Home Italia Tragedia familiare a Pannarano: fratello uccide e decapita il proprio congiunto

Tragedia familiare a Pannarano: fratello uccide e decapita il proprio congiunto

In preda a un raptus, un uomo decapita il fratello e getta la testa dal balcone

Pubblicità
Condividi

L’omicidio e le dinamiche della tragedia

Un episodio di estrema violenza ha scosso la tranquilla comunità di Pannarano, in provincia di Benevento. Un uomo di 59 anni ha ucciso il fratello di 65 anni al culmine di un litigio, infierendo sul corpo fino a decapitarlo. In un atto sconvolgente, l’omicida ha poi lanciato la testa della vittima dal balcone di casa.

L’autodenuncia e l’arresto

Dopo aver compiuto l’orribile gesto, è stato lo stesso assassino a chiamare i Carabinieri. Senza opporre resistenza, si è consegnato alle autorità. Questo gesto di autodenuncia ha permesso alle forze dell’ordine di intervenire prontamente sulla scena del crimine.

Pubblicità

Un contesto di convivenza difficile

I due fratelli vivevano insieme da quando il maggiore, rimasto vedovo, era tornato a vivere nella casa familiare. Secondo le testimonianze dei vicini, le liti tra i due erano frequenti. Questo clima di tensione continua sembra aver contribuito a scatenare la tragedia.

Reazioni della comunità

La notizia ha profondamente sconvolto gli abitanti di Pannarano, una comunità solitamente tranquilla. Gli amici e i vicini descrivono i due fratelli come persone normali, seppur spesso in conflitto. Ora la comunità si interroga su come un simile atto di violenza possa essere avvenuto proprio tra le mura domestiche.

Pubblicità

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here
Captcha verification failed!
CAPTCHA user score failed. Please contact us!