Home Salute Tumore al seno, dal congresso AIOM nuove conferme sull’efficacia di Oncotype DX®

Tumore al seno, dal congresso AIOM nuove conferme sull’efficacia di Oncotype DX®

Tumore al seno, dal congresso AIOM nuove conferme sull’efficacia di Oncotype DX®, il test in grado di guidare con precisione l’utilizzo della chemioterapia nelle pazienti con malattia in fase iniziale. Riconoscimento dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica a Riccardo Masetti, Direttore Unità Operativa Complessa di Chirurgia, Senologica e del Centro di Senologia, Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli di Roma, per il miglior poster sull’uso del test Oncotype DX® per un diverso approccio al trattamento del tumore mammario. I risultati dello studio real-life PONDx presentati al Congresso AIOM dimostrano che Oncotype DX®, il test multigenico di Genomic Health, modifica in maniera sostanziale le raccomandazioni sulla terapia portando ad una riduzione netta del ricorso alla chemioterapia. Il test Oncotype DX®, inserito nelle Linee guida europee e internazionali, adesso è inserito anche nelle Linee guida AIOM.

914
0
SHARE
Tumore seno
Tumore seno

Roma, 19 novembre 2018 – Ogni anno in Italia 52.000 donne ricevono una diagnosi di tumore della mammella. A quasi la metà di queste pazienti, dopo l’intervento chirurgico, viene prescritta la chemioterapia adiuvante, non sempre utile in termini di efficacia e accompagnata da effetti collaterali. Un percorso che adesso può cambiare e a testimoniarlo è anche il riconoscimento assegnato dall’AIOM – Associazione Italiana di Oncologia Medica a Riccardo Masetti per il miglior Poster presentato nel corso del XX Congresso Nazionale dell’Associazione: il poster dal titolo “Oncotype DX impact on treatment change between node negative N0 and node positive N1 patients in Italy”, illustra lo studio multicentrico italiano PONDx, dedicato al test molecolare fornito da Genomic Health.

I risultati dello studio di impatto decisionale PONDx dimostrano che l’utilizzo del test porta ad un cambiamento significativo della scelta di cura con una riduzione netta del ricorso alla chemioterapia. Questi dati si aggiungono alle evidenze di diversi studi prospettici, tra cui i risultati dello studio TAILORx pubblicati  lo scorso giugno sul New England Journal of Medicine, che dimostrano che Oncotype DX® è  l’unico test in grado di predire in modo affidabile il beneficio dell’aggiunta di chemioterapia alla terapia ormonale nelle pazienti con carcinoma mammario in fase iniziale.
I dati di PONDx derivano dall’analisi condotta per oltre un anno su 1.752 pazienti affette da tumore al seno sensibile agli estrogeni (ER+) ed HER2 negativo, di cui 1.200 non presentavano interessamento dei linfonodi e 438 avevano un interessamento massimo di 3 linfonodi (dall’analisi sono state escluse le pazienti per le quali mancavano alcuni parametri). Lo studio è stato reso possibile grazie al supporto di Genomic Heath che ha messo il test a disposizione a titolo gratuito per le pazienti seguite nei centri oncologici di diverse Regioni italiane.
«I risultati dello studio dimostrano in tutti e due i gruppi una significativa riduzione delle indicazioni alla chemioterapia – dichiara Riccardo Masetti, chirurgo e oncologo al Policlinico A. Gemelli Università Cattolica di Roma – precisamente, del 25% (1:4) nelle pazienti senza interessamento linfonodale e di oltre il 50% (1:2) in quelle con coinvolgimento dei linfonodi per le quali era stata programmata dal team multidisciplinare una chemioterapia che invece non era necessario fare. Adesso sarebbe bello poter rendere accessibile Oncotype DX® a tutte le pazienti con un tumore al seno che presentano queste precise caratteristiche. Per farlo il SSN dovrebbe inserirlo tra gli esami previsti per i pazienti oncologici. In caso contrario, assisteremo ad una grave disparità di accesso al test per motivi economici, perché non tutte le donne potranno pagarselo».

