Categorie
Notizie locali

Sant’Anastasia (NA). Stasera la prima notte bianca, una seconda in programma il 20 dicembre

“La Notte Bianca” si fa in due. Novità del Presepe Vivente annunciate in piazza

Sant’Anastasia – Notti Magiche e… Bianche. Le luminarie accese il 6 dicembre, il villaggio di Babbo Natale e vari eventi in piazza contribuiscono a diffondere nell’aria la magia delle festività natalizie, ma uno degli appuntamenti più attesi è quello di stasera: la Notte Bianca, che quest’anno si ripeterà anche il 20 dicembre.
La prima, quella di stasera – ore 18.00 fino alle 24.00 – dal titolo “Aspettando il Natale”, è stata organizzata dal gruppo “Giocondi”, da anni impegnati sul territorio per far crescere il senso di comunità e trasmettere i valori del Natale attraverso varie manifestazioni culturali e spettacoli, tra cui spicca il Presepe Vivente, che si terrà, come di consueto, al borgo S. Antonio nella notte del 24 dicembre.
“E’ una manifestazione – afferma l’assessore Fernando De Simone – che i Giocondi, gruppo di giovani da anni impegnati nella riscoperta e tutela delle radici culturali del paese e nel sociale, nel 2011 hanno messo in campo a favore delle attività commerciali, creando un evento che coinvolge artisti e realtà locali per offrire alla cittadinanza l’opportunità di ritrovarsi come comunità attiva e partecipe”.
Una novità, tra le altre, è quella che per la prima volta il tema e tutte le innovazioni del Presepe Vivente saranno annunciate dal regista Luigi De Simone proprio nel corso della serata, che si svolgerà nel centro storico prossimo al Borgo S. Antonio.

Il secondo appuntamento è quello organizzato dall’associazione Culturale no profit “Urbe Vesuviana”: “La Notte dello Shopping”. Una prima edizione che si terrà il giorno 20 dicembre 2014 dalle ore 18.00 alle ore 24.00 presso le strade del centro del commercio anastasiano (piazza 4 Novembre, piazza Cattaneo, via Marconi, via Antonio D’Auria, via Mario De Rosa).
Presso piazza Cattaneo si terranno i mercatini di Natale accompagnati dall’intrattenimento per i bambini a cura dell’associazione “L’isola che non c’è”; seguiranno poi numerose attività lungo le suddette piazze, i negozi resteranno aperti fino alla mezzanotte e le strade saranno invase da musiche e cori natalizi.
Alle ore 20,30 presso il centro anziani sito in piazza 4 novembre si svolgerà la tombolata/spettacolo di beneficenza fortemente voluta e organizzata dall’Associazione culturale Urbe Vesuviana in collaborazione col Forum dei Giovani di Sant’Anastasia e il ricavato sarà utilizzato per aiutare le famiglie indigenti del paese. Durante la stessa alcuni membri dell’Amministrazione daranno vita ad una esibizione canora e musicale.
Contemporaneamente in strada saranno presenti altre associazioni che allieteranno la notte con altre attività.
“La notte dello shopping – afferma Angelo Terracciano, presidente dell’associazione Urbe Vesuviana – non è e non deve essere una corsa al consumismo, anzi molto di più e diverso: è un momento di gioia, di riflessione, di aiuto sociale; si dice che a Natale siamo tutti più buoni, facciamolo allora, viviamo insieme questa notte particolare nel nostro paese. Con questo obiettivo nasce l’evento e ringrazio il consigliere di maggioranza Dott. Marco Bove per essersi prestato tantissimo per l’organizzazione e la riuscita dell’evento”.
“La sinergia tra associazioni e amministrazione è fondamentale per la crescita sociale di una cittadina – dichiara Marco Bove – e, in perfetta sintonia con le parole già spese dal primo cittadino Abete in diverse occasioni, credo che collaborare con ragazzi di grande energia e dalle tante idee è un piacere enorme per un amministratore. Ringrazio in particolare Urbe e il Forum dei giovani per essersi attivati tanto e personalmente mi impegnerò affinché possano nascere altre iniziative come questa”.

“Stiamo raggiungendo alcuni dei nostri obiettivi a breve termine e – dice il Sindaco, Lello Abete – credo che in paese si notino la cura che stiamo dando al territorio, all’ambiente, al verde, senza trascurare l’attenzione alle fasce deboli ed ai problemi più rilevanti, che richiedono interventi immediati. Anche le notti bianche, nell’ottica di garantire tutti i cittadini, rientrano nel nostro programma teso a mettere in moto la voglia del paese di uscire fuori dalla crisi e di ritrovarsi insieme, questa volta intorno ai valori del Natale che danno un senso a tutto questo lungo periodo festivo e invogliano a sperare nel presente e nel futuro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.