Sabato 22 ottobre 2022, Teatro Nuovo Napoli Anagoor presenta Ecloga XI testi di Andrea Zanzotto

Condividi

La pluripremiata compagnia veneta affronta le poesie di uno dei più influenti poeti italiani contemporanei, con un’indagine appassionata sul linguaggio della scena

Il sottotitolo, un omaggio presuntuoso alla grande ombra di Andrea Zanzotto, richiama quell’omaggio presuntuoso alla grande ombra di Virgilio di cui parlava Andrea Zanzotto provando a definire le sue IX Ecloghe, raccolta di versi pubblicata nel 1962.

Non è un gioco di parole, ma la descrizione perfetta di una relazione complessa e vitale con una tradizione precedente, che stavolta Anagoor intraprende con il poeta di Pieve di Soligo, per realizzare, appunto, Ecloga XI, il nuovo spettacolo della compagnia che sarà in scena sabato 22 ottobre 2022 alle ore 19.00 (in replica domenica 23) al Teatro Nuovo di Napoli.

Muovendosi tra tecnologia, video e teatro, Anagoor, il pluripremiato collettivo italiano, vincitore del Leone d’Argento per il Teatro alla Biennale Teatro 2018 e di numerosi altri premi in Italia e all’estero, si confronta da anni e con ostinata, ricercata inattualità, con grandi maestri del passato, da Giorgione a Virgilio, fino appunto al poeta Zanzotto. Un lavoro profondo che tra simboli e archetipi conduce a una memoria culturale collettiva.

Questo nuovo lavoro, con la regia di Simone Derai (che firma anche la drammaturgia con Lisa Gasparotto), l’interpretazione di Leda Kreider e Marco Menegoni, le musiche e il sound design di Mauro Martinuz, prosegue l’indagine scenica sulla parola poetica, intercettando stavolta quella di Andrea Zanzotto, con il quale condividono la sofferenza per la devastazione e la tenacia nel rinnovare la fiamma di arti solo apparentemente inascoltate. Le voci del Recitativo Veneziano sono affidate a Luca Altavilla.

“Zanzotto – sottolineano gli artisti – capta e illumina l’inferno dentro il quale siamo calati, eppure ostinatamente regge il fuoco di una speranza bambina. La sua intera opera rivela una natura complessa e cangiante, inafferrabile ma non oscura: il poeta del paesaggio, attraverso la visione della devastazione del paesaggio e la crisi del paesaggio interiore, della psiche e della lingua, afferra e connette le cause e gli effetti di un dolore che rende muti, ergendosi presto come forza civile e storica e persino metafisica”.

È qui che si manifesta il raggiungimento del maestro: l’intera opera di Zanzotto come una nuova ecloga, oltre le dieci di Virgilio, parla la voce futura della profezia e rinnova la visione di un bambino che verrà e sorriderà ai genitori.

Da sempre Anagoor ha a cuore la relazione tra politica, lingua, ambiente naturale e paesaggio, portando in scena linguaggi diversi. Non poteva perciò non avvicinarsi all’opera di Zanzotto, proseguimento di una ricerca scenica sulla parola iniziata nei primi anni del 2000. La scena ospita un’evocazione dell’opera Wood #12 A Z, per gentile concessione di Francesco De Grandi.


Pubblicato

in

da

Italia News è su Google News:
per essere sempre aggiornato clicca su questo link digita la stellina in alto a destra per seguire la fonte.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Se ti è piaciuto
SEGUICI SU FACEBOOK

 

 
close-link
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: