Home Economia Cashback: le tecniche per guadagnare di più

Cashback: le tecniche per guadagnare di più

31013
0
SHARE

Il fenomeno cashback, dopo aver conquistato il mondo a suon di premi e ritorni economici per gli utenti,sta finalmente iniziando ad arrivare anche in Italia. Figlio dell’evoluzione tecnologica e del nuovo modo di fare marketing, il cashback promette di diventare nel medio periodo un volano di crescita per il commercio online, e nel futuro anche per quei negozianti che avranno saputo prepararsi per tempo, accettando i pagamenti via app tramite smartphone anche nel loro locale o negozio fisico.

Cos’è il Cashback

Strumento di fidelizzazione, ma non solo, il cashback consente all’acquirente di ricevere, come rimborso, una frazione di quanto speso. Solitamente, questo viene erogato dopo aver compiuto un numero minimo di acquisti attraverso la stessa piattaforma, ma è possibile anche riceverne di personalizzati in occasione di eventi o promozioni particolari, o utilizzando determinate funzioni di una app di pagamenti. Si tratta, dunque, di un meccanismo semplice e alla portata di qualsiasi attività imprenditoriale dedita sul web.

Quanto vale il mercato del rebate

Anche se in Italia non è ancora molto conosciuto, nel mondo questo mercato vale oltre 84 miliardi di dollari. A guidare la crescita sono prevalentemente i portali specializzati, 235 in totale, concentrati soprattutto negli USA e nel Regno Unito.

Nato all’interno dei circuiti di carte di credito statunitensi (a partire dalle Double Cash Card, che restituiscono in automatico una percentuale sia sull’acquisto sia al momento dell’effettivo pagamento), ha raggiunto la sua consacrazione grazie all’avvento dell’e-commerce e dei nuovi circuiti di pagamento digitale.

I numeri in Italia

Nonostante un leggero ritardo rispetto ai Paesi citati in precedenza, in Italia questo metodo di rimborso ha raggiunto un totale stimato di circa 500mila utenti, ossia poco più del 2% del totale di chi fa acquisti online, con oltre 20 milioni di prodotti venduti con questo sistema da parte di oltre 1.000 tra marchi e negozi.

Un ritardo dovuto anche alla scarsa pubblicità fin qui riservata da parte dei media generalisti: solo il 29% degli e-shopper italiani, infatti, dichiara di essere al corrente di questa innovativa modalità di risparmio.

Il funzionamento

Sostanzialmente quindi il programma di rimborso denaro scelto fissa una percentuale di rimborso, più o meno elevata ed in accordo con il negozio convenzionato, per ogni euro speso sull’acquisto di un determinato prodotto; al compratore viene accreditata la somma derivante dal calcolo di questa percentuale. È semplicemente, e allo stesso tempo molto di più, uno sconto che si realizza con il rimborso di una parte del denaro speso. Il gioco psicologico di questo meccanismo risiede nel fatto che non si ha solamente la soddisfazione di aver risparmiato, ma di aver proprio guadagnato facendo shopping; una sensazione impagabile. Ovviamente il sito di cashback ha un ritorno economico su tutti gli acquisti effettuati dai propri utenti in termini percentuali dell’importo della transazione in uno dei negozi online convenzionati. L’utente ha solo l’imbarazzo della scelta su cosa comprare, i siti più diffusi permettono svariati acquisti; dai viaggi, all’abbigliamento ai prodotti elettronici e tanto altro. Un gran bel vantaggio per gli utenti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here