Inflazione, crescita e politiche fiscali ultra-espansive: le sfide per i mercati nel Q4 

Michele Morra, Portfolio Manager di Moneyfarm
Condividi

L’inflazione persistente pone sfide continue per le Banche Centrali: negli Stati Uniti, i mercati non cambieranno le previsioni di rialzo dei tassi finché l’aumento dei prezzi non si sarà stabilizzato, la BoE si è trovata la scorsa settimana a fare i conti con le problematiche generate dalla politica fiscale ultra-espansiva annunciata dal nuovo governo e lo spettro della recessione in Eurozona pone la BCE di fronte a scelte complesse

Sul fronte obbligazionario si chiude uno dei trimestri peggiori degli ultimi decenni: l’elevata volatilità e l’appiattimento delle curve fanno propendere per un approccio conservativo alla duration; sul fronte azionario, invece, la stabilità del mercato sarà possibile solo una volta prezzate le probabilità di rialzo dei tassi e raggiunto un livello di inflazione più contenuto

Moneyfarm ha adottato una strategia improntata alla riorganizzazione geografica, riducendo l’esposizione all’azionario e high-yield europeo verso posizioni più globali

A cura di Michele Morra, Portfolio Manager di Moneyfarm

Milano, 5 ottobre 2022 – Nel mercato obbligazionario, la volatilità rimane estremamente elevata, incidendo potenzialmente sul recente rally dei rendimenti di Treasury, BTP e Gilt. Nonostante i mercati stiano facendo i conti con un’inflazione persistente e le conseguenti politiche monetarie restrittive, ci sono diverse sfide aperte per le Banche Centrali. Negli Stati Uniti, dove la crescita economica rimane robusta, la Fed può controllare meglio le pressioni inflazionistiche tramite restrizioni monetarie. Ne consegue che, finché l’obiettivo della Fed di portare l’inflazione sotto controllo non sarà raggiunto, i mercati continueranno a cambiare previsioni di rialzo dei tassi. In zona Euro, invece, i timori principali sono legati alla minaccia dell’impatto che l’inflazione guidata dalla scarsitá di offerta potrà avere sulla crescita economica e questo pone la BCE di fronte a scelte complesse. Infine, la scorsa settimana il Regno Unito si è trovato a fare i conti, oltre che con il complicato contesto economico e finanziario globale, anche con le problematiche legate all’annuncio della politica fiscale ultra-espansiva del nuovo governo di Liz Truss. A seguito della notizia, la Bank of England (BoE) è dovuta scendere in campo annunciando acquisti temporanei dei Gilt a lunga scadenza per placare l’enorme vendita sui mercati azionari e obbligazionari. Una mossa che è stata ben accolta dai mercati, anche se i Gilt continuano a pagare un premio al rischio impensabile solo alcune settimane fa.

Recessione in vista?

Per i prossimi anni negli Stati Uniti si stima una crescita reale debole ma comunque positiva,  nonostante la Fed abbia reso ormai chiaro di essere disposta a sacrificare la crescita economica pur di combattere l’inflazione. A seguito dei 12 rialzi avvenuti finora, i mercati prezzano in totale 5 ulteriori rialzi dei tassi da 25 punti base, di cui almeno 4 entro la fine dell’anno. Solo a metà dell’anno prossimo i numeri sul mercato del lavoro e sull’indice dei prezzi ci diranno se la Fed potrà allentare il percorso restrittivo. La debolezza di tali dati potrebbe paradossalmente rivelarsi una boccata d’aria per gli indici azionari globali. In Europa gli effetti dei rischi geopolitici ed economici sembrano piú preponderanti che Oltreoceano.

Obbligazionario e azionario: cosa aspettarsi da qui alla fine dell’anno?

Sul mercato obbligazionario abbiamo assistito a uno dei trimestri peggiori degli ultimi anni, con l’obbligazionario governativo in perdita a livello globale. Ha retto meglio, invece, il mercato del credito a basso merito creditizio, soprattutto grazie alla duration generalmente piú corta. Da qui alla fine dell’anno ci aspettiamo un’elevata volatilità dei tassi finché le pressioni inflattive non rientreranno sotto controllo, mentre sul fronte del credito è preferibile spostarsi verso rating più elevati per limitare il rischio spread. Per quanto riguarda le opportunità sui rendimenti dei bond, la parte lunga della curva potrebbe sovraperformare qualora le Banche Centrali fossero costrette a interrompere i cicli di rialzi. Restano, tuttavia, diversi fattori da considerare: la volatilità rimane troppo elevata e le curve sono generalmente piatte. Per questo motivo Moneyfarm preferisce un approccio conservativo alla duration, sebbene comincino a delinearsi alcuni spunti per l’allungamento delle scadenze. Fondamentale, a nostro avviso, mantenere una percentuale di obbligazionario nei portafogli per garantire un equilibrio rispetto all’andamento della componente azionaria. Il rallentamento dei mercati azionari risulta in linea con i cicli economici al ribasso a cui abbiamo assistito in passato. Possiamo aspettarci un mercato più stabile anche in un contesto di tassi a breve in salita, ma solo quando saranno prezzate le probabilità di rialzo e l’inflazione sarà più contenuta.

Asset allocation: mantenimento di un profilo di rischio conservativo

Alla luce dello scenario sopra descritto, abbiamo adottato una strategia improntata alla riorganizzazione geografica delle nostre posizioni. In particolare, abbiamo ridotto l’esposizione all’azionario e high-yield europeo verso posizioni più globali. Nell’azionario prediligiamo USA e Giappone, mentre nell’obbligazionario abbiamo aumentato le posizioni USA.


Pubblicato

in

da

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Se ti è piaciuto
SEGUICI SU FACEBOOK

 

 
close-link