Categorie
blog Covid19 report in Italy

Coronavirus in Italia. 1 – Le prime avvisaglie dalla Cina

31 dicembre 2019

Sintesi

  • Responsabili salute a Wuhan comunicano l’esistenza di polmonite virale.
  • Registrati 27 casi di cui 7 gravemente ammalati
  • Individuate le manifestazioni cliniche tra cui lesioni infiltrative di entrambi i polmoni
  • Non si riscontrano evidenze su trasmissione uomo a uomo
  • Potrebbe trattarsi di un normale virus influenzale

Documentazione

Nell’ultimo giorno dell’anno 2019 il Comitato per la Salute di Wuhan rilascia un documento che sarà acquisito dall’OMS nel quale informa dell’aumento di casi di polmonite virale a Wuhan.

“La Commissione municipale per la salute – si legge nel documento – ha immediatamente condotto una ricerca di casi e un’indagine retrospettiva nelle istituzioni mediche e sanitarie della città della Cina meridionale. Sono stati trovati ventisette casi, di cui sette gravemente ammalati, mentre i restanti casi sono stabili e controllabili, due casi stanno migliorando e sono programmati per essere dimessi nel prossimo futuro. 

Le manifestazioni cliniche del caso erano principalmente febbre, alcuni pazienti avevano difficoltà a respirare e le radiografie del torace mostravano lesioni infiltrative di entrambi i polmoni. Al momento, tutti i casi sono stati trattati in modo isolato, sono in corso indagini di follow-up e osservazioni mediche su contatti stretti, e sono in corso indagini igieniche e trattamenti di igiene ambientale della South China Seafood City.

Wuhan ha organizzato la consultazione di esperti di medicina clinica, epidemiologia e virologia nell’ospedale di Tongji, nel Centro provinciale per il controllo delle malattie, nell’Istituto di virologia di Wuhan, nell’accademia cinese delle scienze, nell’ospedale per le malattie infettive di Wuhan e nel Centro per il controllo delle malattie di Wuhan, ecc.

Indagine epidemiologica, analisi preliminari di laboratorio e altri aspetti della situazione in cui i casi sopra citati sono polmonite virale. Finora l’indagine non ha riscontrato alcuna ovvia trasmissione da persona a persona e nessun personale medico è stato infettato. Al momento, sono in corso la rilevazione di agenti patogeni e lo studio della causa dell’infezione.

La polmonite virale è più comune in inverno e in primavera e può essere sporadica o epidemica.Le principali manifestazioni cliniche sono febbre, dolori muscolari, un piccolo numero di difficoltà respiratorie e infiltrazioni polmonari. La polmonite virale è correlata alla virulenza del virus, alla via di infezione, all’età e allo stato immunitario dell’ospite. I virus che causano la polmonite virale sono comunemente noti come virus influenzali e altri sono virus parainfluenzali, citomegalovirus, adenovirus, rinovirus, coronavirus, ecc. 

La diagnosi dipende dall’esame eziologico, compreso l’isolamento del virus, l’esame sierologico e il rilevamento di antigeni virali e acidi nucleici. La malattia può essere prevenuta e controllata prevenendo la circolazione dell’aria interna, evitando luoghi pubblici dove non c’è circolazione d’aria e luoghi in cui le persone sono concentrate e indossando maschere quando escono. Il trattamento sintomatico è la principale pratica clinica, che richiede riposo a letto. Se hai i sintomi sopra, specialmente se la febbre persiste, dovresti andare in un istituto medico in tempo.”


3 gennaio 2020

Sintesi

  • Responsabili salute Wuhan parlano di polmonite virale inspiegabile
  • confermate manifestazioni cliniche
  • registrati 44 casi tra cui 11 gravi
  • rintracciati 121 contatti stretti
  • si conferma l’assenza di evidenze di trasmissione da uomo a uomo
  • per la prima volta sono escluse le comuni malattie respiratorie tra le cause della polmonite virale

Documentazione

Il comitato per la salute di Wuhan rilascia un documento nel quale si legge:

“Da dicembre 2019 , il nostro comitato ha effettuato la sorveglianza delle malattie respiratorie e delle malattie correlate e ha riscontrato casi di polmonite virale inspiegabile.

