Università, Confapi: ateneo sia centro aggregatore sviluppo

Raffaele Marrone, presidente di Confapi Napoli.
Condividi

Il presidente di Napoli, Marrone: «Segnale di speranza per il territorio»

Napoli, 17 ottobre 2022 – «L’apertura della nuova sede di Scampia dell’Università Federico II è un ottimo segnale per chi crede nel rilancio della zona di Napoli Nord. Un faro di cultura e di speranza lì dove una volta sorgeva uno dei simboli dell’abbandono istituzionale: una delle Vele tristemente note in tutto il mondo per episodi di criminalità». Così in una nota Raffaele Marrone, presidente di Confapi Napoli.

«Un faro, però, da tenere acceso e alimentato con interventi integrativi e collaterali che mirino a rilanciare il tessuto sociale ed economico di quella che impropriamente viene definita periferia ma che è tessuto cittadino in tutto e per tutto. L’Università da sola non può fare molto, ma la sua apertura deve essere considerata solo un primo tassello per ridare coraggio a quei territori, per valorizzarli. Servono strategie complessive, piani per il futuro».

«La facoltà di medicina deve rappresentare la prima di una serie di grandi opere che valorizzino il territorio, che premino i nostri “cervelli” convincendoli che non è necessario espatriare per trovare lavoro e occasioni di crescita. Se questo avverrà, Napoli avrà fatto un piccolo, grande miracolo» conclude Marrone.


Pubblicato

in

da

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Se ti è piaciuto
SEGUICI SU FACEBOOK

 

 
close-link