Categorie
Esteri

Obama: sì a raid aerei USA in Iraq

Barack Obama
Barack Obama
Lo spettro della Guerra del Golfo ritorna. Dopo anni che soldati americani sono stati impegnati nelle due grandi operazioni per liberare l’Iraq dalla dittatura di Saddam Hussein, dopo 24 anni dalla prima Guerra del Golfo gli Stati Uniti si vedono costretti ancora ad inviare aerei per bombardare l’antico territorio tra il Tigri e l’Eufrate, culla della civiltà umana. Questa volta l’ordine non arriva da un esponente della famiglia Bush ma dall’attuale presidente degli Stati Uniti Barack Obama che questa notte ha autorizzato raid aerei in Iraq contro le forze dell’autoproclamato Stato islamico, Isis.
“Ho autorizzato bombardamenti aerei mirati in Iraq- ha detto il presidente Usa in diretta tv- per colpire i terroristi e proteggere il personale americano.Ho autorizzato anche il lancio di aiuti umanitari a favore della popolazione irachena in difficoltà”. I bombardamenti colpiranno “i Jahidisti se avanzeranno verso la città di Ebril”. L’operazione è stata decisa “per evitare un genocidio” ha precisato Obama.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.