26.9 C
salerno
giovedì, 20 Giugno 2019
Home Blog Page 506

Previsioni meteo Italia martedì 12 giugno 2012: piogge e temporali su nord e centro, soleggiato al sud

0

Previsioni meteo e tempo sull’Italia per domani martedì 12 giugno 2012. Ancora una situazione caratterizzata da estrema variabilità del tempo sulle regioni settentrionali, in parte anche su quelle centrali, mentre al sud la situazione resta stazionaria con bel tempo e clima decisamente caldo. Ma vediamo nel dettaglio come sarà il tempo domani, martedì. In mattinata, al centro nord si prevedono condizioni di maltempo in gran parte delle regioni, anche con fenomeni intensi soprattutto su alto Piemonte, Lombardia, le Venezie e sulle Alpi orientali, con temporali talvolta accompagnati anche da grandine; piogge anche sul levante ligure, sulla Toscana, Emilia Romagna, Umbria e sulle Marche.’,’Nel corso del pomeriggio inizierà una fase di miglioramento a partire dal settore di nord ovest, sull’Emilia e anche in Toscana; continueranno invece le piogge nelle altre zone. In serata il tempo migliorerà ulteriormente, le uniche precipitazioni si prevedono a ridosso del settore alpino e sul Friuli Venezia Giulia, altrove prevarranno le schiarite. Sulle regioni centro meridionali e sulle isole maggiori, al mattino, avremo una situazione buona su Sicilia, Calabria, Campania, Puglia e Basilicata; si prevedono nuvole invece sul settore centro-settentrionale della Sardegna, con piogge di debole intensità, piogge più intense si prevedono su Lazio e Molise. Nel corso della giornata cesseranno i fenomeni sulla Sardegna e tenderanno a diminuire anche le piogge su Lazio e Molise, mentre tenderà ad aumentare la nuvolosità sul nord della Campania. In serata avremo ampie schiarite, ma persisteranno nubi più compatte sul nord della Campania; prevalenza di cielo sereno sul resto del meridione. Per quanto riguarda le temperature, le massime sono previste in rialzo sulle regioni meridionali con punte anche oltre i 30 gradi, in Sicilia si toccheranno i 33 gradi, mentre su tutto il resto del paese si prevedono in leggero calo. Ancora più in dettaglio si prevedono precipitazioni da sparse a diffuse, a prevalente carattere di rovescio o temporale, su Lombardia, Triveneto, settori settentrionali ed orientali del Piemonte, Liguria di Levante ed alta Toscana, sui settori prealpini lombardi e sui settori alpini e prealpini di Veneto e Friuli Venezia Giulia, su Toscana orientale, Appennino emiliano-romagnolo, Umbria, Marche e Lazio nord- orientale; precipitazioni da isolate a sparse, localmente anche a carattere di rovescio o breve temporale, sui restanti settori di Emilia Romagna, Toscana e Lazio e su Abruzzo e Sardegna, con quantitativi cumulati deboli.

Scossa di terremoto in Emilia-Romagna a Sant’Agostino, Ferrara magnitudo 2.7 alle 10:27 del 10 giugno 2012

0

Una scossa di terremoto di magnitudo 2.7 della scala Richter è stata registrata dai sismografi dell’Istituto Nazionale di geofisica e vulcanologia (INGV) in Emilia-Romagna in provincia di Ferrara nel distretto sismico Pianura Padana Emiliana. Il sisma si è verificato questa mattina 10/06/2012 alle 10:27:56 ad una profondità di 10.2 km. L’epicentro è stato individuato alle coordinate 44.79N, 11.412E nel territorio di SANT’AGOSTINO (FE) a meno di dieci chilometri dai comuni di GALLIERA (BO), SAN PIETRO IN CASALE (BO), MIRABELLO (FE) e POGGIO RENATICO (FE).’,’Il sisma si sarebbe sentito anche nei comuni di FELONICA (MN), FICAROLO (RO), GAIBA (RO), SALARA (RO), FINALE EMILIA (MO), ARGELATO (BO), BARICELLA (BO), BENTIVOGLIO (BO), CASTELLO D’ARGILE (BO), MALALBERGO (BO), MINERBIO (BO), PIEVE DI CENTO (BO), SAN GIORGIO DI PIANO (BO), BONDENO (FE), CENTO (FE) e VIGARANO MAINARDA (FE).

