Alimentazione scorretta in gravidanza associata ad obesità infantile

Condividi

Sono sempre di più gli studi che sottolineano l’importanza, per ragioni diverse, dell’alimentazione delle donne in gravidanza. Se ricerche precedenti hanno mostrato i rischi – morte prematura del bambino, parto prematuro e peso del neonato inferiore alla norma – associati all’obesità delle future mamme, un recente
studio britannico, condotto su circa 300 bambini ed in pubblicazione sulla rivista ‘Diabetes’, si è concentrato sulla tipologia di alimenti consumati dalle donne incinte.
In particolare i ricercatori dell’Università di Southampton, guidati da Keith Godfrey, hanno scoperto che l’alimentazione della mamma può alterare il Dna del feto, giocando un ruolo importante nella predisposizione del nascituro all’obesità. In altre parole, la dieta seguita nel periodo della gravidanza, indipendentemente dal peso della mamma, può innescare processi di cambiamento cosiddetto epigenetico (modifiche nell’espressione di geni), aumentando la predisposizione del bambino all’obesità nell’età adulta.


Pubblicato

in

da

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Se ti è piaciuto
SEGUICI SU FACEBOOK

 

 
close-link