Categorie
Economia

Bonus 600 euro Inps ultime notizie. Soldi anche prima del 15 aprile

Lo ha dichiarato durante la conferenza stampa per la presentazione del dl imprese.

Anonymous smentisce Tritico: nessun attacco hacker al sito dell’INPS

Aggiornamento 2 aprile: un messaggio degli Hackers della rete Anonymous fa sapere che il sito dell’INPS non è stato oggetto di alcun attacco informatico ma il malfunzionamento verificatosi ieri con pregiudizio dell privacy di milioni di accounts registrati sarebbe frutto dell’incapacità di chi cura l’aspetto informatico della piattaforma.

Il messaggio di Anonymous

Caro @INPS_it, vorremmo prenderci il merito di aver buttato giù il vostro sito web, ma la verità è che siete talmente incapaci che avete fatto tutto da soli, togliendoci il divertimento!”

Il garante della Privacy ha aperto un’inchiesta su quanto accaduto ieri al sito web dell’INPS.

Sito Inps: assalto da parte di milioni di partite iva

1 aprile 2020 – Il sito dell’INPS, oggetto nelle ultime ore di un vero e proprio assalto di partite iva che vorrebbero inserire le domande del bonus da 600 euro sarebbe stato hackerato. In particolare molti utenti ci segnalano che accedendo al loro MyInps account apparivano i dati personali di altri utenti.

“Alcune infrastrutture strategiche sono state sotto attacco di hacker. Bisogna subito convocare il Copasir per chiedere al Dis quale reazione è in atto. Questi sciacalli vanno fermati immediatamente”. Lo scrive su Twitter il vicesegretario del Pd Andrea Orlando, dopo le notizie degli attacchi hacker ai siti dell’Inps e dello Spallanzani.

Bonus 600 euro INPS: Le domande possono essere inviate anche nei prossimi giorni

“Non ci sarà alcun ordine cronologico e le domande potranno essere inviate anche nei giorni successivi al primo aprile collegandosi al sito e cliccando sul banner dedicato”.

Lo afferma all’ANSA il presidente dell’Inps Pasquale Tridico.

Bonus 600 euro INPS: Le istruzioni per accedere al bonus

Da oggi 1 aprile si potrà presentare on line la domanda all’INPS per ottenere il bonus COVID19 di 600 euro che dal mese prossimo potrebbe aumentare anche a 800 euro.

Le istruzioni sono contenute in una circolare pubblicata stamattina dall’INPS, e chiariscono che per l’indennità di 600 euro non è prevista alcuna contribuzione figurativa, e non contribuisce alla formazione del reddito.

Il bonus è erogato dall’Inps previa domanda, anche con il ‘Pin’ semplificato, che potrà essere presentata da domani.

Il beneficio è destinato ai liberi professionisti titolari di partita Iva attiva al 23 febbraio e ai lavoratori con rapporti di collaborazione coordinata e continuativa attivi nella stessa data. Non devono essere titolari di pensione né essere iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie. Per questi lavoratori il limite di spesa per il 2020 è di 203,4 milioni.

La stessa indennità di 600 euro, sottolinea l’INPS, è destinata, sempre previa domanda all’Istituto, a commercianti, coadiutori diretti, artigiani, coltivatori diretti, mezzadri e coloni sempre che non abbiano già una pensione. Il bonus è erogato, per loro, nel limite di 2.160 milioni.

Il bonus è previsto poi per i lavoratori stagionali del turismo e degli stabilimenti termali che abbiano cessato involontariamente il loro rapporto tra il 1 gennaio 2019 e il 17 marzo 2020 che non abbiano pensione né, alla data del 17 marzo, alcun rapporto di lavoro dipendente. Non è previsto per marzo oltre alla contribuzione figurativa neanche l’assegno al nucleo familiare. Il limite entro il quale saranno accettate le domande per queste categorie è 103,8 milioni di euro. L’indennità è concessa anche agli operai agricoli a tempo determinato per i quali il limite di spesa è 396 milioni.

Potranno chiedere l’indennità anche i lavoratori dello spettacolo purché abbiano versato nel 2019 almeno 30 contributi giornalieri e non abbiano avuto un reddito superiore a 50.000 euro. I lavoratori dello spettacolo non devono essere titolari di rapporto di lavoro dipendente al 17 marzo per chiedere l’indennità. Il limite di spesa è 48,6 milioni.

Le istruzioni di Unimpresa

Unimpresa, Unione Nazionale di Imprese, ha pubblicato le istruzioni INPS passo passo per ottenere il bonus da 600 euro per le partite IVA come previsto dagli ultimi provvedimenti del Governo per fronteggiare l’emergenza economica del coronavirus.

L’INPS con il Messaggio n. 1381 del 26 marzo 2020 ha definito le modalità per richiedere il bonus 600 euro per le partite IVA e le domande potranno essere presentate dal 1° aprile– scrive Unimpresa – Ecco le istruzioni per la domanda bonus 600 euro per partite IVA e iscritti alla gestione AGO dell’INPS.

Vai alle istruzioni

Redazione

Di Redazione

Se anche tu vuoi avere voce su Italia News invia i tuoi comunicati a notizie@italia-news.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.