Categorie
Tecnoscienze

Scoperto nuovo tatuaggio su Otzi

tatuaggio Otzi
tatuaggio Otzi
Nuove rivelazioni arrivano dallo studio della Mummia Otzi o anche Mummia del Similaun, il noto reperto antropologico ritrovato il 19 settembre 1991 sulle Alpi Venoste, ai piedi del monte omonimo al confine fra l’Italia e l’Austria.

In uno studio pubblicato sul “Journal of Cultural Heritage” i ricercatori dell’Istituto EURAC guidati da Marco Samadelli nel mappare i vari tatuaggi noti sulla pelle hanno rinvenuto un nuovo tatuaggio sul petto della mummia finora sconosciuto grazie ad una tecnica fotografica non invasiva. La sofisticata tecnologia fotografica ha infatti permesso di individuare i tatuaggi in strati più profondi della pelle non visibili ad occhio nudo.

[easy_ad_inject_1]Il tatuaggio appena scoperto sul lato inferiore destro del torace si distingue come gli altri disegni sono visibili principalmente alla parte bassa della schiena e le gambe dal ginocchio al piede. In relazione ai rispettivi tatuaggi e alla zona dove sono rinvenuti, alcuni ricercatori hanno ipotizzato che in precedenza si trattava di misure di trattamento terapeutico, vale a dire una sorta di agopuntura per il sollievo del dolore articolare. Il tatuaggio di recente scoperta sul suo petto ora riapre il dibattito sul ruolo dei tatuaggi in tempi preistorici.

Le fotografie multispettrali sono state effettuate nella cella della mummia al Museo Archeologico dell’Alto Adige. “Ogni foto è stata scattata sette volte, ogni volta con una diversa lunghezza d’onda. Così siamo stati in grado di coprire le diverse profondità, in ciascuna delle quali la polvere di carbone utilizzato per i tatuaggi erano stabiliti. Per gli strati superiori della pelle, i raggi ultravioletti sono sufficienti, abbiamo usato per gli strati più profondi dei raggi infrarossi “, spiega Marco Samadelli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.