Categorie
blog Covid19 report in Italy

Coronavirus in Italia. 2 – “Nuovo coronavirus” in Cina

10 Gennaio 2020

Sintesi

  • l’OMS aggiorna le linee guida per i viaggi in China dove ammette che le modalità di trasmissione del virus risultano poco chiari

L’OMS pubblica l’aggiornamento alle linee guida per i viaggi e gli scambi internazionali in relazione allo scoppio della polmonite causata da un nuovo coronavirus in Cina.

Documentazione


Nel documento si legge tra l’altro:

“Mentre la causa della polmonite sembra essere un nuovo coronavirus, il potenziale di trasmissione e le modalità di trasmissione rimangono poco chiari. Pertanto, sarebbe prudente ridurre il rischio generale di infezioni respiratorie acute durante il viaggio in o da aree colpite (attualmente la città di Wuhan) di:

  • evitare il contatto ravvicinato con le persone che soffrono di infezioni respiratorie acute;
  • lavaggi frequenti delle mani, soprattutto dopo il contatto diretto con i malati o il loro ambiente;
  • evitare uno stretto contatto con animali vivi o morti o animali selvatici;
  • i viaggiatori con sintomi di infezione respiratoria acuta devono praticare l’etichetta per la tosse (mantenere la distanza, coprire la tosse e starnutire con tessuti o indumenti usa e getta e lavarsi le mani).”

11 Gennaio 2020

Sintesi

  • Il comitato per la Salute di Wuhan parla di “nuovo coronavirus
  • Wuhan dichiara che non sono stati trovati nuovi casi dal 3 gennaio: i casi ora sono 41 tra i quali un decesso. Nel documento del 3 gennaio Wuhan parlava di 44 contagi e in quello del 5 gennaio parlava di 59 pazienti contagiati.
  • Wuhan ha individuato 739 contatti stretti con contagiati che non mostrano segni di contagio
  • Un secondo documento da Wuhan specifica le caratteristiche dell’unica persona deceduta
  • Sempre il secondo documento allarga la finestra dei contagi tra l’8 dicembre 2019 e il 2 gennaio 2020 e conferma l’assenza di prove di contagio da uomo a uomo.
  • Il Corriere rilancia la notizia della mappatura del genoma del virus
  • Gianni Rezza tranquilizza “il virus non sembra trasmettersi da uomo a uomo”

Documentazione

Primo documento del comitato per la Salute di Wuhan

Il comitato per la salute di Wuhan pubblica un primo documento in cui parla ancora di polmonite virale inspiegabile ma definisce il virus “un nuovo coronavirus“.

“Dopo che l’agente patogeno della “polmonite virale inspiegabile” – si legge – è stato inizialmente definito un nuovo coronavirus, i gruppi di esperti nazionali, provinciali e municipali hanno immediatamente rivisto e migliorato la diagnosi, il trattamento e il monitoraggio della polmonite virale inspiegabile. 

La Commissione Sanitaria Municipale di Wuhan ha organizzato i test sugli esemplari dei pazienti esistenti e, a partire dalle 24:00 del 10 gennaio 2020, è stato completato il test dell’acido nucleico patogeno. 

I gruppi di esperti nazionali, provinciali e comunali hanno condotto ricerche e giudizi esaustivi su manifestazioni cliniche, storia epidemiologica, risultati di test di laboratorio, ecc.

Di pazienti ricoverati in ospedale per osservazione e terapia e hanno inizialmente diagnosticato 41 casi di polmonite con nuova infezione da coronavirus, di cui 2 dimessi Ci sono stati 7 casi gravi e 1 decesso, mentre i restanti pazienti erano in condizioni stabili. Tutti i 739 contatti stretti, tra cui 419 personale medico, hanno ricevuto osservazioni mediche e non sono stati trovati casi correlati.

Sin dallo scoppio, la città di Wuhan, con il sostegno dello Stato e della provincia di Hubei, ha collaborato con i dipartimenti competenti per svolgere il lavoro di prevenzione e controllo in modo ordinato: in primo luogo, non risparmierà nessuno sforzo per curare i pazienti. 

Formulare un piano di lavoro per la diagnosi e il trattamento, realizzare seriamente diagnosi precoce, diagnosi precoce, isolamento precoce e trattamento precoce e concentrare esperti e risorse per il trattamento completo. Il secondo è svolgere approfondite indagini epidemiologiche. 

L’inchiesta ha rivelato che i pazienti erano principalmente il personale operativo e di acquisto del mercato all’ingrosso di frutti di mare della Cina meridionale a Wuhan.

Il 1 ° gennaio 2020 sono state prese le misure per il mercato all’ingrosso di frutti di mare della Cina meridionale e l’orientamento per la prevenzione delle malattie e l’igiene ambientale sono stati ulteriormente rafforzati nei luoghi pubblici della città, in particolare nel mercato degli agricoltori. gestione.

