Verso la modifica della normativa sul gioco d’azzardo online in Grecia

Sono anni di svolte importanti per il gioco d’azzardo in tutta Europa. Il prossimo anno sarà la volta della Grecia, mentre l’Italia attende il suo riordino, ormai prossimo.

Nel paese ellenico la commissione garante del gioco, la Gambling Control and Supervision Committee ha messo al varo una serie di proposte per un intervento netto e radicale del mondo del gioco. I dossier finiranno, entro la conclusione dell’anno in corso, sul fascicolo del Ministro delle Finanze.

I consulenti incaricati, in sinergia con la commissione, stanno esaminando interamente il sistema gioco, fermo restando che nel Paese, a livello internazionale e di abitudini di giocatori, la situazione è in via di sviluppo. Intanto le richieste delle società, in nome della tutela dei giocatori, aumentano.

Uno dei principali punti di attenzione riguarda il settore online, in particolare le slot poiché le società greche chiedono che sia modificato l’importo massimo della scommessa a due euro. Contestualmente viene richiesta l’abolizione del ritardo obbligatorio di 3 secondi tra i cicli di gioco. Tale modifica interessa da vicino tutti gli operatori come 1Bet Casino che in Grecia ha una porzione di mercato abbastanza ampia.

Queste restrizioni, a detta degli operatori, assieme ad altri cambiamenti legati ai jackpot, hanno ridotto i ricavi delle aziende e di pubblico, poiché molti giocatori si rivolgono, come avviene in Italia del resto, al gioco d’azzardo illegale senza nemmeno esserne del tutto consapevoli.

La commissione ha così dato l’ok ad una società di analisi affinché venga condotto uno studio sulla pratica internazionale sul gioco d’azzardo, pronta a proporre un aumento considerevole del limite di giocata ed una riduzione del ritardo. La decisione, però, spetta al numero uno delle Finanze.

Vi sono delle obiezioni, legate alla fissazione di limiti specifici a tutela della dipendenza da gioco d’azzardo: una stima suggerisce che le scommesse più piccole ed il periodo di attesa obbligatorio tra loro vada a scoraggiare molti giocatori dal giocare somme enormi in un breve periodo, riducendo il rischio.

Il problema della concorrenza tra aziende resiste: il limite di 2 euro vale per le slot online e le VLT OPAP, non per i casinò. Se si alza il limite per il gioco online, si rischia di generare un contraccolpo nelle VLT e nei casinò. Si rischia di bruciare il vantaggio acquisito sulla pandemia.

In un contesto così non è da escludere che possa essere aumentato il limite di scommessa, ma anche altri cambiamenti come annunciato dalle società di scommesse online, soprattutto attorno ai jackpot.

Altri interventi vengono proposti in altre tematiche di funzionamento del mercato del gioco, legate alle agenzie e ai casinò.

Pubblicato
Etichettato come Rubriche

Di Redazione

Se anche tu vuoi avere voce su Italia News invia i tuoi comunicati a notizie@italia-news.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Don`t copy text!