E voi l’avete sentita? Graditi i vostri commenti e testimonianze che pubbicheremo nel box sotto.

Previsioni meteo Italia martedì 5 giugno 2012: torna il bel tempo su tutto il paese

0

Previsioni meteo e tempo sull’Italia per domani martedì 5 giugno 2012. L’intensa perturbazione che ha investito l’Italia, si allontanerà già nelle prime ore di martedì, lasciando il posto ad un rinforzo dell’alta pressione che porterà bel tempo, sole e caldo soprattutto al centro sud mentre al nord il passaggio innocuo di un po’ di nuvolosità causerà qualche temporale solo sulle zone alpine. Ma vediamo nel dettaglio come sarà il tempo domani, martedì. A nord ovest torna il sole su tutte le regioni, con pochissime nuvole di passaggio e temperature massime in deciso rialzo, con picchi di 27-29 gradi.

Anche a nord est si prevede bel tempo, così come in Emilia Romagna; qualche nube al mattino potrà interessare le zone adriatiche mentre nel pomeriggio si prevedono un po’ di nubi sulle Alpi orientali; le temperature massime sono previste in sensibile rialzo e oscilleranno tra i 24 e i 29 gradi. Sulle regioni centrali, al mattino avremo ancora della nuvolosità, specie sulle zone interne; rischio di qualche debole pioggia isolata sulle Marche; nel pomeriggio si prevede tempo in ulteriore miglioramento e temperature massime in aumento, comprese tra 25 e 27 gradi.

Al sud, in mattinata, ancora qualche pioggia potrà interessare la Puglia meridionale, nubi anche sul versante tirrenico; nel corso del pomeriggio tempo in miglioramento con ancora delle nubi tra la Basilicata e la Puglia meridionale; si segnalano venti moderati di Maestrale sul Tirreno; al sud si prevedono temperature massime in lieve calo proprio per effetto del Maestrale. sulle due isole maggiori avremo bel tempo per tutta la giornata sia in Sardegna che in sicilia, con venti però localmente anche forti di Maestrale; le temperature massime rimarranno nella norma stagionale, comprese tra 25 e 29 gradi.

Previsioni meteo Italia sabato 2 giugno 2012: piogge sul nord est, bello e soleggiato altrove

0

Previsioni meteo e tempo sull’Italia per domani sabato 2 giugno 2012. Migliora il tempo su tutto il paese e ci prepariamo ad un fine settimana tutto sommato soleggiato e che domenica ci regalerà temperature praticamente estive con picchi oltre i trenta gradi. Nel dettaglio domani si prevede prevalenza di cieli sereni al sud e sulle due isole maggiori, ma avremo bel tempo soleggiato anche al centro e in Emilia Romagna, qui potremo avere qualche nuvola in più nel corso del pomeriggio.’,’Sui settori settentrionali prevarranno le nuvole, ma si verificheranno pochi rovesci confinati comunque a ridosso delle Alpi, Lombardia e in Friuli Venezia Giulia.

Isolati piovaschi saranno possibili anche sulla parte centro-occidentale della Liguria. Per quanto riguarda le temperature massime, oscilleranno tra 24 e 29 gradi su tutto il paese. I venti si prevedono in leggero rinforzo da sud. Vi anticipiamo che si prevede una bella giornata soleggiata anche per domenica, anche se dalla serata avremo nubi in aumento a partire da ovest, con piogge in arrivo lunedì prossimo.

