Categorie
Salute

Salute, ipomineralizzazione: un rischio in espansione per i denti dei bambini

Prof R. Docimo
Prof R. Docimo

Roma, 15 gennaio 2015 – Si chiama Molar Incisor Hypomineralization (MIH) e, se non diagnosticata precocemente ed intercettata, può portare a quello che viene definito “post eruptive breack-down”, ossia alla frattura dello smalto dei denti. Coinvolge i primi molari permanenti e gli incisivi sin dall’età pediatrica.

[easy_ad_inject_1]È una patologia in espansione che colpisce i bambini già a partire dai 6 anni quando erompono i primi denti permanenti ma può interessare anche i molari da latte. La MIH è diffusa in tutto il mondo con prevalenze diverse riportate in letteratura e che variano in media dal 3% al 25%.

«È un quadro clinico che oggi osserviamo frequentemente, caratterizzato da una ipomineralizzazione dei denti. Si tratta di un difetto qualitativo dello smalto che tende ad aggravarsi nel tempo . I denti ipomineralizzati – spiega la Prof.ssa Raffaella Docimo, Presidente della Società Italiana di Odontoiatria Infantile – si presentano con macchie bianco-giallastre o marroni, sono sensibili al caldo e al freddo, durante la masticazione e le manovre di igiene orale e, a causa della anomala porosità dello smalto possono andare incontro a cedimento strutturale delle aree colpite».

L’eziologia è ignota, anche se sono stati ipotizzati diversi fattori che potrebbero essere la causa di insorgenza della patologia.

«Fondamentale – avverte l’esperta – è la diagnosi precoce e la identificazione dei soggetti a rischio. La terapia mira al trattamento della ipersensibilità, alla prevenzione della carie, al restauro degli elementi dentali compromessi, considerato comunque che è indifferibile il monitoraggio costante con follow up trimestrali».

Agnes

Redazione

Di Redazione

Se anche tu vuoi avere voce su Italia News invia i tuoi comunicati a notizie@italia-news.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.