Categorie
Gossip

Premio Campiello 2010, Bruno Vespa apprezza il decolleté della Avallone e scoppia la polemica

Sabato 4 settembre 2010 si è conclusa la XLVIII edizione del Premio Campiello Letteratura, promosso ed organizzato dal 1962 da Confindustria Veneto. La cerimonia si è svolta presso il Gran Teatro La Fenice che ha incoronato il libro Accabadora, scritto da Michela Murgia (edito da Einaudi).

Ma a quanto pare la letteratura non è stato l’unico argomento della serata. Pare che altro tam di interessa della serata sia stato il decolleté di Silvia Avallone, premiata per il suo romanzo Acciaio. Quando la scrittrice è salita sul palco per ricevere il Premio, Bruno Vespa l’ha così annunciata:”assegniamo ora il Premio Campiello opera prima a Silvia Avallone, autrice del romanzo “Acciaio”, e prego la regia di inquadrare il suo strepitoso decolleté”.

E dopo questo complimento, per molti considerato fuori luogo (decidete voi), sarebbero venuti fuori un fiume di commenti. A darne testimonianza il giornalista Gad Lerner, che attraverso La Repubblica, ha messo nero su bianco su ciò che è stato detto in sala. In primis il commento della vincitrice Murgia, che a detta di Lerner, avrebbe detto:”Ma come è possibile? Vespa si comporta come un vecchio bavoso”. Le dichiarazioni di Lerner avrebbero scatenato anche la reazione dello stesso Vespa, il quale avrebbe replicato in un fuori onda rivolgendosi al giornalista: “tu mi attacchi perché non hai vinto il Campiello”.

Una polemica destinata a durare quanto la lettura di un romanzo? Intanto, cosa ne pensate dell’apprezzamento di Bruno Vespa? Sarebbe stato meglio parlare di letteratura piuttosto delle grazie generose della scrittrice?

Redazione

Di Redazione

Se anche tu vuoi avere voce su Italia News invia i tuoi comunicati a notizie@italia-news.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.