Terremoto tra Campania e Basilicata magnitudo 3 alle 05:16 del 31 maggio 2012

0

na scossa di terremoto di magnitudo 3 è stata registrata dai sismografi dell’Istituto Nazionale di geofisica e vulcanologia (INGV) tra la Campania e la Basilicata. Il sisma si è verificato questa mattina 31/05/2012 alle 05:16:22 ad una profondità di 8.7 km. L’epicentro è stato individuato alle coordinate 39.894°N, 15.568°E in mare a meno di venti chilometri dai comuni di ISPANI (SA), SAN GIOVANNI A PIRO (SA), SAPRI (SA) e MARATEA (PZ).
Graditi i vostri commenti e testimonianze che pubblicheremo nel box sotto.

Previsioni meteo Italia venerdì 25 maggio 2012: tempo instabile da nord a sud, soleggiato sulle coste adriatiche

0

Previsioni meteo e tempo sull’Italia per domani venerdì 25 maggio 2012. L’alta pressione si mantiene ancora lontana dal nostro paese, un vortice di bassa pressione sta interessando in queste ore gran parte delle regioni del centro sud, domani si allontanerà verso la Grecia ma sarà ancora in parte responsabile di una marcata instabilità all’estremo sud. Intanto dal nord Europa si avvicinerà un nuovo nucleo di aria instabile che già domani raggiungerà il nord e poi nel fine settimana scivolerà verso il centro sud.’,’Ma vediamo nel dettaglio il tempo previsto per domani, venerdì. A nord ovest avremo una moderata nuvolosità con rovesci e temporali sparsi, specie nel pomeriggio non solo sulle Alpi ma anche in pianura e in Liguria; le temperature massime diminuiranno di qualche grado oscillando intorno ai 25 gradi. Nelle regioni di nord est avremo delle ampie schiarite sull’alto Adriatico, soprattutto tra il Friuli Venezia Giulia e le coste venete; nuvole altrove con qualche temporale isolato sulle Dolomiti e sull’Appennino piacentino; anche qui si prevedono temperature in leggero calo, ma si toccheranno ancora punte di 26-27 gradi.

Nelle regioni centrali avremo una giornata abbastanza soleggiata; un po’ di nuvolosità sull’alta Toscana e sulle zone interne, con qualche temporale previsto sul basso Lazio; le temperature non subiranno variazioni di rilievo, le massime oscilleranno ancora tra i 27-28 gradi tra Toscana, Umbria e Lazio. Nelle regioni meridionali rimarrà una residua instabilità tra bassa Campania, Basilicata, Puglia meridionale e Calabria, con lo sviluppo, soprattutto nel pomeriggio, di rovesci e temporali; anche qui le temperature massime rimarranno stazionarie tra i 20 e i 25 gradi. Nelle due isole maggiori la giornata sarà abbastanza soleggiata lungo le coste, un po’ più nuvole nelle zone interne della Sicilia e delle Sardegna, dove si formeranno rovesci e temporali; le temperature oscilleranno tra i 22 e i 28 gradi. Riepilogando, per domani, si prevedono precipitazioni da isolate a sparse, a prevalente carattere di rovescio o temporale, su Liguria, Piemonte, settori alpini e prealpini di Lombardia, Veneto e Trentino, su Emilia Romagna occidentale ed alta Toscana, con quantitativi cumulati generalmente moderati, specie sulle zone nord-occidentali; precipitazioni isolate, anche a carattere di rovescio o temporale, su Valle d’Aosta, Alto Adige, resto di Lombardia, Triveneto e Toscana, su Sardegna, Lazio, zone interne di Abruzzo e Molise, Campania, Basilicata, Calabria e Sicilia orientale con quantitativi cumulati da deboli a puntualmente moderati, specie sull’Appennino calabro-lucano e sulla Campania meridionale.

