Home Tecnoscienze Le stufe a pellet: riscaldare casa in economia

Le stufe a pellet: riscaldare casa in economia

Pubblicità
Condividi

Con l’inverno alle porte molte famiglie italiane cominciano a chiedersi come riscaldare casa risparmiando sulle bollette che, quest’anno, non si preannunciano poi molto più basse rispetto allo scorso. Soluzioni come la stufa a pellet Tecnomat potrebbero risultare quelle ideali e qui di seguito proveremo a capire meglio perché.

Perché con la stufa a pellet si risparmia e come essere sicuri di farlo

Pubblicità

La principale ragione per cui con le stufe a pellet si risparmia è perché il costo del pellet è mediamente inferiore a quello del gas metano che alimenta caldaie e termosifoni e dell’energia necessaria per il funzionamento di stufe elettriche e altri sistemi simili. Il pellet è ottenuto, infatti, dagli scarti della lavorazione del legno e questo fa sì che, nonostante abbia bisogno di un apposito trattamento per essere ridotto in forma di listelli o piccoli cilindri come quelli che alimentano le stufe, abbia un costo unitario modesto. Secondo gli ultimi dati disponibili, quelli dell’Aiel, a luglio 2023 si pagava in media 6.19 euro per un sacco da quindici chili (la cifra era risultata, per altro, inferiore di almeno il 40% rispetto a quella registrata l’anno precedente nello stesso periodo: un periodo che non è certo casuale avendo il pellet una certa stagionalità e risultando, cioè, più costoso nei mesi invernali quando c’è più domanda).

Parlando di ragioni per cui la stufa a pellet conviene e consente di risparmiare sul riscaldamento domestico, però, non si può non citare anche la maggiore efficienza energetica rispetto ad altre tipologie di stufe e sistemi di riscaldamento. Semplificando molto, a parità di combustile utilizzato, la stufa a pellet produce più calore e, soprattutto se si opta per modelli moderni e dotati di sistemi automatici di regolazione, è più facile e meno dispendioso mantenere gli ambienti domestici a una temperatura uniforme e costante nel tempo.

Chi non abbia grande familiarità con la materia potrebbe accorgersi soprattutto che a parità di altre condizioni, e cioè se utilizzata per riscaldare gli stessi ambienti e per la stessa quantità di tempo, la stufa a pellet sciupa meno di quanto facciano stufe a gas, stufe elettriche, termosifoni. In parte è dovuto alla maggiore efficienza energetica di cui si è appena detto. C’entra però anche il fatto che utilizzando come combustibile il pellet non c’è – o quasi – materia prima che viene consumata come scarto: tradotto vuol dire che tutto il pellet consumato è pellet consumato per generare calore e riscaldare gli ambienti di casa.

Qualcuno suggerisce di considerare nel calcolo di quanto si risparmia con la stufa a pellet anche l’impatto ambientale ridotto rispetto ad altri sistemi di riscaldamento domestico: essendo una biomassa il pellet inquina meno di altri tipi di combustibile di uso comune, come soprattutto il gas metano, e ha un’impronta carbonica limitata.

Piccole accortezze aiutano, certo, a risparmiare di più utilizzando la stufa a pellet e farlo sia sulle proprie finanze e sia a favore dell’ambiente: assicurarsi che gli infissi isolino bene l’edificio è una di queste, così come scegliere la stufa a pellet tenendo conto di quanto sono grandi gli ambienti da riscaldare o dedicarsi periodicamente alla pulizia e alla manutenzione della stufa solo per citarne alcune.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
Captcha verification failed!
Punteggio utente captcha non riuscito. Ci contatti per favore!