Onu condanna decapitazione di Peter Kassig da parte di Isis

isis Peter Kassing
isis Peter Kassing

isis
isis

Anche l’ONU condanna la decapitazione da parte dell’Isis dell’americano Peter Kassing, ultima vittima dopo Foley, Sotloff e Haines la cui morte è stata resa pubblica dagli stessi guerriglieri attraverso la pubblicazione di un video integrale postato di diversi siti jihadisti.

Attraverso un comunicato le Nazioni Unite hanno “condannato fermamente l’omicidio efferato e vile di Peter Kassig, e di almeno 15 prigionieri siriani da parte dell’Isis”, e ha “chiesto l’immediato, sicuro e incondizionato rilascio di tutti gli ostaggi”.

L’Onu ha sottolineato che questi crimini dimostrano la brutalità dei jihadisti, responsabili di migliaia di abusi contro il popolo siriano e iracheno; ha ribadito di non essere intimidito dai continui atti di barbarie del Califfato ma di essere determinato a sconfiggerlo.

Intanto proprio dall’Onu, e più esattamente dal Comitato di analisi, sostegno e monitoraggio delle sanzioni elaborato per il Consiglio di Sicurezza, un rapporto nel quale si evidenzia che l’Isis e il fronte al Nusra “pongono una chiara minaccia per la pace e la sicurezza internazionale” e in particolare l’Isis ha riserve di armi e munizioni talmente vaste che,nonostante i raid aerei di Usa e alleati, può andare avanti a combattere per altri due anni senza problemi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.