Arma vincente contro il virus dell’Epatite C. Intervista al Prof. Antonio Gasbarrini

0

Intervista al Prof. Antonio Gasbarrini, Professore ordinario di Gastroenterologia, Università Cattolica del S. Cuore, Roma, Direttore dell’Unità Operativa Complessa di Medicina Interna e Gastroenterologia, Policlinico Universitario Agostino Gemelli, Roma Presidente Fondazione Italiana Ricerca in Epatologia (FIRE) 

L’Epatite C è stata definita un’epidemia sommersa, per il numero di portatori sani e per l’assenza di sintomi, ma globalmente rappresenta la prima causa di decesso per malattie infettive trasmissibili: quali sono i numeri della patologia in Italia e nel mondo? Dai 130 ai 210 milioni d’individui nel mondo sono affetti da infezione cronica da virus dell’Epatite C. Nell’Europa occidentale, la prevalenza è stimata nel 0,4-3% ed è più alta nell’est Europa e nel Medio Oriente, sebbene non esattamente quantificabile. L’Egitto è il paese al mondo con più alta prevalenza: 9% nelle aree urbane, fino a raggiungere il 50% in alcune aree rurali. In Italia, il numero di soggetti con infezione da virus dell’Epatite C cronicamente viremici supera il milione e mezzo (3% della popolazione).

Può spiegarci qual è l’impatto sul fegato del virus dell’Epatite C e quali le conseguenze cliniche sull’organismo a breve e a lungo termine? Il virus dell’Epatite C è raramente causa di Epatite acuta e l’infezione primaria decorre asintomatica nel 50-90% dei casi; a seguito del contagio, la medesima percentuale d’individui diventa portatrice cronica del virus, poiché il sistema immunitario non riesce a eliminare spontaneamente l’infezione che, quindi, cronicizza. Il danno che il virus può arrecare al fegato è variabile in termini d’infiammazione e sviluppo di fibrosi epatica; in alcuni individui, nonostante la replicazione sia evidente e sostenuta, può non esserci un quadro di Epatite aggressiva; in altri casi la progressione della fibrosi può portare in tempi più o meno lunghi allo sviluppo della cirrosi epatica.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha recentemente riconosciuto la gravità del problema”Epatite C”, invitando i governi nazionali a stanziare fondi per far fronte all’urgenza: quali sono gli strumenti per arginare i danni di questa patologia? Nel passato la maggior parte delle infezioni da virus dell’Epatite C era dovuta al contatto con materiale ematico infetto, di tipo iatrogeno o per uso di droghe endovena; la trasmissione per via sessuale era invece più rara. Attualmente, un controllo più rigoroso del materiale sanitario e il miglioramento delle tecniche di sterilizzazione ha portato a ridurre drasticamente, fino al quasi completo azzeramento, il rischio di trasmissione. Tuttavia, il metodo migliore per arginare i danni dell’infezione da virus dell’Epatite C rimane l’informazione. Campagne sociali nelle scuole e fra i giovani che istruiscano sull’uso corretto del materiale sanitario e sulle politiche igieniche, nonché iniziative volte a contenere l’uso di droghe, oltre ad un’adeguata preparazione del personale sanitario, sono fondamentali per raggiungere questo obiettivo.

Quali sono le iniziative messe in atto in Italia? Con la Risoluzione 6318 del 2010 l’OMS ha stabilito che tutti i Paesi membri devono adottare misure volte a contrastare la diffusione e a sconfiggere le Epatiti virali. In Italia il progetto Alleanza contro l’Epatite (ACE) firmato da Fondazione Italiana Ricerca in Epatologia (FIRE), Associazione Italiana Studio Fegato (AISF) e EpaC ha proprio lo scopo di sensibilizzare media e Istituzioni nella lotta alle Epatiti da virus C e B nel nostro Paese.