Il terzo è pubblicizzare ampiamente le conoscenze sulla prevenzione delle malattie e migliorare la consapevolezza pubblica dell’autoprotezione. 

Il quarto è cooperare con i paesi e le province nella conduzione della ricerca eziologica. In quinto luogo, collaborare con la Commissione nazionale per la salute e la salute per comunicare tempestivamente all’Organizzazione mondiale della sanità e ad altre informazioni sull’epidemia.

    Non sono stati trovati nuovi casi dal 3 gennaio 2020. Al momento non sono state rilevate infezioni da parte del personale medico e non sono state trovate prove chiare della trasmissione da persona a persona. La nostra città continuerà a rafforzare il trattamento dei pazienti e le indagini epidemiologiche, condurre approfondite campagne patriottiche sulla salute, fare un buon lavoro nel divulgare le conoscenze sulla prevenzione delle malattie e mantenere la salute delle persone.

    Attualmente è nella stagione di alta incidenza di malattie infettive in inverno e in primavera: il pubblico dovrebbe mantenere la circolazione dell’aria interna, cercare di evitare luoghi pubblici chiusi e non circolanti e luoghi affollati e, se necessario, indossare maschere. Se hai la febbre, i sintomi di infezione del tratto respiratorio, in particolare la febbre persistente, dovresti andare in un istituto medico in tempo.   “

Secondo documento del comitato per la Salute di Wuhan

Il comitato per la salute di Wuhan pubblica nello stesso giorno un secondo documento in modalità domande e risposte dove alcuni esperti spiegano il significato di alcuni concetti. Leggiamolo insieme:

D: Come è stato diagnosticato il caso in questo focolaio?

    Risposta: giudizio completo basato sulle manifestazioni cliniche del paziente, sulla storia epidemiologica e sui risultati dei test patogeni.

    Domanda: quali sono le caratteristiche delle manifestazioni cliniche di questo caso?                    

    A: Le manifestazioni cliniche sono sintomi sistemici come febbre e affaticamento, accompagnati da tosse secca e dispnea è più comune nei pazienti ospedalizzati. La stragrande maggioranza dei pazienti presentava segni vitali generalmente stabili all’ammissione.

    D: Attualmente esiste un caso di morte Qual è la situazione specifica?

    Risposta: Il paziente è un maschio di 61 anni, ricoverato in ospedale per insufficienza respiratoria e polmonite grave, tumori addominali e patologie epatiche croniche. Il paziente acquista merci tutto l’anno nel mercato del pesce della Cina meridionale a Wuhan. Dopo aver ricevuto supporto sintomatico, anti-infezione, respirazione assistita da ventilatore, supporto vitale in vitro ECMO continuo e altri trattamenti dopo l’ammissione, i sintomi non sono migliorati e il cuore si è fermato la sera del 9 gennaio 2020, ed è morto dopo il salvataggio. I risultati dei test sugli agenti patogeni suggeriscono che il nuovo acido nucleico del coronavirus è positivo. La diagnosi di morte era polmonite grave, sindrome da distress respiratorio acuto (grave), shock settico, insufficienza multiorgano, grave disturbo del metabolismo acido-base e cirrosi. La causa immediata della morte è stata l’insufficienza respiratoria.

    D: L’avviso recita “Nessun nuovo caso è stato trovato dal 3 gennaio 2020”. Cosa significa?

    A: Secondo le indagini epidemiologiche di esperti del paese, delle province e delle città, i casi inspiegabili di polmonite virale a Wuhan si sono verificati tutti tra l’8 dicembre 2019 e il 2 gennaio 2020. Dal 3 gennaio 2020, le indagini cliniche ed epidemiologiche hanno rivelato che non sono state trovate nuove infezioni.

    Domanda: come comprendere “nessuna chiara prova della trasmissione da uomo a uomo”?

    A: Secondo il sondaggio epidemiologico condotto da esperti del paese, delle province e delle città, la maggior parte dei casi inspiegabili di polmonite virale a Wuhan questa volta ha una storia di esposizione al mercato ittico della Cina meridionale e non sono state trovate prove chiare della trasmissione da uomo a uomo. Stiamo conducendo ulteriori indagini epidemiologiche e relativi test di laboratorio. Inoltre, finora tutti i contatti stretti, incluso il personale medico, non hanno trovato casi rilevanti.

Corriere della Sera

Il Corriere diffonde la notizia che è stato mappato il genoma del nuovo virus.

