Categorie
Salute

Usa. Si studia una pillola per diventare buoni ed empatici

pillolaQuando si parla di pillola si pensa spesso a quella anticoncezionale. Non è questo il caso. Si parla nello studio che stiamo per presentare di una pillola per diventare più buoni ed empatici. Sembra l’elisir della felicità in forma chimica o l’ultima trovata pubblicitaria per propinare farmaci. In attesa di capirlo meglio per ora si tratta di semplice ricerca medico scientifica farmacologica.

Ricercatori della University of California di Berkeley e dell’Università di San Francisco starebbero lavorando sulla “pillola della bontà”, che  aumenterebbe il grado di empatia e ci farebbe sentire più comprensivi, tolleranti e in sostanza, più buoni.

[easy_ad_inject_1] Tutto il merito sarebbe del principio attivo presente nella pillola: il tolcapone,  un inibitore selettivo e reversibile delle catecol-O-metiltransferasi (COMT), uno dei sistemi enzimatici che metabolizzano la levodopa. Primo rappresentante di questa classe ad essere commercializzato, nel 1998, dopo 2 soli mesi, in Europa è stato ritirato per i casi di epatite fulminante, sindrome neurolettica maligna e rabdomiolisi associati al suo impiego.

La sperimentazione è stata condotta finora su 35 pazienti, che hanno testato la pillola a base di tolcapone. Non si sa se mai arriverà in Europa e in Italia ma intanto, prima di assumere roba chimica per essere più buoni, forse è meglio fare un po’ di meditazione, di ricerca di sé stessi, e amarsi un po’ di più. Questo sicuro funziona.

Redazione

Di Redazione

Se anche tu vuoi avere voce su Italia News invia i tuoi comunicati a notizie@italia-news.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.