Home Rubriche Motori VEICOLI COMMERCIALI, A OTTOBRE IMMATRICOLAZIONI -9,7%. IN 10 MESI PERSI 19 MILA...

VEICOLI COMMERCIALI, A OTTOBRE IMMATRICOLAZIONI -9,7%. IN 10 MESI PERSI 19 MILA VEICOLI

Pubblicità
Condividi

UNRAE: VARARE UN PIANO PER LE INFRASTRUTTURE DI RICARICA E ESTENDERE INCENTIVI AI MEZZI NON-ELETTRICI

Continua a soffrire anche a ottobre il mercato dei veicoli commerciali che registra la nona flessione consecutiva e, come evidenziato dalle stime del Centro Studi e Statistiche UNRAE, con 13.800 immatricolazioni contro le 15.288 di ottobre 2021 segna un calo del 9,7%.

Pubblicità

Nei primi dieci mesi dell’anno, con 134.178 immatricolazioni, la flessione è del 12,2%, pari a una perdita di circa 19.000 veicoli (fino a 3,5 t di peso totale a terra) rispetto al periodo gennaio-ottobre 2021.

“Per una ripresa del mercato e per uno sviluppo accelerato della mobilità a zero o bassissime emissioni anche per le merci e non solo per le persone, l’UNRAE ha le idee chiare su cosa proporre al nuovo Governo e si dice pronta e disponibile al confronto” afferma Michele Crisci, Presidente dell’Unione delle Case automobilistiche estere.

I temi da affrontare sono diversi e riguardano prioritariamente alcuni punti chiave: “In particolare – evidenzia Michele Crisci – predisposizione di una rete infrastrutturale con una serie di misure che ne agevolino la realizzazione quali: sgravi fiscali per l’installazione di ricariche private; credito di imposta per gli investimenti in ricariche fast charge; emanazione di un preciso e puntuale cronoprogramma con obiettivi per singola area geografica e tipologia di strada;
accelerazione nell’emanazione delle norme attuative dei provvedimenti in materia.
“Ma – aggiunge – per accelerare lo svecchiamento del parco veicolare serve anche l’estensione degli incentivi ad alimentazioni diverse dall’elettrico a fronte di rottamazione, con importi decrescenti in funzione dell’alimentazione e della massa”.

La struttura del mercato dei primi 9 mesi (con dati ancora suscettibili di leggeri aggiustamenti nei prossimi due mesi, a causa dei ritardi di immatricolazione), confrontata con lo stesso periodo 2021, conferma un calo dei privati del 26,3%, al 18,8% di quota (-3,5 p.p.) e delle autoimmatricolazioni (-25,1%), al 4,8% del totale. In flessione anche le società, al 41,5% di share (-2,4 p.p.), e il noleggio a breve termine (-27%), al 4,6% di quota di mercato. Il noleggio a lungo termine si conferma l’unico canale in crescita, con una quota che arriva al 30,3% del totale,
guadagnando 7,6 punti.

Dall’analisi delle motorizzazioni, in gennaio-settembre il diesel perde 8,7 punti, scendendo al 76,1% di quota, il benzina continua a crescere sfiorando il 6,0% del totale (+2,6 p.p.), il Gpl sale al 3% di share, il metano riduce la rappresentatività all’1,5%. I veicoli ibridi salgono al 10,8% di share (+5,1 p.p.), gli elettrici salgono al 2,4% delle preferenze.

La CO2 media ponderata dei veicoli con ptt fino a 3,5 t nei primi 9 mesi scende del 7,7% a 181,3 g/Km (rispetto ai 196,4 g/Km dello stesso periodo 2021).

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
Captcha verification failed!
Punteggio utente captcha non riuscito. Ci contatti per favore!