Nell’articolo si legge anche la rassicurazione di Gianni Rezza direttore del dipartimento Malattie infettive dell’Istituto superiore di Sanità

“Una rassicurazione arriva anche da Gianni Rezza, direttore del dipartimento Malattie infettive dell’Istituto superiore di Sanità: «Gli scienziati cinesi hanno identificato un coronavirus, patogeno della stessa famiglia della Sars, all’origine dei casi. Ma questo non significa che possa rappresentare lo stesso tipo di pericolo. I coronavirus, negli animali, sono moltissimi. Per gli esseri umani ne conoscevamo due o tre forme che danno, essenzialmente, raffreddori e qualche polmonite. Poi è arrivata la Sars, un coronavirus dei grandi pipistrelli asiatici, che, fra 2002 e 2003, infettando l’uomo, ha provocato un’epidemia e ucciso oltre 700 persone. Abbiamo poi avuto la Mers (virus dei cammelli), pericolosa ma di difficile diffusione, attiva da una decina d’anni ma rimasta confinata quasi esclusivamente nella penisola arabica». Difficile che il coronavirus appena identificato in Cina possa avere un’evoluzione come quello della Sars, «le cui modificazioni genetiche, che lo hanno reso pericoloso, sono molto particolari, di non facile replica», tranquillizza Rezza. «Da quanto sappiamo – aggiunge – tutte le persone contagiate hanno frequentato un mercato di selvaggina viva. Non mi stupirebbe che, ancora una volta, possa trattarsi di un coronavirus da pipistrello». A tranquillizzare è soprattutto il fatto che «il virus non sembra trasmettersi da uomo a uomo. In generale non sembra avere un’alta letalità e la maggior parte dei sintomi non sono gravi».”


12 Gennaio 2020

Sintesi

  • L’OMS parla di “Nuovo Coronavirus in Cina”
  • L’OMS si dice rassicurato dalla qualità delle indagini in corso e dalle misure di risposta implementate a Wuhan
  • ancora non vi è chiara evidenza di trasmissione interumana
  • si segnala il primo decesso in Cina
  • la Cina ha condiviso le sequenze genetiche del nuovo coronavirus che è stato isolato il 7 gennaio 2020.
  • L’insorgenza dei sintomi nei 41 casi confermati di nCoV in Cina varia fra l’8 dicembre 2019 e il 2 gennaio 2020.
  • preparata una guida tecnica sul nuovo coronavirus
  • L’OMS non raccomanda alcuna misura specifica per i viaggiatori.
  • L’OMS raccomanda di evitare qualsiasi restrizione ai viaggi e al commercio con la Cina
  • Il Ministero della Salute pubblica la guida provvisoria in italiano la guida provvisoria “Gestione clinica dell’infezione respiratoria acuta grave nei casi di sospetta infezione da nuovo coronavirus (nCoV)”

Documentazione

OMS

Il dispaccio dell’OMS dove si parla di “nuovo coronavirus”

L’OMS pubblica un dispaccio intitolato “Nuovo Coronavirus – Cina” dove si legge:

“L’11 e il 12 gennaio 2020, l’OMS ha ricevuto ulteriori informazioni dettagliate sull’epidemia dalla Commissione Sanitaria Nazionale.

L’OMS è rassicurato dalla qualità delle indagini in corso e dalle misure di risposta implementate a Wuhan, e dall’impegno di condividere regolarmente informazioni.

Le evidenze suggeriscono fortemente che l’epidemia sia associata all’esposizione in un mercato ittico di Wuhan.

Il mercato è stato chiuso il 1° gennaio 2020. Attualmente, non si sono verificate infezioni fra gli operatori sanitari e non vi è chiara evidenza di trasmissione interumana.

Le autorità cinesi continuano il loro lavoro di sorveglianza intensiva e le misure di follow up, così come ulteriori indagini epidemiologiche.

Fra i 41 casi confermati, si è verificato un decesso. Questo decesso ha colpito un paziente con gravi condizioni mediche concomitanti.

Il 12 gennaio la Cina ha condiviso le sequenze genetiche del nuovo coronavirus, fatto molto importante perché altri paesi lo utilizzino per sviluppare kit diagnostici specifici.

Il cluster è stato segnalato inizialmente il 31 dicembre 2019, quando è stato informato l’Ufficio paese dell’OMS.

Le autorità cinesi hanno identificato un nuovo tipo di coronavirus (nuovo coronavirus, nCoV) che è stato isolato il 7 gennaio 2020.

Sono stati effettuati test di laboratorio su tutti i casi sospetti identificati tramite il rintraccio attivo dei contatti e una revisione retrospettiva.

Sono stati esclusi come agenti eziologici altri patogeni respiratori, quali influenza, influenza aviare, adenovirus, SARS-CoV, MERS-CoV.

Secondo le informazioni fornite all’OMS dalle autorità cinesi l’11 e il 12 gennaio, sono stati preliminarmente diagnosticati 41 casi di infezione da nuovo coronavirus nella città di Wuhan.

