Home Italia A Natale il cuore del WWF batte per i cuccioli: adottane uno

A Natale il cuore del WWF batte per i cuccioli: adottane uno

foto Staffan Widstrand WWF
foto Staffan Widstrand WWF
Pubblicità
Condividi
foto Staffan Widstrand WWF
foto Staffan Widstrand WWF

Roma, 16 dicembre 2014 – Il Natale del WWF quest’anno è dedicato ai piccoli delle specie a rischio rimasti orfani a causa dei bracconieri, come tigri, oranghi, elefanti, orsi e lupi che il WWF invita ad adottare simbolicamente per consentire loro di sopravvivere grazie alle cure di esperti e tornare un giorno in libertà. Gli esemplari adulti di queste specie, infatti, sono ancora oggetto di bracconaggio, un crimine che sta portando all’estinzione intere popolazioni e che alimenta un giro di affari illegale di oltre 23 miliardi di dollari. Una volta uccisi gli adulti, i cuccioli vengono lasciati in vita perché di ‘scarso interesse’ commerciale per i criminali di natura.

Quando i bracconieri spezzano i legami tra cuccioli e mamme o altri adulti decidono anche del destino dell’intera specie: le cure parentali sono, infatti, fondamentali per la formazione degli esemplari giovani e per la loro sopravvivenza. In tantissime specie, infatti, il ruolo dei genitori e, soprattutto, quello della madre è importantissimo e spesso viene esercitato per periodi molto lunghi come accade tra gli oranghi. Grazie alle cure delle mamme o di interi nuclei familiari che comprendono altre femmine, come nel caso degli elefanti, o addirittura di altri subadulti con vere e proprie aree di gioco, è il caso dei lupi, i cuccioli imparano a conoscere il proprio ambiente, a nutrirsi e cacciare, a formarsi nelle dimensioni relazionali e sociali con gli altri individui della propria specie. Le cure parentali permettono ai cuccioli anche di imparare a difendersi dai pericoli e dalle minacce. Purtroppo sono centinaia i piccoli orfani di elefanti, tigri e lupi che ogni anno in tutto il mondo vengono aiutati e curati dai rangers WWF per tornare un giorno alla vita della foresta.

Pubblicità

Regalare un’adozione significa sostenere l’impegno sul campo di queste persone, veri e propri angeli custodi che dedicano la propria vita a combattere il bracconaggio. Sul sito del WWF è possibile adottare un cucciolo delle specie individuate come più a rischio e conoscere anche le tante storie dei ranger WWF che hanno salvato i piccoli animali. Simbolo dell’adozione sarà un tenero peluche della specie scelta, realizzato senza PVC, che verrà recapitato al destinatario del regalo insieme a un Certificato di Adozione personalizzato e la lettera di ringraziamento di Fulco Pratesi e una shopper. Anche lo smartphone diventerà più ‘selvaggio’ con gli speciali download tra cui screensaver, wallpaper, firma digitale e l’esclusiva App “WWF Adozioni” per Iphone e Android con contenuti speciali, tra cui l’identikit della specie scelta con le informazioni sulle minacce e le azioni del WWF e i risultati dei progetti da condividere sui social.

PANDA GIFT, VAI SU pandagift.wwf.it
Non solo cuccioli: se si vuole mettere sotto l’albero un regalo solidale più ‘classico’ la scelta proposta dal WWF è ampissima: dai calendari alle magliette, alla cartoleria fino alla linea per bambini e giochi. Tutti i regali solidali sono creati con materiali e processi di produzione ecosostenibili, nel pieno rispetto dell’ambiente e di coloro che li hanno realizzati.
Ogni dono finanzia i progetti di conservazione del WWF per la tutela dell’ambiente e delle specie a rischio.

Il progetto adozioni fa parte della campagna “Crimini di natura-Da che parte stai?
Tutte le info sul sito www.wwf/criminidinatura

WWF Italia

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.
Captcha verification failed!
Punteggio utente captcha non riuscito. Ci contatti per favore!