Home Italia Progetto RAST ad Haiti: un aiuto concreto alla popolazione a tre anni...

Progetto RAST ad Haiti: un aiuto concreto alla popolazione a tre anni dal terremoto

Pubblicità
Condividi

Entra nel vivo ad Haiti il progetto RAST – Rete di Assistenza Sanitaria Territoriale – ideato e diretto da Giovanni Ricco, medico salernitano e direttore dell’Associazione Salerno-Haiti onlus, sostenuto da Fondazione Marcegaglia onlus in collaborazione con partner locali e internazionali. Sono appena arrivati a Port-au-Prince, la capitale, tre dei cinque vincitori delle borse di studio selezionati tra i partecipanti al Corso di Alta formazione in Progettazione per la cooperazione internazionale allo sviluppo, organizzato nell’ambito delle attività didattiche del Master di II livello in Direzione delle Aziende e delle Organizzazioni Sanitarie – DAOSan dell’Università di Salerno, con la collaborazione dell’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri della
Provincia di Salerno, presieduto dal Prof. Bruno Ravera, che ha erogato i contributi economici.’,’Il compito dei tre borsisti, che resteranno nel paese tre mesi, è quello di implementare la rete e il coordinamento tra alcune realtà ospedaliere esistenti – Centre de Sante’ Foyer St. Camille, Centro Saint Esprit di Croix de Bouquet dei Padri Scalabriniani, Clinik Saint Francois di Walf Jeremy – con l’obiettivo di agevolare le operazioni di primo accesso e ricovero dei pazienti. “Grazie a RAST andremo a creare ad Haiti, il paese più povero e densamente popolato del continente americano, una rete che paradossalmente non esiste in Italia – dice Giovanni Ricco – e che sarebbe invece ideale per la presa in carico di ogni paziente, altrimenti lasciato in balia di sé stesso. RAST è un progetto innovativo e ambizioso – aggiunge – , che vuole mettere in collegamento varie strutture sanitarie haitiane con diverse caratteristiche, collegate, grazie a un sistema
informatizzato, con una centrale unica di coordinamento che consenta di individuare velocemente la struttura di assistenza sanitaria più idonea per il paziente”. A tre anni dal sisma che ha distrutto il paese, 4 milioni di Haitiani sopravvivono negli slums di Port au Prince. Ogni 10.000 parti, circa 500 donne muoiono per complicanze, così che circa il 16% della popolazione minorenne è orfana alla nascita; ogni anno 100 bambini, per ogni 1000 nati vivi, non raggiunge il primo anno di vita. La vita media adulta è 40 anni. Grazie a RAST, Associazione Salerno Haiti e Fondazione Marcegaglia si propongono di rispondere a un’ emergenza sanitaria di tali proporzioni: ad Haiti le strutture sono diverse tra loro e gestite in prevalenza da organizzazioni non governative (ONG) o da fondazioni prive di risorse umane ed economiche adeguate, con modalità operative spesso divergenti e senza alcun coordinamento; conseguentemente i costi per l’assistenza sanitaria sono elevati,
i servizi sono replicati e inefficaci per la domanda sempre crescente di cure e interventi chirurgici. RAST è inoltre un esempio di come il Terzo Settore e il mondo universitario possano lavorare in sinergia: il Master DAOSan, diretto dalla professoressa Paola Adinolfi e consolidata realtà nell’ambito della formazione manageriale in sanità, ha formato i giovani professionisti che concluderanno la loro esperienza sul campo. “I giovani che abbiamo mandato ad Haiti – conclude Giovanni Ricco – entreranno nel vivo del progetto e riceveranno formazione specifica nei rispettivi centri medici”.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.
Captcha verification failed!
Punteggio utente captcha non riuscito. Ci contatti per favore!