Weekly market outlook a cura di Steven Bell, Chief Economist EMEA di Columbia Threadneedle Investments

Steven Bell, Chief Economist EMEA di Columbia Threadneedle Investments
Condividi

L’IPC statunitense è l’elemento di spicco tra i dati economici rilasciati questa settimana

La stagione dei bilanci del terzo trimestre vede le società di riferimento JPMorgan, Citi, Morgan Stanley, Pepsico, Domino’s Pizza e Delta presentare i loro bilanci questa settimana. L’attenzione si concentrerà sulle prospettive degli utili

I margini sono compressi dalla combinazione di un aumento dell’offerta e di un mercato del lavoro rigido, mentre il dollaro forte e le difficoltà economiche all’estero incidono sugli utili

I titoli azionari sembrano destinati a soffrire, ma ci sono buone ragioni per aspettarsi che l’imminente recessione statunitense sia breve e poco profonda, rappresentando una grande opportunità di acquisto

Al momento i mercati sono fortemente concentrati sui dati economici, con l’IPC statunitense in primo piano questa settimana.

La stagione dei bilanci per il terzo trimestre sta entrando nel vivo con la pubblicazione dei risultati di alcune società di riferimento. Venerdì è un giorno importante, con JPMorgan, Citi e Morgan Stanley che presenteranno i loro risultati. Quali sono i loro piani sulle riserve per perdite su crediti? Hanno avuto altri “incidenti” a causa dell’inasprimento delle condizioni finanziarie?

Ci sono anche Pepsico, Domino’s Pizza e Delta. Il giorno prima abbiamo ascoltato TSMC con le sue preoccupazioni per la carenza di semiconduttori che si sta trasformando in un eccesso, oltre a ulteriori azioni da parte del governo statunitense per limitare l’accesso della Cina alla tecnologia avanzata.

Non sarei sorpreso se la stagione dei bilanci fosse positiva, ma gli analisti guarderanno oltre i numeri principali. È la prospettiva degli utili a preoccupare maggiormente, con un calo significativo dei margini.

Vi spiego perché. Innanzitutto, l’inflazione è troppo alta e la Federal Reserve deve rallentare l’economia per ridurla. Questo comporterà quasi certamente una recessione. I margini diminuiscono sempre in caso di recessione. Inoltre, i margini sono vicini ai massimi storici e anche senza un rallentamento dell’economia tenderebbero a tornare verso la media storica.

La spesa in conto capitale negli Stati Uniti è in piena espansione e, sebbene ciò sia positivo per la salute a lungo termine dell’economia statunitense, l’aumento dell’offerta associato deprime i margini. Inoltre, il mercato del lavoro è in crisi e ciò significa che i lavoratori possono recuperare parte della quota di reddito che hanno ceduto ai profitti. Anche il dollaro forte e le difficoltà economiche d’oltreoceano incideranno sugli utili.

In questo contesto, i titoli azionari sembrano destinati a faticare. Non credo che le prospettive siano disastrose. Dopo tutto, i mercati sono già scesi molto. Gli investitori sono pessimisti. Ci sono buone ragioni per prevedere che l’imminente recessione statunitense sarà breve e poco profonda. Se avessi ragione, rappresenterebbe una grande opportunità di acquisto. Ma le prospettive per i prossimi mesi sono di ulteriore debolezza, a mio parere personale.


Pubblicato

in

da

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Se ti è piaciuto
SEGUICI SU FACEBOOK

 

 
close-link