Categorie
Notizie locali

S. Antonio Abate (Napoli). Donadio: dopo rimpasto giunta, sindaco in Consiglio

L’ex consigliera comunale: «Cambio assessori un espediente che servirà a poco»

S. ANTONIO ABATE – «Non bisogna cambiare gli assessori, ma il sindaco». A dirlo è l’ex consigliera comunale di Sant’Antonio Abate, Donatella Donadio.

«Il nuovo, disperato tentativo – dopo quelli naufragati di andare al traino del Pd e di Ncd – da parte di Varone di raddrizzare la barra dell’Amministrazione dev’essere catalogato sotto la voce “espediente”: non serve a nulla il rimpasto di giunta, se resta intatta la incapacità di immaginare una forte azione amministrativa – aggiunge – a tutela delle fasce deboli e finalizzata allo sviluppo del territorio. Siamo davanti all’ennesimo colpo di prestidigitazione».

«Mi spiace umanamente per gli assessori dimissionari perché, in tempi non sospetti, avevamo lanciato l’allarme: li avevamo avvertiti sarebbero stati scaricati dal primo cittadino davanti alle crescenti difficoltà politiche, e così è stato. Avrebbero potuto dimettersi due, tre mesi fa – continua – e oggi la città li considererebbe sotto un’altra ottica. Invece, ora sono agnelli sacrificali».

«Spero almeno che il sindaco Varone, appena avrà varato la sua nuova squadra di governo cittadino, abbia il buongusto istituzionale di venire in consiglio per una verifica del programma e per illustrare le iniziative che verranno messe in campo col nuovo assetto. Che sia però non una messinscena, ma un confronto vero – conclude – con le opposizioni e con i cittadini. I danni provocati da quest’Amministrazione (mancata approvazione del Puc, bilancio…) li pagheremo, in termini di mancate occasioni, ancora per gli anni a venire; e non possiamo più ascoltare imprecisioni e bugie».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.