I risultati dello studio TAILORx effettuato con Oncotype DX® verranno ora inseriti anche nelle Linee guida AIOM. Sulla base dei risultati di questo studio, l’Institute for Quality and Efficiency in Health Care tedesco (IQWiG) ha recentemente concluso che, tra i test genomici disponibili, solo Oncotype DX® ha sufficienti dati per poter essere utilizzato nella scelta circa l’utilizzo della chemioterapia. Un giudizio simile ha espresso il National Comprehensive Cancer Network (NCCN) nell’aggiornamento delle sue Linee guida. Ad oggi i test genomici non sono rimborsati dal Sistema Sanitario italiano, mentre lo sono in Svizzera, Irlanda, Regno Unito, Grecia e Spagna. In Francia il test è disponibile con un sistema di finanziamento ad hoc.
«Questo test molecolare rappresenta una grande opportunità per le donne con tumore al seno in stadio iniziale – sottolinea Riccardo Masetti – ed è un esempio di come attraverso tecnologie di valutazione più sofisticate che oggi abbiamo a disposizione e che prima non avevamo, si possa capire sempre meglio cosa serve e a chi per differenziare i trattamenti che in passato erano molto più generalizzati. La tendenza è quella di personalizzare le terapie secondo le esigenze di ciascuna persona e ciascun tumore intervenendo in maniera più mirata e quindi più efficace e meno invasiva ed evitando terapie inutili che impattano pesantemente sulla vita della donna senza trarne benefici. A questo si aggiunge il risparmio di risorse economiche per la sanità».
La premiazione di Riccardo Masetti si è tenuta sabato 17 novembre nell’ambito dei lavori del XX Congresso Nazionale AIOM.

Oncotype DX®
I test Oncotype DX® per il tumore del seno, del colon e della prostata applicano la scienza avanzata della genomica per svelare la biologia unica di un tumore in modo da ottimizzare le decisioni terapeutiche. Il fiore all’occhiello dell’azienda, il test Oncotype DX Breast Recurrence Score®, è l’unico test che ha dimostrato di poter prevedere la probabilità di beneficio dalla chemioterapia così come della recidiva nel tumore al seno invasivo. Inoltre, il test Oncotype DX Breast DCIS Score® prevede la possibilità di recidiva in una forma pre-invasiva del tumore al seno denominata DCIS. Nel tumore della prostata, il test Oncotype DX Genomic Prostate Score® predice l’aggressività della malattia e illustra il rischio attuale e futuro del cancro prima dell’intervento terapeutico. Con oltre 950.000 pazienti testati in oltre 90 Paesi, i test Oncotype DX® hanno ridefinito la medicina personalizzata rendendo la genomica una parte fondamentale della diagnosi e del trattamento del cancro.
Per saperne di più sui test Oncotype DX®, visita www.OncotypeIQ.com.

Genomic Health è il principale fornitore al mondo di test diagnostici basati sulla genomica che aiutano a ottimizzare la cura del cancro, tra cui affrontare il sovratrattamento della malattia, uno dei maggiori problemi attuali nel settore sanitario. Con la sua piattaforma Oncotype IQ® Genomic Intelligence, l’azienda applica le sue competenze scientifiche, la sua expertise commerciale e le infrastrutture per tradurre quantità significative di dati genomici in risultati clinicamente realizzabili per la pianificazione del trattamento durante il percorso del paziente oncologico, dalla diagnosi alla selezione e al monitoraggio del trattamento. Il portfolio Oncotype IQ® di test e servizi genomici attualmente consiste nella linea più importante di test di espressione genica Oncotype DX® che sono stati utilizzati per guidare le decisioni di trattamento per oltre 950.000 pazienti oncologici in tutto il mondo. Genomic Health sta espandendo il suo portfolio di test per includere ulteriori test basati su liquidi e tessuti, tra cui il test Oncotype DX® AR-V7 Nucleus Detect™ recentemente lanciato. La società ha sede a Redwood City, in California, con sede internazionale a Ginevra, in Svizzera.
Per ulteriori informazioni visita www.GenomicHealth.it e segui Genomic Health su Twitter: @GenomicHealth, Facebook, YouTube e LinkedIn.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here