Categorie
Politica

Scontro Letta-Confindustria su fine crisi

Enrico Letta
Enrico Letta

Il presidente del Consiglio Italiano Enrico Letta dagli Emirati Arabi Uniti ha avuto parole chiare sul cambio passo dell’Italia in uscita dalla crisi. Da Abu Dhabi e intervistato da Al Arabiya Letta ha affermato: “I mercati sono pronti, la situazione sta cambiando verso la stabilità” invitando al contempo di opportunità di importanti investimenti in Italia alla luce di una crescita prevista dell’ 1% nel 2014 e addirittura del 2% nel 2015. Il presidente di Confindustria  Giorgio Squinzi ha duramente contestato le parole del premier con un secco “O si cambia passo con il governo esistente o ad un certo punto andiamo a votare”.

Ospite della trasmissione “in mezz’ora” condotto dalla giornalista Annunziata, Squinzi ha sgranato i dati del Centro Studi di Confindustria che parlerebbero di un Paese, l’Italia, ben diverso da quello rappresentato da letta ai ricchi sceicchi degli Emirati: altro che 1% quest’anno e 2% il prossimo anno di Pil: per il Csc la stima per il 2014 va da  +0,6 a 0,7% per il Pil, “frazione di un punto che” dichiara Squinzi ” non basta a creare occupazione e a far ripartire il Paese”.

Non si è fatta attendere la reazione del premier apprese le parole di Squinzi in diretta Tv nel nostro fuso orario: “Sono convinto che ognuno debba fare il suo lavoro. E’ bene che Confindustria aiuti il Pil del Paese. Ma sono convinto che i dati del governo siano quelli giusti” ha replicato Enrico Letta.

Redazione

Di Redazione

Se anche tu vuoi avere voce su Italia News invia i tuoi comunicati a notizie@italia-news.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.