Le manifestazioni cliniche dei casi sono principalmente febbre, alcuni pazienti hanno difficoltà a respirare e le radiografie del torace mostrano lesioni infiltrative di entrambi i polmoni. 

A partire dalle 8:00 del 3 gennaio 2020, sono stati trovati un totale di 44 pazienti con polmonite virale non diagnosticata, tra cui 11 casi gravi, e i rimanenti pazienti presentavano segni vitali generalmente stabili. 

Al momento, tutti i casi vengono trattati in maniera isolata nelle istituzioni mediche di Wuhan, sono stati rintracciati 121 contatti stretti e sono state fatte osservazioni mediche, mentre il monitoraggio di contatti stretti è ancora in corso.

Indagini epidemiologiche hanno rivelato che alcuni casi erano gestiti dalla South China Seafood City di Wuhan. A partire da ora, le indagini preliminari non hanno rivelato evidenze evidenti della trasmissione da uomo a uomo e nessuna infezione del personale medico. Sono in corso l’identificazione dei patogeni (compresa la rilevazione dell’acido nucleico e l’isolamento e la coltivazione del virus) e il lavoro di rintracciamento dell’eziologia e sono state escluse le comuni malattie respiratorie come l’influenza, l’influenza aviaria e l’infezione da adenovirus.

Dopo l’epidemia, la Commissione sanitaria statale e provinciale ha attribuito grande importanza ad essa e ha inviato gruppi di lavoro e gruppi di esperti a Wuhan per guidare il lavoro locale di risposta e smaltimento. 

La Commissione municipale per la salute di Wuhan ha condotto ricerche sui casi rilevanti e indagini retrospettive nelle istituzioni mediche di tutta la città, ha completato il trattamento di risanamento ambientale della città di pesce della Cina meridionale e sono in corso ulteriori indagini igieniche.”


4 gennaio 2020

Sintesi

  • Rilanciata in Italia via BBC la notizia di 44 casi confermati di misteriosa polmonite virale in Cina
  • Emergono timori che il virus possa essere legato alla Sars
  • L’OMS è in contatto con le autorità cinesi sul caso e assicura che la Cina ha ampie capacità di risposta ad eventi di salute pubblica e sta rispondendo in modo proattivo e rapido

Documentazione

Il 4 gennaio 2020 l’agenzia ANSA pubblica una notizia dal titolo “Misteriosa polmonite virale in Cina, 44 casi. Controlli in scali Singapore e HK. Epicentro nella città di Wuhan. Oms, ‘pronti a risposta più ampia se necessario‘”

Il titolo dell’articolo pubblicato sul sito dell’ANSA il 4 gennaio 2020

Nel testo si legge: “Le autorità cinesi hanno avviato un’indagine sulla diffusione di una misteriosa polmonite di natura virale con decine di persone colpite nella città di Wuhan, nel centro della Cina. In totale i casi confermati sono 44 – riferisce la Bbc – di questi 11 sono considerati “gravi”, hanno precisato le autorità locali nelle scorse ore.

L’allerta ha indotto gli aeroporti di Singapore e Hong Kong a introdurre un protocollo apposito per i viaggiatori provenienti dalla città cinese interessata. Online intanto si sono diffusi timori che il virus possa essere legato alla Sars, la cui diffusione originata in Cina fra il 2002 e il 2003 causò la morte di 700 persone. La polizia di Wuhan ha fatto sapere che otto persone sono state sanzionate per la diffusione di false informazioni via Internet.

L’Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) “sta monitorando attentamente la situazione nella città cinese di Wuhan ed è in stretto contatto con le controparti in Cina”. Lo rende noto su twitter la Oms-Western Pacific dopo i casi di misteriosa polmonite verificatisi nella città cinese, annunciando di aver attivato il ‘Sistema per la gestione degli incidenti’ e dicendosi pronta a “lanciare una risposta più ampia, se sarà necessario”.

