Categorie
Salute

Milano, nuovi ambulatori per la malattia di Parkinson

Milano, 17 giugno 2014 – Il Centro Parkinson degli Istituti Clinici di Perfezionamento (ICP) di Milano è un centro di riferimento, il più importante in Italia e tra i più importanti nel mondo. Ha oggi un database di circa 23.000 pazienti; solo nel 2013 sono stati visitati 1.500 nuovi pazienti. Il centro, che inaugura le nuove aree ambulatoriali, ha consolidato nel corso degli anni un percorso diagnostico-terapeutico integrato che si avvale di un team multidisciplinare formato da neurologi, genetisti, dietologi, psicologi e infermieri, che assicura una vera e propria “presa in carico globale del paziente”, attraverso un inquadramento della sua situazione clinica, genetica, riabilitativa, nutrizionale e familiare. Questo approccio caratterizza una struttura all’avanguardia che, con i nuovi ambulatori, avrà tempi di accesso di soli 10 giorni lavorativi per la prima visita.“Attraverso un semplice prelievo di sangue vengono raccolti campioni di DNA, con l’obiettivo di studiare il patrimonio genetico dei nostri pazienti e di identificare i geni che predispongono allo sviluppo di malattie neurologiche come la Malattia di Parkinson – dichiara Gianni Pezzoli, Direttore del Centro Parkinson di Milano, Presidente dell’Associazione Italiana Parkinsoniani (AIP) e Presidente della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson – Circa il 20% dei pazienti presenta una storia familiare positiva per la malattia. I familiari di persone affette da Parkinson presentano, rispetto alla popolazione generale, un rischio di sviluppare la patologia lievemente superiore – continua Pezzoli. Le indagini genetiche sono importanti soprattutto per i pazienti con insorgenza della malattia prima dei 40 anni.”

Il Parkinson è una malattia neurologica che necessita di un approccio globale, focalizzato sui disturbi motori e non, e che prevede non solo un intervento farmacologico ma anche riabilitazione motoria, educazione sanitaria e controllo della nutrizione.

Precisa Pezzoli “Numerosi studi scientifici dimostrano che il paziente sottoposto a un’attività di ordine riabilitativo migliora consistentemente la sua performance. È inoltre scientificamente dimostrato e sperimentato dagli stessi pazienti che una dieta ipoproteica a pranzo, con l’assunzione delle proteine alla sera (che non superi 0,8 g per kg di peso corporeo ideale), migliora l’efficacia della terapia farmacologica e riduce le fluttuazioni motorie, con un incremento della qualità di vita del paziente. Mediamente il costo relativo alla sola farmacoterapia di un paziente si aggira intorno ai 3.200 euro all’anno: solo con un approccio nutrizionale corretto siamo in grado di ridurre il costo della terapia del 10%.”

Il Parkinson ha da sempre riscosso l’interesse dei ricercatori e, grazie ad un continuo miglioramento dei trattamenti disponibili, è ormai gestibile con efficacia per 7-8 anni dall’esordio. Ma quali sono le condizioni dei pazienti affetti da questa malattia oggi? Quali i fattori scatenanti della malattia e come è cambiata la presa in carico del paziente nel corso di questi ultimi anni? Anche di questo si parlerà domani 18 giugno nel corso del Convegno organizzato dagli Istituti Clinici di Perfezionamento (ICP) per l’inaugurazione delle nuove aree ambulatoriali del Centro Parkinson.

“L’ampliamento delle aree ambulatoriali è stato pensato e realizzato a seguito del numero crescente di pazienti che ogni anno accedono al nostro Centro, grazie a una generosa donazione della Fondazione Grigioni. I tempi di accesso al Centro Parkinson per i nuovi pazienti saranno quindi ridotti a soli 10 giorni lavorativi. Chiaramente l’appropriatezza dell’indicazione è fondamentale; una breve lista d’attesa può essere mantenuta solo se arrivano al centro pazienti con un’indicazione corretta” – dichiara Pezzoli.

Circa il 50% dei pazienti che afferiscono al Centro proviene dalla Lombardia e il restante 50% dal Piemonte, dall’Emilia Romagna e dal Veneto e da tutte le regioni italiane. Nonostante gli ambulatori disponibili saranno ben 9, attivi tutti contemporaneamente, non sarebbe possibile seguire un numero così elevato di pazienti se le visite fossero molto ravvicinate. Per questa ragione i medici e gli infermieri del centro mettono a disposizione una reperibilità telefonica di 4 ore (tre per i medici e una per gli infermieri) tutti i giorni, più 12 ore diurne nei giorni festivi e prefestivi, grazie all’iniziativa “SOS Parkinson” sponsorizzata dall’Associazione Italiana Parkinsoniani. Questo permette di ridurre il numero medio di visite a cui il paziente si sottopone in un anno: circa 1,6 a fronte di una media italiana di 7,5 con un risparmio per la struttura, per il paziente e per i parenti del malato, che devono accompagnarlo.

Redazione

Di Redazione

Se anche tu vuoi avere voce su Italia News invia i tuoi comunicati a notizie@italia-news.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.