Categorie
Tecnoscienze

La Mayo Clinic e IBM al lavoro con Watson per migliorare la ricerca medica

Rochester, Minnesota, 9 settembre 2014 – Mayo Clinic e IBM hanno annunciato il lancio di un progetto pilota che vede Watson, il computer cognitivo di IBM, abbinare con rapidità i pazienti alle cure cliniche più adeguate. È attualmente in corso una fase di sperimentazione, con l’obiettivo di introdurre l’attività come pratica clinica all’inizio del 2015. “In una malattia come il cancro – ove il tempo è un fattore essenziale – la velocità e la precisione offerte da Watson ci permetteranno di sviluppare piani di trattamento individuali in modo più efficiente per fornire esattamente la cura che le esigenze dei pazienti richiedono”, ha dichiarato Steven Alberts, Primario di oncologia medica presso la Mayo Clinic.

I ricercatori sperano che la maggior velocità possa accelerare nuove scoperte.

Gli studi clinici forniscono ai pazienti l’accesso a terapie nuove ed emergenti, ma coinvolgere i pazienti nei test è una delle attività più difficili della ricerca medica. Attualmente è un processo che viene fatto manualmente dai coordinatori clinici che si occupano, attraverso le cartelle cliniche e le condizioni del paziente, di abbinarli a un determinato protocollo di studio. Al momento, Mayo Clinic sta conducendo oltre 8.000 studi che coinvolgono l’uomo, oltre ai 170.000 che sono in corso in tutto il mondo. Le capacità cognitive di Watson aiuteranno a vagliare gli studi clinici disponibili alla Mayo e a garantire che più pazienti possano essere abbinati accuratamente e coerentemente con le adeguate opzioni di sperimentazione clinica.

“Accorciando i tempi tra l’inizio e il completamento degli studi, i nostri gruppi di ricerca avranno la possibilità di condurre indagini più approfondite e complete”, ha dichiarato Nicholas LaRusso, gastroenterologo della Mayo Clinic e capo progetto nella collaborazione Mayo-IBM Watson. “Abbinamenti più precisi, ci consentiranno di sviluppare, affinare e migliorare nuove e superiori tecniche mediche.”

Questa versione di Watson sarà progettata appositamente per la Mayo Clinic. Progredendo nei suoi compiti e maturando attraverso questa collaborazione, imparerà di più sui processi di abbinamento nelle sperimentazioni cliniche, diventando ancora più efficiente e probabilmente universalmente applicabile. Watson può anche aiutare a individuare i pazienti per studi clinici difficili, come quelli che coinvolgono le malattie rare.

Molti studi clinici della Mayo Clinic e di altri ospedali non vengono completati a causa della scarsa partecipazione dei pazienti. Tale partecipazione potrà essere aumentata grazie al progetto Watson. Nonostante gli sforzi di una struttura così ben organizzata, anche alla Mayo Clinic, solo il 5% dei pazienti prende parte agli studi. A livello nazionale, il tasso è ancora più basso: 3%. Alla Mayo sperano di poter coinvolgere nella sperimentazione fino al 10% dei pazienti. I ricercatori dicono che una maggiore partecipazione dovrebbe migliorare anche la qualità dei risultati di ricerca.

“Utilizzando la capacità di calcolo di Watson, la Mayo Clinic potrà offrire ai pazienti opzioni mediche più all’avanguardia e concludere gli studi più velocemente,” ha dichiarato Mike Rhodin, senior vice president, IBM Watson Group. “In definitiva, questo sforzo aiuterà anche il progresso della scoperta scientifica consentendo nuove forme di cura che i medici potranno utilizzare per il trattamento di tutti i pazienti.”

Per garantire che Watson abbia le competenze necessarie ad assistere la sperimentazione clinica, gli esperti della Mayo stanno lavorando con IBM per ampliare le conoscenze di Watson a tutti gli studi clinici della Mayo Clinic e a tutti quelli presenti nelle banche dati pubbliche, come in ClinicalTrials.gov. Il nuovo sistema Watson è stato “addestrato” per analizzare i dati dei pazienti e i criteri della sperimentazione clinica, al fine di determinare le corrispondenze appropriate per i pazienti.

Mayo e IBM stanno pensando ad altre possibili applicazioni di Watson in futuro.

Redazione

Di Redazione

Se anche tu vuoi avere voce su Italia News invia i tuoi comunicati a notizie@italia-news.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.