PIMCO: L’inflazione elevata di agosto potrebbe spostare più in alto la traiettoria dei tassi di interesse della Fed

A cura di km Tiffany Wilding e Allison Boxer, Economist di PIMCO.

La Federal Reserve potrebbe essere spinta a puntare su un tasso dei Fed Funds terminale più alto nel tentativo di domare le aspettative di inflazione degli Stati Uniti dopo il forte aumento dei prezzi di agosto.

Gli Stati Uniti hanno registrato un altro rovente rapporto sull’indice dei prezzi al consumo. Un’inflazione più viscosa e più ampia nel mese di agosto suggerisce che la Federal Reserve ha ancora del lavoro da fare per contenere l’aumento dei prezzi e le probabilità di un hard landing per l’economia statunitense continuano ad aumentare. Potremmo assistere a un ritmo più rapido di rialzi dei tassi della Fed per arrivare a un tasso sui Fed Funds terminale più elevato di quanto previsto in precedenza.

Dopo che il rapporto CPI di luglio aveva fatto sperare in una moderazione dell’inflazione sia headline che core, il rapporto CPI di agosto ha superato in modo significativo le aspettative del consenso. La cosa più preoccupante è che i dati sono risultati stabili, con un’ampia riaccelerazione dei prezzi nella maggior parte delle categorie di beni e servizi. Considerato il calo dei prezzi registrato negli ultimi mesi da diversi indicatori di alta frequenza (indici dei responsabili degli acquisti (PMI), spedizioni, scorte al dettaglio, indice Manheim delle auto usate, ecc.). Ciò suggerisce che molte aziende stanno mantenendo i prezzi al rialzo grazie a un passaggio più lento della riduzione dei costi dei fattori produttivi, in linea con l’idea che ci vorrà più tempo prima che l’inflazione si moderi.

Dettagli del rapporto sull’inflazione: affitti, commercio al dettaglio, automobili, viaggi

L’inflazione degli affitti negli Stati Uniti è apparsa ancora una volta estremamente forte ad agosto, con affitti e affitti equivalenti del proprietario (OER) che hanno entrambi accelerato dello 0,7% mese su mese (m/m), leggermente più del previsto. Continuiamo a prevedere che il tasso annuo di affitti e OER accelererà fino all’8%, ben al di sopra del trend pre-pandemia del 3,5%. Contrariamente alle aspettative, i rialzi dei tassi della Fed tendono storicamente a stimolare l’inflazione degli affitti all’inizio, perché rendono meno conveniente essere proprietari di una casa, in linea con il comportamento osservato negli ultimi mesi. Solo quando l’inflazione dei prezzi delle abitazioni inizia a ridursi concretamente, anche l’inflazione degli affitti inizia a diminuire (in genere dopo tre-sei trimestri). Inoltre, con la generale assenza di controlli sugli affitti al di fuori delle principali città statunitensi, gli aggiustamenti dei prezzi nei rinnovi dei contratti di locazione sono stati molto più forti di fronte agli elevati aumenti dei prezzi per i cambi di locazione, con il risultato di un “beta” più elevato di quello a cui abbiamo assistito storicamente. Ciò ha anche aumentato il tasso di inflazione degli affitti, poiché il Bureau of Labor Statistics (BLS, che pubblica il CPI) rileva sia i rinnovi che i passaggi di locazione. Dato che questi dati relativi agli affitti costituiscono una parte così ampia del paniere del CPI e che ci vorrà del tempo per moderarli, ciò sottolinea la sfida che i funzionari della Fed dovranno affrontare nei prossimi trimestri.

L’inflazione dei prezzi dei beni ha riaccelerato ad agosto dopo la piccola pausa di luglio (che probabilmente rifletteva gli sconti legati al Prime Day di Amazon). L’arredamento (+1,1% m/m), l’abbigliamento (+0,2% m/m) e i prodotti per il tempo libero (+0,6% m/m) hanno registrato una notevole accelerazione. Nonostante un significativo miglioramento delle strozzature logistiche e un’impennata del rapporto scorte/vendite per la maggior parte dei beni al dettaglio statunitensi, l’inflazione al consumo nelle varie categorie di beni è stata molto viscosa. Ciò suggerisce che i dettaglianti sono stati rapidi nell’adeguare i prezzi al rialzo, ma sono stati più cauti nel trasferire ai consumatori l’allentamento delle pressioni sui prezzi dei fattori produttivi, dovendo affrontare le pressioni sui margini dovute all’aumento del costo del lavoro e alla riduzione dei volumi.

Anche i prezzi delle auto usate negli Stati Uniti sono stati più elevati del previsto. Nonostante la recente debolezza dei prezzi all’ingrosso, il CPI delle auto usate è rimasto invariato ad agosto (-0,1% m/m). I prezzi delle auto nuove sono cresciuti dello 0,8% m/m. Mentre la produzione di auto nuove rimane gravemente compromessa e le scorte si avvicinano a livelli record, il mercato delle auto usate è tornato ad essere più equilibrato negli ultimi mesi. Le scorte sono migliorate e l’indice di valore dei veicoli usati di Manheim è ora sceso di circa l’11% rispetto al picco. Tuttavia, questa moderazione è assente in modo preoccupante dal rapporto CPI di agosto. Storicamente, i prezzi del CPI hanno seguito i dati di Manheim con un ritardo di circa due mesi: il fatto che ciò non sia accaduto suggerisce che i concessionari non stiano trasferendo ai consumatori l’abbassamento dei prezzi.

I prezzi dei servizi turistici sono stati contrastanti in agosto, dopo il calo di luglio. Le tariffe aeree sono diminuite (-4,6% m/m), in linea con il trasferimento di una riduzione dei prezzi del carburante. I prezzi degli alberghi sono rimasti invariati. Il rapporto di agosto lascia intendere che gran parte della debolezza di luglio potrebbe essere attribuita a categorie più volatili dei viaggi.

Implicazioni per la politica monetaria della Fed e le prospettive di crescita degli Stati Uniti

Il rapporto CPI di agosto suggerisce che l’inflazione statunitense impiegherà più tempo a diminuire. I funzionari della Fed sono già nel periodo di “blackout” in vista della riunione del 20-21 settembre e noi (e i mercati) riteniamo ancora probabile un rialzo di 75 punti base. A nostro avviso, piuttosto che sollecitare una mossa più drastica alla prossima riunione (come un rialzo più consistente), gli ultimi dati sul CPI depongono invece fortemente a favore di uno spostamento verso l’alto dei “dot”, ossia le previsioni a breve e lungo termine dei funzionari della Fed sul tasso sui Fed Funds. Le nuove proiezioni saranno rese note in occasione della riunione di settembre e ci aspettiamo di vedere un tasso terminale medio più alto, pari al 4,5%, il che suggerisce che la Fed avrebbe ancora della strada da fare nel processo di rialzo dei tassi prima di passare al mantenimento del tasso sui Fed Funds, poiché il ritmo più graduale della disinflazione richiede una politica più aggressiva nel tentativo di evitare un ulteriore aumento delle aspettative di inflazione.

L’inasprimento delle condizioni finanziarie statunitensi e l’innalzamento del tasso sui Fed Funds fanno pensare inoltre che il percorso verso un atterraggio morbido continui a restringersi e che una recessione statunitense potrebbe essere più probabile che non nei prossimi 12 mesi.

Di Redazione

Se anche tu vuoi avere voce su Italia News invia i tuoi comunicati a notizie@italia-news.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Don`t copy text!