali di carbonio è limitata, ha portato a richieste di compensazione da parte dei Paesi più ricchi. La questione delle perdite e dei danni non è (ancora) nell’agenda ufficiale di quest’anno, ma il Gruppo dei 77 (che comprende l’Egitto, Paese ospitante) e la Cina ne chiedono l’inclusione e propongono un nuovo punto all’ordine del giorno: la creazione di uno strumento finanziario per il risarcimento delle perdite e dei danni. L’UE e gli Stati Uniti hanno manifestato la loro disponibilità a impegnarsi in questo settore, anche se gli Stati Uniti non intendono necessariamente sostenere una mossa verso nuovi aiuti o finanziamenti. Tuttavia, i progressi si fermeranno se i Paesi industrializzati non si accorderanno su misure concrete.

Il divario di emissioni si riduce lentamente

Gli impegni nazionali sul clima assunti alla COP26 di Glasgow mirano a limitare il riscaldamento globale a 2,4°C entro il 2050. Nel testo finale è stato inserito un meccanismo per colmare il divario di emissioni, con la richiesta ai Paesi di rivedere i propri obiettivi entro la fine del 2022, e non dopo altri cinque anni come inizialmente previsto. Tuttavia, dalla COP26, solo 23 Paesi hanno presentato obiettivi nuovi o aggiornati. La promozione di obiettivi climatici nazionali più ambiziosi non è stata una priorità per il Paese ospitante, l’Egitto, che non ha presentato un obiettivo aggiornato al 2021 e ha dichiarato che la COP27 sarebbe stata un’opportunità per passare dagli impegni all’attuazione.I nuovi impegni, tuttavia, non saranno sufficienti a colmare il divario di emissioni.

I finanziamenti per il clima si allineeranno alle aspettative?

Il finanziamento è stato un tema centrale a Glasgow e lo è anche quest’anno. I Paesi industrializzati hanno promesso ai Paesi in via di sviluppo 100 miliardi di dollari di finanziamenti annuali per il clima entro il 2020, ma i calcoli dell’OCSE mostrano che i fondi sono stati inferiori di 17 miliardi di dollari e si è trattato di prestiti piuttosto che di sovvenzioni richieste. Canada e Germania presenteranno alla COP27 un rapporto che analizza questo punto e propone soluzioni. A causa della situazione economica, riteniamo improbabile che vengano assunti impegni maggiori, ma ci aspettiamo che le iniziative per migliorare l’impatto dei programmi delle istituzioni internazionali come la Banca Mondiale e il Fondo Monetario Internazionale vengano ampiamente sostenute.

Un barlume di speranza per il mercato della CO2

Ci aspettiamo pochi progressi sulla questione del finanziamento dell’adattamento a causa delle attuali pressioni macroeconomiche. A Glasgow, i Paesi più ricchi si sono dichiarati disposti a fornire ai Paesi a basso e medio reddito 40 miliardi di dollari all’anno, a partire dal 2025, per misure di adattamento ai cambiamenti climatici (ad esempio per la protezione dalle inondazioni). Tuttavia, a livello bilaterale, sono stati impegnati solo 21,8 miliardi di dollari. Inoltre, diversi gruppi di interesse sostengono che i 40 miliardi non sono sufficienti. Ci aspettiamo progressi nella creazione di un mercato per le emissioni di CO2,le discussioni alla conferenza intermedia di Bonn sono state positive; quindi, crediamo che lo slancio della COP26 continui anche alla COP27.


Pubblicato

in

da

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Se ti è piaciuto
SEGUICI SU FACEBOOK

 

 
close-link