Dei 41 casi segnalati, sette hanno una forma grave. In quest’occasione è stato segnalato il decesso, menzionato precedentemente, di un paziente con altre condizioni mediche concomitanti.

Sei pazienti sono stati dimessi dall’ospedale.

L’insorgenza dei sintomi nei 41 casi confermati di nCoV varia fra l’8 dicembre 2019 e il 2 gennaio 2020. Dal 3 gennaio 2019 non è stato individuato nessun nuovo caso.

I segni clinici ed i sintomi segnalati consistono principalmente in febbre, con pochi casi che hanno presentato dispnea, mentre le radiografie del torace mostrano infiltrati polmonari invasivi bilaterali.

Le autorità nazionali hanno informato che i pazienti sono stati isolati e sono trattati negli istituti medici di Wuhan.

Secondo le indagini epidemiologiche preliminari, la maggior parte dei casi lavorava o erano gestori o visitatori frequenti del Mercato ittico all’ingrosso di Hunan.

Il governo segnala che non esiste una chiara evidenza che il virus si trasmetta facilmente da persona a persona.

Attualmente nessun caso di infezione di questo nuovo coronavirus è stato segnalato in altri luoghi diversi da Wuhan.

Attività di sanità pubblica
La Commissione Sanitaria Nazionale cinese ha inviato un gruppo di esperti nella città di Wuhan per supportare la risposta locale.

Le autorità nazionali hanno informato delle seguenti misure di risposta:

  • sono stati identificati e sottoposti a follow up 763 contatti stretti, inclusi operatori sanitari, e non
    sono stati identificati ulteriori casi d’infezione da nuovo coronavirus;
  • la Commissione Sanitaria Municipale di Wuhan ha effettuato una ricerca attiva dei casi ed è stata completata l’indagine retrospettive dell’attuale cluster di pazienti;
  • il mercato ittico all’ingrosso di Huanan è stato temporaneamente chiuso per effettuare la sanificazione ambientale e la disinfezione;
  • sono state implementate attività di comunicazione del rischio per aumentare la consapevolezza e l’adozione di misure di auto-protezione.

L’OMS sta monitorando attentamente la situazione ed è regolarmente in contatto con le autorità nazionali cinesi per fornire il supporto richiesto.

È stata preparata una guida tecnica sul nuovo coronavirus e sarà aggiornata continuamente quando saranno disponibili nuove informazioni.

Valutazione del rischio dell’OMS
Attualmente sono ancora in corso le indagini per valutare la completa estensione dell’epidemia.

La città di Wuhan è uno dei principali centri di trasporto nazionali e internazionali. Sinora non sono stati segnalati casi fuori dalla città di Wuhan.

Sono necessarie informazioni più complete e indagini in corso per comprendere meglio l’epidemiologia, il quadro clinico, la fonte, le modalità di trasmissione, e l’estensione dell’infezione, così come le
contromisure implementate.

Raccomandazioni dell’OMS
In base alle informazioni fornite dalle autorità nazionali, si applicano le raccomandazioni dell’OMS sulle misure di sanità pubblica e sulla sorveglianza di nuovi coronavirus.

L’OMS non raccomanda alcuna misura specifica per i viaggiatori. In caso di sintomi suggestivi di malattia respiratoria sia durante che dopo il viaggio, i viaggiatori dovrebbero rivolgersi a un medico e informare del loro viaggio il personale sanitario. Sono state aggiornate le linee guida per i viaggiatori.

L’OMS raccomanda di evitare qualsiasi restrizione ai viaggi e al commercio con la Cina in base alle informazioni attualmente disponibili su questo evento.

MINISTERO DELLA SALUTE

La guida provvisoria “Gestione clinica dell’infezione respiratoria acuta grave nei casi di sospetta infezione da nuovo coronavirus (nCoV)”

Il 12 gennaio il Ministero della Salute ha pubblicato la guida provvisoria “Gestione clinica dell’infezione respiratoria acuta grave nei casi di sospetta infezione da nuovo coronavirus (nCoV)” destinata agli operatori sanitari.

All’interno del documento si leggono tra le altre, le indicazioni alle strutture di Triage per il riconoscimento precoce dei pazienti affetti da SARI associata all’infezione da nCoV


13 Gennaio 2020

Sintesi

Il Ministero della Salute invia alle autorità interne interessate circolare con traduzione del dispaccio OMS del 12 gennaio 2020

Documentazione

L’Ufficio 5 Prevenzione delle Malattie Trasmissibili e Profilassi Internazionale della Direzione Generale della Prevenzione Sanitaria del Ministero della Salute invia una circolare alle massime autorità italiane interessate nella quale riporta in lingua italiana il dispaccio dell’OMS del 12 Gennaio.

Redazione

Di Redazione

Se anche tu vuoi avere voce su Italia News invia i tuoi comunicati a notizie@italia-news.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.