Home Economia Schroders – Inversione di tendenza per le big tech: cosa c’è dietro...

Schroders – Inversione di tendenza per le big tech: cosa c’è dietro la ripresa?

Simon Webber, Lead Portfolio Manager, Schroders
Simon Webber, Lead Portfolio Manager, Schroders
Pubblicità
Condividi

A cura di Simon Webber, Lead Portfolio Manager, Schroders

Quest’anno le big tech hanno registrato una ripresaSette grandi società statunitensi (Apple, Microsoft, Alphabet, Amazon, Tesla, Netflix e Nvidia) hanno registrato un rendimento complessivo del 34% al 30 aprile 2023. Escludendo questi titoli, il resto dell’indice MSCI USA ha reso appena il 3%.

Pubblicità

I titoli big tech sono stati i “vincitori della pandemia” nel 2020 e nel 2021 grazie alla forte domanda dei loro prodotti. In seguito, hanno vissuto un 2022 difficile a causa delle preoccupazioni per l’aumento dell’inflazione e dei tassi d’interesse.

L’inflazione è ancora elevata e i tassi di interesse sono aumentati quest’anno: quindi, cosa c’è dietro il nuovo rally delle big tech statunitensi?

Le maggiori performance messe a segno da queste società possono essere spiegate in parte dal miglioramento dei fondamentali, anche se il quadro è complesso.

Aziende come Microsoft e Nvidia stanno godendo di un andamento di mercato molto forte. Queste due aziende potrebbero infatti rivelarsi le vincitrici assolute della rivoluzione dell’Intelligenza Artificiale generativa.

Anche Apple ha recentemente riportato utili trimestrali molto solidi, dimostrando maggiore solidità rispetto ad altre società più esposte alle commodity del settore dell’elettronica di consumo. Inoltre, dopo le pressioni subite lo scorso anno, alcune delle altre aziende di questo gruppo – Amazon, Alphabet, Meta e Netflix – hanno scoperto i vantaggi della riduzione dei costi. Queste società hanno un grande potenziale in tal senso, dopo l’enorme ondata di assunzioni degli ultimi tre anni.

Ciò potrebbe avvenire attraverso la riduzione del personale e, in alcuni casi, dei compensi dei dipendenti con salari più elevati, anche alla luce dell’ammorbidimento del mercato del lavoro.

É possibile affermare che per i membri di questo gruppo di big tech i fondamentali sono migliorati sia per quanto riguarda la linea superiore (cioè il rapporto tra vendite e ricavi) sia per quanto riguarda la linea inferiore (il miglioramento dell’efficienza operativa in rapporto al taglio dei costi per aumentare la redditività).

Parte di ciò che sta accadendo nei mercati rappresenta una rotazione dai titoli Value verso i titoli Growth, innescata dallo stress del settore bancario a cui abbiamo assistito quest’anno.

Ciò sta avendo luogo perché le tensioni bancarie stanno contribuendo a inasprire le condizioni di prestito, insieme all’aumento dei tassi d’interesse. Se la Fed dovesse sospendere i rialzi dei tassi, si ridurrebbero i venti contrari per i titoli growth, come quelli tecnologici.

Questa rotazione è stata molto più pronunciata negli Stati Uniti, il che rafforza l’opinione che potrebbe essere dovuta alle preoccupazioni per l’andamento dell’economia e per le parti più cicliche del mercato.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
Captcha verification failed!
Punteggio utente captcha non riuscito. Ci contatti per favore!