Le autorità cinesi, spiega l’Oms-Western Pacific, “hanno comunicato all’Organizzazione mondiale della sanità un focolaio di casi di polmonite a Wuhan, nella provincia di Hubei“. Le autorità governative, inoltre, hanno incontrato i responsabili Oms nel Paese aggiornandoli circa la situazione in atto. Il governo cinese ha avviato azioni, comunica l’Oms, “per verificare i fatti e sono in corso le indagini per risalire alle cause” del focolaio. La Cina, si legge ancora nel tweet dell’Oms, “ha ampie capacità di risposta ad eventi di salute pubblica e sta rispondendo in modo proattivo e rapido agli attuali eventi di Wuhan, isolando i pazienti, rintracciando i contatti stretti, bonificando i mercati e ricercando le cause ed eventuali ulteriori casi“.

L’OMS il 4 gennaio sa che in Cina ci sono casi di polmonite da virus, ha attivato il Sistema per la gestione degli incidenti e si dice pronta a lanciare una proposta più ampia se necessario.

5 Gennaio 2020

Sintesi

  • Wuhan parla di 59 pazienti colpiti da virus polmonare sconosciuto
  • Wuhan individua il primo tempo di insorgenza il 12 dicembre 2019 e l’ultimo tempo di insorgenza il 29 dicembre
  • Wuhan ha rintracciato e identificato 163 contatti stretti con i contagiati ma conferma che non sono state trovate prove chiare della trasmissione da uomo a uomo e che non sono state rilevate infezioni da parte del personale medico
  • L’OMS pubblica la notizia di polmonite da causa sconosciuta in Cina
  • L’OMS informa che è a conoscenza del caso dal 31 dicembre 2019
  • L’OMS riferisce dei 44 casi a Wuhan e altre notizie che appaiono nel documento del Comitato per la Salute di Wuhan del 31 dicembre 2020 (vedi sopra) compresa l’assenza di evidenza significativa di trasmissione da uomo a uomo
  • L’OMS non raccomanda alcuna misura specifica per i viaggiatori.

Documentazione

Comitato per la salute di Wuhan

Il comitato per la salute di Wuhan rilascia un documento nel quale si legge:

“Dal 31 dicembre 2019, il nostro comitato ha svolto ricerche e indagini retrospettive su casi inspiegabili di polmonite virale in città. A partire dalle 8:00 del 5 gennaio 2020, sono stati segnalati in totale 59 pazienti con diagnosi di polmonite virale inspiegabile, inclusi 7 pazienti gravemente malati, e i segni vitali dei restanti pazienti erano generalmente stabili.

Attualmente, tutti i pazienti sono messi in quarantena nelle istituzioni mediche di Wuhan Trattamento, nessuna morte. Tra i 59 pazienti, il primo tempo di insorgenza è stato il 12 dicembre 2019 e l’ultimo tempo di insorgenza è stato il 29 dicembre; 163 contatti stretti sono stati tracciati per l’osservazione medica concomitante e il tracciamento di contatti stretti è ancora in corso .

Indagini epidemiologiche mostrano che alcuni pazienti gestiscono famiglie nella South China Seafood City (South China Seafood Wholesale Market) a Wuhan. Finora, le indagini preliminari hanno dimostrato che non sono state trovate prove chiare della trasmissione da uomo a uomo e che non sono state rilevate infezioni da parte del personale medico. Sono stati esclusi i patogeni respiratori come influenza, influenza aviaria, adenovirus, SARS e sindrome respiratoria mediorientale (MERS). Sono ancora in corso i lavori di identificazione dei patogeni e di analisi dell’eziologia.