Bce lascia tassi invariati, Draghi: segni di stabilizzazione economia zona euro, ma restano rischi

0

La Banca Centrale Europea ha deciso di lasciare invariato all’1% il tasso di interesse di riferimento della zona euro. Mario Draghi, in conferenza stampa, ha detto che si iniziano a vedere i primi segni di una stabilizzazione dell’economia dell’eurozona anche se permangono i rischi, sottolineando che l’Europa ha chiuso il quarto trimestre in maniera molto debole e che per questo la ripresa economica nel 2012 sarà molto graduale. Drgahi ha aggiunto che l’inflazione, per molti mesi, rimarrà ancora sopra il 2 per cento per poi iniziare a scendere.
Il presidente della Bce ha assicurato che la Banca centrale continuerà a sostenere il funzionamento del sistema del credito e della finanza nell’erurozona. Per quanto riguarda la crescita, Draghi auspica riforme strutturali e il mantenimento del rigore nel risanamento dei conti pubblici dei singoli paesi. Sul lavoro, sottolinea, occorre ridurre le rigidità, e creare maggiore flessibilità. Mario Draghi ha anche confermato che i leader politici greci hanno concluso un accordo sulle misure di austerità necessarie per assicurare un piano di salvataggio per tenere a galla la Grecia.

Terremoto in Calabria a Cosenza alle 00:20 del 18 dicembre 2011

0

Una scossa di terremoto di magnitudo 3.4 della scala Richter è stata registrata dai sismografi dell’Istituto Nazionale di geofisica e vulcanologia (INGV) in Calabria nella provincia di Cosenza nel distretto sismico della Valle del Crati. Il sisma si è verificato questa notte 18/12/2011 alle 00:20 ad una profondità di 5.5 km. L’epicentro è stato individuato alle coordinate 39.373°N, 16.175°E a meno di dieci chilometri dai comuni di Castrolibero,Cerisano, Lattarico, Marano Marchesato, Marano Principato, Moltalto Uffugo, Rende, San Benedetto Ullano, San Fili e San Vincenzo La Costa.
‘,’Il sisma si sarebbe sentito anche nei comuni di Bisignano, Carolei, Casole Bruzio, Castiglione Cosentino, Celico, Cervicati, Cerzeto, Cosenza, Dipignano, Domanico, Falconara Albanese, Fiumefreddo Bruzio, Fuscaldo, Guardia Piemontese, Lappano, Longobardi, Luzzi, Mendicino, Mongrassano, Paola, Paterno Calabro, Pedace, Pietrafitta, Rose, Rota Greca, Rovito, San Lucido, San Marco Argentano, San Martino di Finita, San Pietro in Guarano, Serra Pedace, Spezzano della Sila, Spezzano Piccolo, Torano Castello, Trenta e Zumpano.

Non risultano danni a persone e cose. E voi l’avete sentita? Sotto i vostri commenti e testimonianze.

Calciomercato Milan, verso lo svedese Lustig

0

E’ un terzino destro svedese di 25 anni. Secondo il sito sportivo 4-4-2.com, il club di via Turati sarebbe interessato a Mikael Lustig. Gioca nei norvegesi del Rosenborg, ha 25 anni ed è di nazionalità svedese. Si tratta di un terzino destro capace di diffendere e attaccare. E’ molto forte fisicamente, è veloce e bravo nelle palle alte. Stando sempre a quanto sostiene 4-4-2.com, il suo valore di mercato è relativamente basso: 2 milioni di euro.
Nei giorni scorsi, per quanto riguarda sempre la fascia destra, si è parlato del possibile arrivo in rossonero di Cassetti, 34 anni, in scadenza di contratto con la Roma. Attulamente il ruolo è ricoperto da Abate, che sta facendo benissimo. L’ex Torino è stato tra i più coraggiosi sia contro il Tottenham, sia contro il Chievo Verona. Il suo recente infortunio, evidentemente, non ha inciso affatto sulle prestazioni.
La situazione più problematica, per il Milan, è sulla fascia sinistra. Zambrotta è fuori per infortunio dallo scorso anno. Jankulovski è considerato da Allegri una sorta di ex. Antonini raramente è riuscito ad eguagliare le prestazioni dello scorso campionato. Ieri, tra l’altro, è rimasto vittima dell’ennesimo infortunio. Che dire del neo acquisto Didac Vilà? Allegri non lo ha fatto giocare nemmeno un minuto. I tifosi rossoneri si chiedono se sia così imprensentabile…
Insomma, più che sulla fascia destra, i problemi del Milan sembrano essere dall’altra parta.