Categorie
Notizie locali

Senigallia (AN). Ai ragazzi del Liceo “Medi” il Premio Nazionale eTwinning

Gemellaggi elettronici, ai ragazzi del Liceo “Medi” il Premio Nazionale eTwinning

Sessanta studenti del Liceo Scientifico “E. Medi” di Senigallia, coordinati dalla prof.ssa Veronica Keohane, si sono aggiudicati il prestigioso Premio Nazionale eTwinning, per il miglior progetto nell’ambito del gemellaggio virtuale tra scuole europee promosso dalla stessa piattaforma. Per chi non lo sapesse, e-Twinning è la comunità delle scuole europee che dal 2005 lavora per sviluppare la cooperazione tra le diverse realtà scolastiche dell’UE privilegiando l’uso delle ITC (http://etwinning.indire.it).

“News in Europe”, questo il titolo del progetto è tra le quindici migliori esperienze di e-twinning realizzate nello scorso anno scolastico 2015-2016. In stretta collaborazione con i colleghi francesi e tedeschi degli istituti Joseph Savina in Francia e il Mainzer Steinhoefelschule in Germania, i ragazzi del “Medi” hanno esplorato la realtà dell’informazione e del giornalismo, realizzando interviste, scrivendo articoli, producendo video su temi “caldi” come la radicalizzazione, l’esclusione e i diritti civili. A documentare le attività svolte un sito allestito dai ragazzi stessi (https://sites.google.com/site/newineurope). Lavorando insieme in rete con i “gemelli virtuali” di Tréguier e di Mainz, gli studenti delle classi quarte linguistico del Medi hanno avuto la possibilità di consolidare alcune competenze chiave come la comunicazione in lingua straniera, la consapevolezza culturale, la cittadinanza digitale, sperimentando una forma di apprendimento che va al di là delle pareti dell’aula e che, anche per questo, si è rivelato coinvolgente e divertente.

Il premio verrà consegnato al dirigente scolastico del Liceo “Medi”, prof Daniele Sordoni, nel corso di una cerimonia di premiazione che avrà luogo a Napoli, in occasione della Conferenza Nazionale eTwinning del 18-19 novembre 2016. E’ inoltre prevista la realizzazione di un video con interviste ai ragazzi, docenti e personale scolastico coinvolto nel progetto e la pubblicazione dell’esperienza sul sito nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.