Allo stato attuale, con il sostegno dello Stato e della provincia di Hubei, la città di Wuhan ha adottato le seguenti principali misure di prevenzione e controllo: in primo luogo, sta facendo del suo meglio per curare i pazienti. Il secondo è effettuare un trattamento di isolamento per tutti i casi. Il terzo è quello di continuare a condurre ricerche sui casi rilevanti e indagini retrospettive presso le istituzioni mediche in tutta la città. Il quarto consiste nell’eseguire seriamente la traccia dei contatti ravvicinati e attuare osservazioni mediche sui contatti stretti che sono stati rintracciati e non sono stati rilevati sintomi anomali come la febbre. In quinto luogo, adottare misure per chiudere il mercato della città di pesce della Cina meridionale e svolgere trattamenti di risanamento ambientale e ulteriori indagini igieniche. In sesto luogo, svolgere attivamente indagini epidemiologiche. In settimo luogo, cooperare con i paesi e le province per effettuare l’identificazione dei patogeni (inclusa la rilevazione dell’acido nucleico e la cultura dell’isolamento del virus) e la tracciabilità dell’eziologia, e il lavoro di prevenzione e controllo procede in modo ordinato.

Gli esperti suggeriscono che attualmente la nostra città è nella stagione di alta incidenza di malattie infettive in inverno e in primavera.I cittadini dovrebbero prestare attenzione a mantenere la circolazione dell’aria interna per evitare luoghi pubblici chiusi e non circolanti e luoghi in cui le persone sono concentrate. Indossare maschere se necessario. Se hai sintomi di infezione da febbre e vie respiratorie, specialmente se la febbre persiste, vai in un istituto medico in tempo.”

OMS

L’Organizzazione mondiale della Sanità pubblica sul proprio sito web un dispaccio dal titolo “POLMONITE DA EZIOLOGIA SCONOSCIUTA – CINA

Il dispaccio OMS del 5 gennaio

Nel testo si legge che “Il 31 dicembre 2019, l’Ufficio dell’OMS in Cina è stato informato che erano stati individuati casi di
polmonite di eziologia sconosciuta (causa sconosciuta) nella città di Wuhan, provincia di Hubei, Cina.

Al 3 gennaio 2020, sono stati segnalati all’OMS 44 pazienti in totale con polmonite da eziologia sconosciuta dalle autorità nazionali cinesi. Dei 44 casi segnalati, 11 sono gravemente ammalati, mentre i rimanenti 33 pazienti sono in condizioni stabili. Secondo le informazioni diffuse dai media, il 1° gennaio 2020 è stato chiuso il mercato interessato di Wuhan per disinfezione e sanificazione ambientale.

L’agente eziologico non è ancora stato identificato o confermato. Il 1° gennaio 2020, l’OMS ha chiesto ulteriori informazioni alle autorità nazionali per effettuare la valutazione del rischio.
Le autorità nazionali hanno informato che tutti i pazienti sono in isolamento e sono curati presso le istituzioni mediche di Wuhan.

I segni e sintomi clinici consistono principalmente in febbre, con pochi pazienti affetti da difficoltà respiratorie, mentre le radiografie al torace mostrano lesioni invasive in entrambi i polmoni.

Secondo le autorità, alcuni pazienti erano operatori o venditori presso il mercato ittico di Huanan.

In base alle informazioni preliminari dell’equipe investigativa cinese, non è stata segnalata evidenza di significativa trasmissione interumana e non si sono verificati casi fra gli operatori sanitari.

“non è stata segnalata evidenza di significativa trasmissione interumana….”

Attività di sanità pubblica

Le autorità nazionali hanno informato delle seguenti misure di risposta:
• sono stati identificati centoventuno contatti stretti che si trovano sotto osservazione medica;
• è in corso il follo up dei contatti stretti;
• è in corso l’identificazione del patogeno e il rintraccio della causa;
• la commissione sanitaria municipale di Wuhan ha effettuato una ricerca attiva dei casi, e sono state completate le indagini retrospettive;
• sono in corso ulteriori indagini sull’igiene e attività di sanificazione ambientale.

