Home Salute Lo zucchero può curare l’ovaio policistico

Lo zucchero può curare l’ovaio policistico

Pubblicità
Condividi

Roma, 14 marzo 2013 – Il 50 per cento delle pazienti che assume myo-inositolo torna ad ovulare dopo circa un mese. L’88 per cento ripristina il ciclo mestruale dopo 3 mesi. Il 72 per cento torna ad avere un ciclo mestruale regolare e il 55 per cento riesce ad avere una gravidanza spontanea. Il 30 per cento delle prescrizioni mediche per le donne affette da policistosi ovarica, sono per il trattamento con il myo-inositolo.’,’L’ approfondita ricerca italiana, coordinata dal ginecologo Vittorio Unfer che da anni studia gli effetti di questa molecola per la cura dell’ovaio policistico, documenta gli effetti benefici del myo-inostolo sulla funzione ovarica e sui parametri metabolici. Ginecologi ed endocrinologi concordano sul fatto che lo”zucchero alcolico” sia cruciale nel mantenere uno stato di ottima salute. La carenza del myo-inositolo è collegata inoltre all’insorgenza dell’insulino-resistenza.

Nel caso di donne con ovaio policistico l’assunzione di myo-inositolo riduce, infatti, di circa il 50 per cento l’insulino-resistenza. Da un lato dunque cura la sindrome dell’ovaio policistico, dall’altro riduce la possibilità di venir colpite dal diabete. La policistosi ovarica che colpisce dal 5 al 10 per cento delle donne italiane in età riproduttiva è un caleidoscopio di sintomi e condizioni patologiche: si va dall’irregolarità mestruale alla ridotta fertilità, dall’irsutismo all’acne, dall’alopecia all’aumento di peso, dalle malattie cardiache all’ictus.”A livello preclinico – ha affermato l’endocrinologo dell’università la Sapienza di Roma, Maurio Nordio – la molecola è stata testata in diversi modelli sperimentali con dosaggi più disparati e con somministrazioni sia acute sia croniche. I dati più interessanti per quel che concerne la sicurezza vengono dagli studi clinici”: il myo-inositolo, infatti, è stato studiato come audiuvante in diverse patologie con protocolli terapeutici e dosaggi che variano dai 4 ai 30 grammi al giorno. In particolare il dosaggio quotidiano di 4 grammi è stato somministrato per un anno senza effetti collaterali.

Pubblicità

Quest’ultimi – ha specificato- sono stati riscontrati solo con dosi superiori ai 12 grammi al giorno e sono di tipo gastrointestinale, la cui intensità aumenta con il maggior quantitativo del myo-inositolo assunto”. Il ginecologo Fabio Facchinetti, presidente Sifiog (Società italiana di Fitoterapia ed integratori in ostetricia e ginecologia) e docente di medicina dell’età prenatale all’università di Modena e Reggio Emilia ribadendo l’importanza del myo-inositolo a livello ovarico, suffragata da diversi studi clinici, ha illustrato come alla base della sindrome dell’ovaio policistico potrebbe esserci un aumento del bisogno di questo “zucchero” la cui dieta non è capace di rispondere. “Grazie alla moderna tecnologia – ha concluso il ginecologo Vittorio Unfer – è stato possibile realizzare un prodotto in capsule molli”. Unfer ha ricordato che su un totale di 304 pazienti trattate con dosaggio giornaliero di 2/ 4 grammi di myo-inositolo circa l’80 per cento delle donne hanno avuto effetti benefici sulla funzione ovarica. La scoperta del professor Vittorio Unfer è stata molto apprezzata a livello internazionale e il trattamento con il myo-inositolo per le donne affette dalla sindrome dell’ovaio policistico è adottato in più di 36 Paesi.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
Captcha verification failed!
Punteggio utente captcha non riuscito. Ci contatti per favore!