Categorie
Economia

MERIDIANA: SINDACATI DENUNCIANO SITUAZIONE

In data 8 aprile 2016, la Società Meridiana Fly S.p.A, ha aperto una procedura di licenziamento collettivo ai sensi della legge 223/91.
Detta procedura interessa gran parte del personale della Compagnia, ma in particolar modo 142 Piloti, 649 Assistenti di Volo e 75 Tecnici dislocati nella basi di Verona, Milano, Firenze, Cagliari ed Olbia: questi dati corrispondono a circa il 90% del personale in forza.

Le basi attualmente operative sono quelle di Cagliari ed Olbia, dove sono in forza 95 Piloti e 354 Assistenti di Volo e la quasi totalità dei Tecnici.
Detto personale da 5 anni è interessato dalla Cassa Integrazione a rotazione e questo comporta un continuo alternarsi nei turni di lavoro, con periodi di astensione che possono arrivare anche a 5/6 mesi per il personale di cabina e 1/2 mesi per il personale di condotta.
Detta turnazione è uno degli elementi, ma non l’unico, di stress psicofisico subìto dagli equipaggi.
La decisione della Compagnia di aprire una procedura di licenziamento collettivo per oltre il 90% della forza lavoro del personale navigante e del 25% dei Tecnici ha sicuramente aumentato tale stress.

Le scriventi RR.SS.AA. ricevono quotidianamente sempre più numerose segnalazioni di Piloti, Assistenti di Volo, Tecnici e Personale degli uffici fortemente preoccupati per la precaria situazione lavorativa, il che inizia inevitabilmente ad avere anche ripercussioni sulla serenità necessaria dei lavoratori interessati.

Consapevoli anche del potenziale rischio che ciò comporta sulla regolarità delle operazioni, che potrebbe deteriorarsi nel prosieguo della vertenza Meridiana Fly, le RR.SS.AA. chiedono a quanti in indirizzo, vista la delicatezza dei temi trattati, un attento ed adeguato monitoraggio della vertenza e delle sue ripercussioni ultime sulle operazioni di volo.

RR.SS.AA. Filt Cgil Fit Cisl UilT UGLTA USB APM Anpav
Meridiana Fly

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.