L’OMS sta monitorando attentamente la situazione ed è in stretto contatto con le autorità nazionali cinesi.

Valutazione del rischio dell’OMS
Esistono limitate informazioni per determinare il rischio complessivo di questo cluster segnalato di polmonite di eziologia sconosciuta
.

Il collegamento segnalato a un mercato all’ingrosso del pesce e di
animali vivi potrebbe indicare un collegamento con l’esposizione ad animali.

I sintomi segnalati dai pazienti sono comuni a diverse malattie respiratorie, e la polmonite è un evento frequente in inverno;
tuttavia, il verificarsi di 44 casi di polmonite che necessitano di ospedalizzazione e formano un cluster spaziale e temporale deve essere considerato con prudenza.

“Cluster spaziale e temporale che deve essere considerato con prudenza”

La città di Wuhan, con una popolazione di 19 milioni, è la capitale della provincia di Hubei, con una popolazione di 58 milioni di persone.

L’OMS ha chiesto ulteriori informazioni sui test di laboratorio
effettuati e sulle diagnosi differenziali considerate.

Raccomandazioni dell’OMS
In base alle informazioni fornite dalle autorità nazionali, sono tuttora valide le raccomandazioni dell’OMS sulle misure di sanità pubblica e sulla sorveglianza dell’influenza e delle gravi infezioni respiratorie acute.

L’OMS non raccomanda alcuna misura specifica per i viaggiatori. In caso di sintomi suggestivi di malattia respiratoria sia durante che dopo il viaggio, i viaggiatori dovrebbero rivolgersi a un medico e informare del loro viaggio il personale sanitario.

L’OMS non raccomanda alcuna misura specifica per i viaggiatori


L’OMS raccomanda di evitare qualsiasi restrizione ai viaggi e al commercio con la Cina in base alle informazioni attualmente disponibili su questo evento.

L’OMS raccomanda di evitare qualsiasi restrizione ai viaggi e al commercio con la Cina

7 Gennaio 2020

Sintesi

  • Il Corriere.it edizione Milano pubblica un articolo sul picco di ricoveri per polmonite da virus influenzale

Documentazione

L’articolo del Corriere della Sera sulla crescita di ricoveri da influenza e picco di polmoniti

Il Corriere della Sera pubblica un articolo sul picco di polmoniti da virus influenzale negli ospedali milanesi.

Nell’articolo si legge tra l’altro: ” Elevato anche il numero di casi di polmonite: probabile che i primi sintomi siano stati trascurati e poi siano peggiorati. Super afflusso al San Carlo, in particolare di bambini. Dal 3 gennaio la direzione ha deciso di aprire un reparto dedicato alle persone in via di guarigione, con venti posti letto, in modo da decongestionare le medicine e le chirurgie.”


9 Gennaio 2020

Sintesi

  • Il ministero della Salute e i vertici sanitari italiani interessati alla prevenzione delle malattie e profilassi internazionale conoscono il documento dell’OMS del 5 gennaio sulle polmoniti da cause sconosciute a Wuhan.

Documentazione

La circolare del Ministero della Salute del 9 gennaio 2020

L’Ufficio 5 Prevenzione delle Malattie Trasmissibili e Profilassi Internazionale della Direzione Generale della Prevenzione Sanitaria del Ministero della Salute invia una circolare alle massime autorità italiane interessate nella quale riporta in lingua italiana il dispaccio dell’OMS del 5 Gennaio.

Nel documento dunque si ribadisce tra l’altro che “non è stata segnalata evidenza di significativa trasmissione interumana e non si sono verificati casi fra gli operatori sanitari“, “L’OMS non raccomanda alcuna misura specifica per i viaggiatori” e “L’OMS raccomanda di evitare qualsiasi restrizione ai viaggi e al commercio con la Cina in base alle informazioni attualmente disponibili su questo evento.”


Redazione

Di Redazione

Se anche tu vuoi avere voce su Italia News invia i tuoi comunicati a notizie@italia-news.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.