Home Spettacolo Televisione Rai Storia. Valentina D’Agostino è Letizia Battaglia nel terzo appuntamento con ‘Il...

Rai Storia. Valentina D’Agostino è Letizia Battaglia nel terzo appuntamento con ‘Il Segno delle Donne’, condotto da Angela Rafanelli

VALENTINA D’AGOSTINO È LETIZIA BATTAGLIA NEL TERZO APPUNTAMENTO CON IL SEGNO DELLE DONNE CONDOTTO DA ANGELA RAFANELLI
Pubblicità
Condividi

Martedì 13 dicembre in prima serata su Rai Storia (canale 54)

VALENTINA D’AGOSTINO È LETIZIA BATTAGLIA NEL TERZO APPUNTAMENTO CON IL SEGNO DELLE DONNE CONDOTTO DA ANGELA RAFANELLI

Pubblicità

Letizia Battaglia, l’eclettica e ribelle fotoreporter riconosciuta a livello internazionale e punto di riferimento dell’avanguardia artistica nel panorama culturale italiano, è interpretata da Valentina D’Agostino nella terza puntata de “Il Segno delle Donne”, una coproduzione Anele – Rai Cultura, che Rai Cultura propone martedì 13 dicembre alle 21.10 su Rai Storia con la conduzione di Angela Rafanelli.

Intervistata da Angela Rafanelli, Valentina D’Agostino fa rivivere la storia, la personalità e il carattere della celebre fotografa rispondendo alle domande della conduttrice con parole realmente usate da Letizia Battaglia in lettere, diari, colloqui con giornalisti e discorsi pubblici, portati alla luce dagli autori, con la consulenza della storica Silvia Salvatici.

Per ripercorrere le tappe della sua vita e della sua carriera, il racconto viene scandito in due atti rappresentativi di due momenti emblematici delle sue vicende umane e professionali, supportati da un’accurata trasformazione – trucco e costumi – dell’attrice e dai cambi di ambientazione ed elementi scenici. Inoltre, la narrazione si arricchisce di immagini ineditefilmati di repertorio e interviste a testimoni illustri, come il giornalista Attilio Bolzoni, l’amica storica Marilù Balsamo e la scrittrice Sabrina Pisu.

Nata a Palermo nel 1935, Letizia Battaglia è stata la prima donna fotoreporter a lavorare per un quotidiano, il giornale del capoluogo siciliano “L’Ora”. La sua “scatola magica”, come Letizia chiamava il suo strumento di lavoro, le ha permesso di entrare nelle case, di raccontare la vita più intima delle persone e la storia dell’Italia, di essere testimone dei più cruenti fatti di mafia, della condizione delle donne e degli emarginati, delle classi sociali subalterne e dell’alta società, regalando al mondo il suo sguardo nei confronti dell’umanità. Dopo un periodo trascorso a Milano fotografando i volti più rappresentativi delle lotte sociali e culturali, come Pier Paolo Pasolini, Letizia torna nella sua amata Palermo nel 1974 per denunciare, attraverso i suoi i suoi scatti in bianco e nero, gli anni più bui delle guerre di mafia sulle strade della Sicilia. Le sue intense fotografie la rendono celebre in tutto il mondo, tanto che è stata la prima donna europea a vincere il “Premio Eugene Smith”, a New York. Eclettica, ribelle e sempre schierata in prima linea, Letizia Battaglia frequenta il mondo del teatro sperimentale e allestisce spettacoli nell’ex Ospedale psichiatrico di Palermo, facendo incontrare la città con coloro che fino ad allora erano “invisibili”. Inizia a dedicarsi con passione anche alla politica e nel 1987 diventa assessore alla vivibilità urbana e ai parchi di Palermo. Negli anni Novanta, dopo la fine della sua storia con il fotografo Franco Zecchin e le stragi di Falcone e Borsellino, Letizia attraversa un profondo momento di crisi. Si sente delusa dalla politica e inizia una nuova avventura in campo editoriale, dando voce a chi non ha e fondando nel 1992 la casa editrice “Edizioni della Battaglia”. Negli anni Duemila porta avanti alcuni progetti fotografici sperimentali che hanno come protagoniste donne e bambine. Nel 2017 riesce ad inaugurare a Palermo il Centro Internazionale di Fotografia, un punto di riferimento dell’avanguardia artistica nel panorama culturale italiano.

Il Segno delle Donne” è una co-produzione Anele – Rai Cultura con Angela Rafanelli, realizzata da Anele. Prodotta da: Gloria Giorgianni. Sceneggiature di: Manuela Tempesta (Letizia Battaglia, Sibilla Aleramo), Francesco Del Monaco (Luisa Spagnoli), Giuditta Godano (Piera Degli Esposti), Giorgia Colli (Teresa Mattei) e Chiara Cavaliere (Topazia Alliata). Regia di: Michele Imperio (Letizia Battaglia, Topazia Alliata), Mario Vitale (Luisa Spagnoli, Teresa Mattei) e Marco Spagnoli (Piera Degli Esposti, Sibilla Aleramo).

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
Captcha verification failed!
Punteggio utente captcha non riuscito. Ci contatti per favore!